GestoriCarburanti

Mercoledì, Feb 21st

Last update:02:00:05 PM GMT

La Q8 disdetta il contratto, Gestore ottiene rinnovo grazie alla solidarieta' del rione

E-mail Stampa

giuseppe fornaciariSan Iacopino, dopo la disdetta della Q8 il comitato protesta e scatta il rinnovo. «Io e la mia famiglia passeremo sicuramente un Natale più sereno, spiega con un filo di emozione Giuseppe Fornaciari, benzinaio di via Maragliano. Grazie ai residenti di San Iacopino: credo che l'affetto delle persone mi abbia aiutato a mantenere questo posto».

È una storia che sembra quasi scritta da Charles Dickens, quella che ha visto protagonisti Fornaciari e i residenti del rione fiorentino, ad una manciata di ore dal 25 dicembre. Tutto comincia ad inizio mese, quando su Facebook la presidente del comitato «San Iacopino» Francesca Lorenzi pubblica un post per segnalare la situazione di Giuseppe, che dopo sei anni di gestione del distributore — di proprietà Q8 — si è visto recapitare a metà novembre una lettera di «disdetta di contratto di appalto»: «Dopo anni di lavoro compiuto con massima dedizione, cortesia e competenza — si leggeva nello stato della Lorenzi — Giuseppe deve lasciare l'impianto di distribuzione carburante entro il 18 dicembre, con un preavviso di soltanto un mese!. Noi residenti — continua il testo — abbiamo a cuore la situazione, perché non vogliamo perdere un bravo lavoratore ed un grande amico, nonché padre di due bambine piccolissime».

Pochi giorni e lo stesso post supera i 2.000 like, arrivando a 5.593 condivisioni. Anche il presidente di Q1, Maurizio Sguanci, viene chiamato in causa: «Ci aiuterai?», chiede Francesca Lorenzi, «Non ho idea di come, ma ci provo volentieri», risponde subito il presidente, mentre altri utenti esprimono la loro vicinanza: «Aiutiamolo, è sempre gentile, non può rimanere senza lavoro, ha famiglia!», commenta Silvia. «Conosco Giuseppe, veramente un'ottima persona, la proprietà dovrebbe andarne fiera ed invece pensa di non rinnovargli il contratto. Una storia tipicamente italiana», aggiunge Alfonso.

Arriviamo così alla svolta. La Q8 convoca infatti Fornaciari, per dargli una notizia che è a tutti gli effetti il più bel regalo da trovare in anticipo sotto l'albero: altri sei mesi di proroga per il benzinaio, che il 18 dicembre — giorno in cui avrebbe dovuto abbandonare via Maragliano — firma invece il nuovo contratto. «Vittoria! — commenta su Facebook Francesca Lorenzi — Un ringraziamento a Q8 da parte del comitato San Jacopino. Grazie anche a tutti coloro che si sono interessati con messaggi di solidarietà». La stessa Lorenzi racconta la vicenda: «Il post del nostro comitato ha risolto tutto. Oliando l'eco di Facebook è arrivato a Roma, la sede centrale ha subito provveduto a mettersi in contatto con il responsabile di Firenze. Meno male, perché i giorni a nostra disposizione erano pochi». «Ecco le cose veramente belle — scrive un'utente Facebook — Ogni tanto, specialmente a Natale, è bello leggere storie a lieto fine.

Fonte: Corriere Fiorentino 

Commenti (3)
  • Angelo

    Sei mesi o sei anni?Sennò è una presa per i fondelli !!!!!!!!!!

  • Giulio

    E tra 6 mesi una nuova disdetta, senza l'eco del Natale. Veramente una grande vittoria

  • Anonimo  - appaltatori

    appaltatori non Gestori c'è una differenza sostanziale

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie