GestoriCarburanti

Venerdì, Oct 31st

Last update:09:09:53 AM GMT

Caro Collega fai sentire la tua voce

E-mail Stampa
{idkey=4086b0[url=http%3A%2F%2Fwww.gestoricarburanti.it%2Fredazione%2Feditoriali%2Farticoli-della-redazione%2F4112-caro-collega-fai-sentire-la-tua-voce-][title=Caro+Collega+fai+sentire+la+tua+voce+][desc=Caro+Collega+fai+sentire+la+tua+voce]}

Domani, 31 maggio, ore 9, ci sarà una importante riunione tra le associazioni dei Gestori e l'Eni per la riapertura del cosidetto tavolo di confronto.

Un evidente tentativo della compagnia petrolifera di imporre la condivisione all'iniziativa Iperself H24  per uscire dall'attuale difficoltà dovuta principalmente alla resistenza dei Gestori.

A tal proposito vogliamo invitare tutti i Colleghi che ci leggono a far sentire la propria voce e dire basta ad ogni forma di selfizzazione che rischia di condannare definitivamente la categoria all'estinzione.

Vogliamo farlo trasmettendo ai vari Presidenti di Faib, Fegica e Figisc l'indignazione a qualsiasi ipotesi di accordo che sancisca o prefiguri la condivisione di questo disegno.   

Caro collega sei invitato, indipendentemente se appartenente ad una sigla sindacale, indipendentemente dalla sigla sindacale di appartenenza, indipendentemente dalla  compagnia petrolifera, di mandare copiando ed incollando il seguente messaggio ai vari indirizzi e-mail -  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ; Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. ;

Egregio Presidente, ti invitiamo a resistere ad ogni tipo di forzatura perpretato dalla
compagnia petrolifera ed a rigettare qualsiasi ipotesi di accordo che prefiguri
l'accettazione alla tipologia di vendita denominata Iperself H24.

NON ACCETTARE LA SELFIZZAZIONE DELLA RETE. NON ACCETTARE IL DISEGNO DELLA COMPAGNIA PETROLIFERA  CHE DALLA DIVISIONE DELLA CATEGORIA HA TUTTO DA GUADAGNARE. DARE IL PROPRIO CONSENSO A QUESTO DISEGNO SIGNIFICA RINUNCIARE ALLA PROPRIA DIGNITA' DI CITTADINO ED AI PROPRI DIRITTI DI GESTORE. NON TI PIEGARE AL VOLERE DELLE COMPAGNIE! LOTTA CON NOI!

Commenti (20)
  • pablo

    io penso che sia arrivato il momento che ci sia SOLO UNA SIGLA SINDACALE A LIVELLO NAZIONALE che tuteli la categoria dei benzinai,

  • giamaica-agip

    Se eni ha convocato i sindacati solo per riaprire le trattative per l'iperself siamo messi male.... O lo vuole togliere e non sa come fare?

  • giamaica 2

    ho fatto un salto sul portale Gestori eni e girano voci di superiperself nel fine settimana con sconti -20 e cazzate simili. Se ciò fosse vero vorrei proprio sapere se si è deciso di prendere per il c**o i clienti o i Gestori.
    Perchè delle due , l'una : o si prendono per il c**o i clienti con il prezzo "a calendario " , o si prendono per il c**o i Gestori con il prezzo " alla come decido io". Poi vai a chiedere un centesimo di aumento e ti rispondono che la crisi, le vendite , il dollaro , per il Gestore è già troppo che lo tengono li a mendicare.

  • Fabiano  - H24

    Cari Colleghi:
    Sulla questione H24 noi abbiamo sempre avuto un atteggiamento negativo era nostra convinzione che questa modalità non avrebbe portato nulla di buono
    Ora gli scenari sono due :
    1) avendo una buona parte di Gestori scellerati che hanno aderito ora si trovano una certa inflazione di impianti h24 con effetto che se tutti o quasi aderiscono la fetta destinata a ciascun impianto non si modifica ed il ritorno di maggior erogato come da prospettato NON ESISTE.
    2)Volevo anche segnalare che i segni di questa forsennata selfizzazione ha portato in alcune parti del paese all'abbandono delle stazioni di carburante ....in particolare al Sud ci sono mega impianti deserti... ed il mancato presidio dell'impianto sta recando non pochi problemi ai vertici Eni vedi"sporcizia ovunque,devastazione strutture,ed non per ultimo sono comparsi gli extracomunitare che campeggiano facendo il servizio ai malcapitati di turno in cambio di un obolo" siamo davvero con situazioni a rischio:
    Ovvio che la mente malata che ha partorito tale i*******ità trova normale ed efficace portare gli impianti da -10 a - 15 o -20 tanto che gli frega mica usa soldi suoi.........

  • giamaica-agip

    gli effetti catastrofici sugli impianti erano da prevedere. Non mi risulta di aver letto fino ad ora di impianti che hanno raddoppiato le vendite o almeno di aver aumentato tanto da pareggiare i conti! Ho notato in zona invece che la concorrenza , senza tanto strombazzare , si è già adeguata . Il Genio di via Laurentina avrà preso nota di ciò?
    Per quanto voglia fare Eni , la concorrenza è sempre due passi avanti.
    Forse perchè ogni quattro Gestori eni c'è un funzionario da mantenere.........

  • Stefano Finotto

    Hai perfettamente ragione, la concorrenza senza tanto strombazzare...Purtroppo per noi, qui in Veneto , la concorrenza più forte è quella delle pompe bianche ,le quali hanno prezzi molto più bassi non solo di ENI in H24, ma anche delle altri marchi che ,come dici tu senza tanto strombazzare, stanno andando sotto ad eni ( es Total-erg ). Dunque H24 è un fallimento per ENI sia sul piano del merito che su quello del metodo. Il problema è che il fallimento è prima di tutto del Gestore .Almeno il Gestore potesse mantenere il proprio margine !!! In vista dell'incontro tra eni e sindacati di stamattina, abbiamo , come Gisc, inviato ieri comunicazione ad Eni , faib ,fegica,figisc e a tutti i Gestori eni , intimando di far rispettare l'accordo sottoscritto il 25/11/2012 art 7.2 punto e). Prevede che gli sconti superiori all'iperself -5 siano tutti a carico di Eni. Quindi anche un H24 a -10 dovrebbe essere a carico della compagnia. Perchè fino ad ora non lo si è mai fatto valere? Cosa sono andati a fare stamattina a Roma ? Aparlare di accise ? Percarità , solidarietà all'Emilia, ma mi sembra che ci sia sempre una scusa per far passare in secondo piano la condizione tragica delle gestioni. All'Emilia le case le ha strappate il terremoto, a noi Gestori le stanno strappando le compagnie e quei tre sindacati che non san far valere nemmeno un accordo favorevole già condiviso. Oppure non vogliono ?

  • timpani

    L'incontro in eni è tuttora in corso. mi pare prematuro già dire cosa stanno facendo le tre sigle sindacali. Ho già avuto modo di dire che, per quanto riguarda la Fegica, le nostre posizioni sono pubbliche, chiare e di inequivocabile rifiuto delle strategie attuali eni. Sia nel meritoche nel metodo. Per il resto è sempre facile dire che il Sindacato sbaglia : il difficile è confrontarsi mi pare, al di là delle iniziative pubbliche. sulle diffide ad eni, se qualcuno è interessato, posso fornire qualche metro cubi di lettere che la Fegica , da sola o con Faib, ha inviato, proprio per il rispetto dell'ultimo accordo del 2010 eni. ma se poi, invece di confrontarsi con serenità, si preferisce inveire, allora è un altro tipo di approccio. io mi permetto di intervenire solo per rispetto a quei Gestori - e sono tanti, sempre di piu', in ogni parte di Italia, che ascoltano, si confrontano e serenamente collaborano volontariamente afar andare avanti la Federazione cui appartengo.

  • Stefano Finotto

    Nessuna volontà di inveire contro Fegica o faib ,solo uno stimolo ad andare agli incontri con eni o le altre compagnie ponendo dei paletti in modo ineludibile. Un dirigente Eni a Padova mi ha detto " il nostro DOGMA è vendere più lt possibile "(parole testuali ). La mia risposta fu che il DOGMA del GISC è creare redditività per i propri associati. Non tutelarli genericamente, ma garantire condizioni di vita economicamente consone agli sforzi che fanno e alle responsabilità che hanno. QUESTO E SOLO QUESTO DOVETE PRETENDERE AGLI INCONTRI. Ecco il perchè del suggerimento che Gisc vi ha dato,ecco il perchè dell'invito a voi fatto per la manifestazione a Milano, ecco il perchè degli inviti a voi fatti qualche mese fa per un incontro qui in Veneto ( ricorda Roberto ? ). Finora non c'è stata risposta agli inviti . O no ? Le nostre porte non sono MAI CHIUSE. E poi a VE eTV c'è un clima sereno , nessun condizionamento da Roma , insomma condizioni ideali per un dialogo costruttivo. Ci pensi. Buona riunione.

  • Fabiano  - Concordo e ribadisco

    Cari Colleghi:
    dicevo concordo e ribadisco con il collega di Fegica timpani, il Sindacato qualunque esso sia va rispettato e appoggiato.e se si deve fare delle critiche, bhe allora si va nelle sedi opportune e ci si confronta serenamente ogni Gestore ne ha facoltà ........e forse concedetemelo,oggi più che il diritto sarebbe un dovere cercare di essere compatti per garantire un futuro alla categoria e alle nostre famiglie .

  • Stefano Finotto

    eh no Fabiano. Il sindacato va rispettato quando fa , non quando non fa . Secondo te perchè noi del Gisc ce ne siamo andati dalla Figisc ? Perchè ci andava di partire da sottozero da un angolo della pianura padana ? bistrattati da tutti ? boicottati e non riconosciuti ? no , caro Fabiano io non posso avere rispetto verso un sindacato che ha fatto di tutto per ledere i miei interessi.
    E poi quali sarebbero le sedi opportune ? Secondo me anche questo forum è una sede opportuna. Ricevo dai miei Gestori 30 telefonate e 20 mail al giorno. Devo dir loro che quelle non sono le sedi opportune ? Se per sede opportuna tu intendi la segreteria del sindacato aspettando le riunioni e stop, ti dico che i Gestori fanno atempo a morir di vecchiaia.
    La partecipazioni , i suggerimenti ,gli stimoli, le critiche ecc i Gestori del gisc li esprimono OVUNQUE e COMUNQUE . Loro sanno che in loro favore il sindacato c'è a prescindere dalla opportunità o meno del momento e della sede .Ecco perchè lo rispettano , ecco perchè non perdiamo associati, ecco perchè PRETENDIAMO che la loro voce venga ascoltata anche dagli altri sindacati. Compreso il tuo , qualunque esso sia.
    Io rispetto tutti , ma è ora che anche quei sindacati che vanno asedersi davanti alle compagnie rispettino i Gestori che rappresentano.
    Nulla di personale .Ciao

  • Franco

    Ottimo intervento e sono praticamente d'accordo su tutto. Immagino che chi avesse a cuore le sorti della categoria dei Gestori non potesse che uscire dalla figisc. Quelli rimasti hanno praticamente avuto a cuore solo le proprie sorti.
    Continuate cosi Gisc.

  • davide

    sig timpani,premetto che io non credo assolutamente ai sindacati in genere,però devo darle atto che lei è l'unico oltre a quelli della gisc che partecipa ai vari argomenti del forum.se posso permettermi volevo solo farvi una domanda,qui si dice che in italia abbiamo stazioni di servizio in abbondanza quindi non si riesce ad abbattere i prezzi,ma vedo anche spuntare stazioni di servizio come i funghi e la maggior parte sono di retisti che fanno parte dei sindacati,come mai per i soliti signori le porte sono sempre aperte e per i comuni mortali no?io per una semplice gestione sono anni che mando curriculum chiamo società,parlo con retisti ho fatto corsi per fantomatiche liste ma non mi chiama mai nessuno?scusi per lo sfogo.

  • timpani

    lo strumento che ci mette a disposizione Gestori Carburanti è notevole, le comunicazioni telefoniche sono il nostro pane quotidiano, e le assemblee dei Gestori sono per me l'unico modo di fare sindacato. ne facciamo molte, senza troppi clamori, senza bollettini che spesso ricordano i filmati del ventennio, senza forse troppo apparire. Le occasioni per confrontarsi con Gisc si sono trovate, ma forse qualcosa è andato storto all'ultimo momento. Nulla è perduto defintivamente. Sui sindacalisti che aprono impianti ho una mia opinione e capisco che sul territorio qualche contraddizione emerge. io sarei della idea di costituire gruppi di Gestori che aprono o rilevano impianti, in forma osereri dire "comunista" ma capisco che oggi è come bestemmiare in chiesa. Ma sono anche dell'avviso che un riferimento, messo non a caso nella nuova legge sulle liberalizzazioni, puo' consentire molte cose oggi. A patto che si facciano in maniera collettiva. Ci stiamo lavorando e non da pochi giorni.. Poi, come immagino, se ci saranno vittorie, queste avranno molti padri, se ci saranno sconfitte, queste saranno orfane... ma preferisco stare trai tanti "padri putativi", senza troppe medaglie. L'augurio è che le cose che bollono in pentola un po' ovunque diano i risultati giusti.

  • Stefano Finotto

    Le riunioni sono UNO DEI TANTI MODI di far sindacato, dipende dal livello di informazione che si vuol dare. Comunque , è vero che c'era l'occasione perchè fegica , faib e gisc si incontrassero, ma è altrettanto vero che QUALCUNO HA FATTO IN MODO CHE QUALCOSA ANDASSE STORTO ALL'ULTIMO MOMENTO. Le cose non sono andate storte per PURA SFORTUNA ! ( ricorda Roberto ?).
    Tuttavia mi fa piacere che ci siano ancora speranze. Se vi trovate particolarmente bene in quella sede , vuol dire che vi inviteremo alle nostre assemblee.
    Per quel che riguarda i filmini, mi creda che non vengono fatti a scopo propagandistico , ma solo perchè abbiamo deciso di NON ASPETTARE UNA CONVOCAZIONE DALLE COMPAGNIE per far sentire la nostra voce di protesta. Vogliamo farlo alla luce del sole, senza incontri in corridoio , facendo partecipare la base. Tutta ,anche la vostra . Vedrà che filmino oggi, filmino domani...qualcuno prima o poi ascolta

  • giamaica-agip  - per timpani, per finotto

    Grande Timpani , sempre attento agli interventi postati.
    Ogni Gestore con i suoi interventi su questo sito offre nuove cartucce da sparare ; non sempre i calibri sono uguali , ma nel bisogno si possono scambiare con gli altri sindacati. Basta che non ve le sparate fra voi. La mira va indirizzata con uniformità verso altri bersagli....................

  • Giancarlo Tv  - re:
    Stefano Finotto ha scritto:
    Le riunioni sono UNO DEI TANTI MODI di far sindacato, dipende dal livello di informazione che si vuol dare. Comunque , è vero che c'era l'occasione perchè fegica , faib e gisc si incontrassero, ma è altrettanto vero che QUALCUNO HA FATTO IN MODO CHE QUALCOSA ANDASSE STORTO ALL'ULTIMO MOMENTO. Le cose non sono andate storte per PURA SFORTUNA ! ( ricorda Roberto ?).
    Tuttavia mi fa piacere che ci siano ancora speranze. Se vi trovate particolarmente bene in quella sede , vuol dire che vi inviteremo alle nostre assemblee.
    Per quel che riguarda i filmini, mi creda che non vengono fatti a scopo propagandistico , ma solo perchè abbiamo deciso di NON ASPETTARE UNA CONVOCAZIONE DALLE COMPAGNIE per far sentire la nostra voce di protesta. Vogliamo farlo alla luce del sole, senza incontri in corridoio , facendo partecipare la base. Tutta ,anche la vostra . Vedrà che filmino oggi, filmino domani...qualcuno prima o poi ascolta.

    Egregio Dottor Finotto esimio dottor Timpani Permettetemi : Ha HA Ha Ha Ha Ha Ha Ha Ha Ha Ha ha ha ha HI HI HI Hi Hio. Prossimamente vi spiego perchè
  • Stefano Finotto

    Non sono dottore.Su di te invece non c'è stato e non c'è tanto da ridere. Per esempio il tuo sarcasmo non fa più ridere , soprattutto quando attacchi Parin.
    Ti ricordo che se venisse fuori la verità sul tuo passato ,qualcun'altro riderebbe ....tutti i Gestori d'Italia.
    P.S. Da adesso in avanti ti ignorerò

  • Giancarlo TV  - re:
    Stefano Finotto ha scritto:
    Non sono dottore.Su di te invece non c'è stato e non c'è tanto da ridere. Per esempio il tuo sarcasmo non fa più ridere , soprattutto quando attacchi Parin.
    Ti ricordo che se venisse fuori la verità sul tuo passato ,qualcun'altro riderebbe ....tutti i Gestori d'Italia.
    P.S. Da adessoRe: Dottor Fiotto

    Mamma mia Da che pulpito arriva la; PREDICA sto tremando come un fuscello al vento, inguaini gli artigli e se vuole misurarsi e sentire con le sue orecchie la verità organizzi un incontro col suo Presidente se ha ancora il coraggio di essere tale, non si dimentichi dei Gestori, è facile mischiare le carte e far credere l’ incontrario della verità a chi non è a conoscenza DEI FATTI.

    Lei Dottore ricorderà che ci siamo conosciuti a Castelfranco successivamente a Padova abbiamo scambiato due parole, se lei crede che questo basti a conoscere una persona: Carattere, Onestà, Coerenza, Perseveranza, come vede neanche il Presidente Parin mi conosceva a fondo dopo 10 e più anni che ci conoscevamo.

    Per il sarcasmo è questione di vedute se non vi fa ridere figuratevi io ? ? ? ! ! !

    Auguri per la scampagnata a Milano occhio con l’ umidità la cassa si ingrossa.

    Comunque sia Io Sto Ancora Aspettando Le Sue Scuse, “ Del Presidente sottointeso “, ( Lo scrivo per inciso per sicurezza non si sa mai ).

    Come mai come il suo Presidentissimo scrive lettere aperte e/o dei commenti per poi non interloquire più con me ciò dovrebbe far riflettere ! !
    !
    ( Dottor Timpani la sto cercando in tutte le maniere e sto aspettando con ansia perché dicono che solo le montagne non si incontrano. )

































    in avanti ti ignorerò
  • Anonimo

    Ci sono anni di lotta x avere un misero aumento e loro si permettono il lussi di esercitare con il meno20 i sindagati ci stanno solo ingannando basta non si puo lavorare con un capitale cosi alto e guadagnare una miseria. vogliamo la mosifica del contratto

  • massimiliano marin  - abbiamo fatto una riforma

    noi abbiamo fatto una riforma contro la società, noi Gestori abbiamo capito che e la società ha bisogno di noi, no noi che abbiamo bisogno di loro

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.