Lettera di un Gestore al Senatore Cursi in seguito alle affermazioni di Scaroni

Stampa

emailIn relazione alle parole pronunciate dall'ad di Eni, Paolo Scaroni, nell’audizione resa in data 10 ottobre presso la Decima Commissione Permanente del Senato,  pubblichiamo l'appassionata e condivisibile lettera inviata tramite E-mail al presidente della commissione, Senatore Cursi, da un nostro collega ed affezionato lettore. Riportiamo la notizia, oltre che per dare conto dell'ottima iniziativa anche per invitare quanti si siano sentiti indignati dalle parole pronunciate da Scaroni, ma ancora di più dall'indifferenza dimostrata dai Senatori presenti. E', se volete, un piccolo gesto ma a volte le grandi questioni partono proprio dall'unione di piccoli  gesti come questo.

Buongiorno Senatore Cursi.
Mi chiamo Musetti Flavio e sono un gestore di un impianto di carburanti.

In questi giorni ho avuto occasione di vedere il video dell'incontro che avete avuto in Commissione Industria, Commercio e Turismo del Senato con il Sig. Scaroni in riferimento all'indagine conoscitiva sulla strategia energetica nazionale.

Durante l'intervento emerge che la colpa del caro carburanti in Italia sia quasi ed esclusivamente da assegnare al Gestore.

Lui, con i suoi 40€ LORDI ogni mille litri, è la causa di tutti i mali del settore che si ripercuotono a livello nazionale su tutti i cittadini.

In Italia ci sono 24mila stazioni di servizio che per il Sig. Scaroni rimangono aperte poche ore al giorno, senza servizi, senza rivendite di giornali, tabacchi e altro.

Le vorrei ricordare che non siamo noi ad aprire gli impianti, noi li prendiamo in gestione e non siamo noi che non vogliamo le attività che permetterebbero di arrotondare i nostri miseri margini. Saremmo ben contenti di poter integrare questi servizi. Ma in Italia questi ostacoli sono difficili da superare e non di sicuro per la nostra mancanza di volontà.

Ma facciamo che per ipotesi questo peso che grava sul prezzo finale del carburante scompaia. Da un prezzo medio di 1,85€ per un litro di benzina togliamo il gestore....... Prezzo finale 1,81€.

Diventiamo competitivi a livello Europeo ? Non credo, avremo solo 24 mila gestori a casa con magari anche 50mila dipendenti licenziati. Ottimo risultato......

Noi rivendichiamo solo la nostra dignità, noi vorremmo poter dire la nostra su come stanno le cose in modo che Lei e la Commissione Industria abbiate la possibilità di ascoltare l'altra campana.

Dal mio punto di vista e quello di molti colleghi, forse la quasi totalità, il quadro che il Sig. Scaroni ha rappresentato non è proprio quello reale. NOI siamo disposti a fare la nostra parte per contribuire al contenimento del prezzo finale del carburante, ma non siamo disposti a essere trasformati in capri espiatori.

Qualora fosse interessato ad approfondire meglio la situazione io ed altri colleghi saremmo ben lieti di poter intervenire per illustrare anche il nostro umile punto di vista.

Cordiali saluti.

Musetti Flavio


Cesare CURSI
XVI Legislatura


Regione di elezione: Lazio
Nato il 18 dicembre 1942 a Roma 
Residente a Roma
Professione: Avvocato cassazionista

Elezione: 13 aprile 2008 
Proclamazione: 21 aprile 2008 
Convalida: 3 novembre 2009 

Membro Gruppo PdL

Presidente della 10ª Commissione permanente (Industria, commercio, turismo)

Contatti

E-mail: 

cursi_c@posta.senato.it


Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie