GestoriCarburanti

Domenica, Oct 21st

Last update:08:01:15 AM GMT

Il pasticcio sulla fattura elettronica

E-mail Stampa

e-fattura spilliStaffetta Quotidiana - Ieri l'Agenzia delle Entrate ha convocato la filiera petrolifera per il 25 giugno. Ma intanto la maionese è impazzita
Ieri pomeriggio l'Agenzia delle Entrate ha diramato un invito alle associazioni della distribuzione carburanti per un incontro il 25 giugno. Ma a circa due settimane dall'entrata in vigore dell'obbligo di fatturazione elettronica per le vendite di carburanti alle partite Iva, è scoppiato un putiferio che ha visto coinvolte associazioni, politici e amministrazione finanziaria. E ancora oggi non si sa se ci sarà un rinvio, se ci sarà per qualche mese un “doppio canale” o se saranno solo “congelate” le sanzioni per il primo periodo dell'obbligo.

Dopo l'annuncio dello sciopero da parte dei gestori carburanti, è intervenuto il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio annunciando un intervento per il rinvio. Rinvio che era già previsto da alcuni emendamenti bocciati e riproposti in questi giorni in Parlamento.

Nel frattempo Assopetroli è uscita ieri con un duro comunicato in cui denunciava i ritardi dell'Agenzia delle Entrate. L'Agenzia, presieduta dal "renziano" Ernesto Maria Ruffini, ha risposto in serata con una nota piuttosto irrituale in cui ricordava tutto quello che ha fatto in questi mesi, in termini di confronto con le associazioni e di produzione di circolari e norme.

Questa mattina la Fegica, pur apprezzando la disponibilità di Di Maio, rincara la dose denunciando che l'Agenzia non ha ancora messo a disposizione “gli strumenti tecnologici (app e software per pc) indispensabili all'assolvimento degli obblighi previsti dalla normativa”, e che i ritardi e “l'inerzia dell'iniziativa legislativa” stanno alimentando “il grandissimo business che è nato e sta proliferando sulle spalle dei gestori che si vedono costretti a correre precipitosamente ai ripari ed acquistare sul mercato costosissimi prodotti” per l'assolvimento dell'obbligo.

Infine, Unione Petrolifera, attraverso twitter, sancisce la spaccatura del fronte petrolifero: “grazie al lavoro dell'Agenzia delle Entrate e all'impegno del settore – si legge in un tweet – le aziende petrolifere nostre associate impegnate nel contrasto all'illegalità sono pronte dal 1° luglio 2018 per la fatturazione elettronica di tutte le loro vendite di carburanti”.

La situazione è la peggiore che si potesse immaginare, tra ritardi e incertezze. Certo, come denunciavamo in tempi non sospetti, le norme per il contrasto all'illegalità hanno fatto venire in primo piano l'arretratezza di un settore, quello della distribuzione carburanti, che per buona parte ha sofferto negli ultimi anni di una clamorosa mancanza di investimenti, tanto da trovarsi, in parte, impreparata rispetto ai nuovi obblighi.

Altrettanto certo è che le norme, per stessa ammissione dell'amministrazione finanziaria, non brillano per chiarezza.

Come certo è che, in vista dell'entrata in vigore dell'obbligo, tanti gestori, oltre alle società petrolifere, si sono attrezzati, sostenendo anche delle spese. Hanno fatto male a essere previdenti? E siamo sicuri che un eventuale doppio canale (coesistenza carta carburante e fattura elettronica) non creerà più problemi di quanti ne risolva?

E pensare che le norme per il contrasto all'illegalità inserite nella legge di Bilancio erano nate da uno sforzo unitario di tutte le associazioni. Cosa è successo nel frattempo?

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana 

Commenti (21)
  • DIEGO

    Ciao a tutti, al di la del solito casino all' italiana adesso convocano per il 25/6 a una settimana dalla partenza le parti per...........rinvio?........noi e per noi dico tutto il ns. mondo abbiamo avuto 6 mesi per capire magari poco ed organizzarci se vogliamo continuare a lavorare, si perchè di questo si tratta, continuare a lavorare,invece di lamentarci, a volte offenderci verbalmente tra chi è già organizzato e chi no, dopo tanti anni vedo che la categoria è sempre peggio e la definizione di benzivendoli è azeccattissima. Certo siamo stati massacrati da un sistema dove i sindacati hanno contribuito al massacro ma noi abbiamo messo tanto del nostro e ci stà anche bene perchè ci siamo solo lamentati e basta e lo continuiamo a fare. Ci sta bene e spero che ai benzivendoli che blaterano qui tolgano anche quel poco che rimane.
    Quando un po di anni fa ad una convocazione sindacale di colore per una questione importantissima di quel momento, di una compagnia XY, su circa 50 Gestori di quella provincia ne erano presenti 11 vuol dire, mi ripeto, che ci sta bene.

  • OLEOBLITZ  - interessi più grandi

    fattura E......farla non farla e rinviarla cambia poco, chiediamoci perché negli ultimi tempi hanno stretto sempre più il settore petrolifero, perché norme sempre più severe...le pompe bianche, i privati, i piccoli medi e grandi retisti hanno intaccato gli interessi delle società petrolifere (tanto che molte son uscite dal mercato italiano)...quindi il governo passato (Renzi e compagnia) non ha fatto altro che difendere gli interessi delle società petrolifere come fece per le banche.....tutto qua!!!!!! ora unione petrolifera dice tutto ok...mentre le altre categorie si lamentano, come volevasi dimostrare... :grin nella guerra chi ci rimette sempre è il Gestore sia colorato che bianco...non si può continuare ad informatizzare il sistema carburanti se non si riparte da una vera ristrutturazione RETE....come vado dicendo da anni.... 8)

  • Angela

    è proprio vero...la realtà è che arrivati a questo punto bisogna decidere se continuare a lavorare o meno. Perchè, a prescindere dai sindacati che hanno contribuito ad affossarci, sono proprio le compagnie petrolifere a soffocarci..a 15 giorni dall'inizio della fatturazione elettronica..la mia compagnia petrolifera mi ha OBBLIGATO ad acquistare il software con cui loro sono convenzionati, minacciandomi che, se rifiuto, mi tolgono lo sconto sul prezzo. :upset :upset :upset i piedi in testa fino ad un certo punto....io il 2019 cambio mestiere..

  • Roberto

    ... spiegami esattamente per favore come ti hanno minacciato ....
    Il 95 % dei Gestori in Italia appena vedono arrivare la macchina del promotore ( l'ultima ruota del carro di una compagnia petrolifera ) si cagano sotto , vengono piccoli piccoli , si draiano sul piazzale , indorano il suddetto e magari gli offrono pure il pranzo ....
    Al 99 % il promotore Eni ( perche' stiamo parlando di impianti Eni ) ti ha semplicemente proposto il software e tu semplicemente gli hai detto " Si' certo , ci mancherebbe che non lo compro " , invece dovevi semplicemente dirgli : " molto probabilmente ci sara' una deroga al Gennaio 2019 , lo comprero' senza dubbio nei prossimi mesi ... "
    NON HANNO OBBLIGATO NESSUNO PERCHE' NON POSSONO OBBLIGARTI !!! Sono stati solo bravi a vendere un prodotto , come vi vendono i lubrificanti e molto altro ... e voi mi raccomando SIGNORSI ' !!!

    Perche' sono famosi i Gestori Eni a dire sempre SI' , sopratutto con gli sconti scellerati di qualche anno fa' che hanno messo in ginocchio molti colleghi .... MA MI FACCIA IL PIACERE diceva il grande Toto'

  • Angela

    ha ragione...infatti l'impianto l'ho "ereditato"...e questi sono i risultati..
    non sono Gestori Eni ... ti confermo che siamo obbligati all'acquisto ...
    per questo ribadisco "...i piedi in testa fino ad un certo punto....io il 2019 cambio mestiere.."
    io non faccio parte della categoria SIGNRSì..attenzione a far di tutta l' erba un fascio...

  • Gestore Eni  - Non diciamo fesserie.

    Eni ti obbliga ad acquistare a costo zero il programma per fare le fatture con la app a impianto chiuso o in self.
    Il programma della Fortech non è obbligatorio e puoi comprare quello che vuoi da chi vuoi.
    Non scriviamo fesserie, per favore.

  • paolo

    Ora si vedrà la differenza tra benzinai e benzivendoli,perche fare concorrenza non vuol dire solamente abbassare i prezzi sconsideratamente per rubare un cliente ,ma vuol dire anche trasformare le difficoltà in opportunità.

  • pippo

    Sia Roberto che Paolo hanno ragione
    Siccome i pseudo Gestori (leggi schiavi ) se non avevano e hanno uno che gli diceva cosa fare non erano capaci di nemmeno pulirsi il naso (assistente rete o sindacato )
    Oggi le compagnie sfruttano questo "difetto " a proprio favore ,diminuendo i margini ,facendo del Gestore ??? quello che vuole tanto ,dove va uno che per anni è stato succube e tenuto al guinzaglio ? fatture ,acquisti ,rincari ecc tutto di ordinaria amministrazione per un commerciante ,per il Gestore sono macigni insuperabili
    Come facciamo per eliminare i Gestori e riprenderci gli impianti senza colpo ferire ? facciamoli scontrare con la burocrazia ,La fatturazione ha un costo ,paga il Gestore Si sposta la data e il Gestore ha gia pagato ,c***i suoi basta paghi noi Sindacato aiutaci !!!!,pronti !! un giorno di sciopero
    Sposteranno la data al primo gennaio 2019 tanto per farsi belli ,ma ricordiamoci che 6 mesi passano presto e il problema si ripresenterà tale e quale e si scontrerà con l obbligo di fatturare TUTTO con la fatt elettronica AUGURI PS spero di avere molti pollici rossi vorrà dire che ho ragione

  • Anonimo

    Per Paolo ... però ricordiamoci che i prezzi più bassi te li impongono forzatamente le compagnie e non i Gestori

  • Marco x Aninimo  - Anonimo....????

    Già il fatto di nascondersi dietro l'anonimato la dice lunga...
    I prezzi bassi se li impone il Gestore....
    Se si fossero unite le forza ( tra Gestori ) e compatti si diceva alle compagnie petrolifere : Volete fare lo sconto? Benissimo; volete fare campagne promozionali ? Benissimo... a noi dateci 5 €cent al litro, poi potete regale sia la benzina sia i punti fedeltà che a noi non iteressa...
    Abbiamo/avete fatto noivoi la compagnia petrolifera, come se avessi questi grossi margini da poter limare, e i sindacati elogiavano anche gli accordi raggiunti....davvero senza parole

  • Anonimo  - Federico l'anonimo permarco

    Per Marco guarda che ci sono realtà come la mia dove il decreto di una grossa compagnia di colore e stato acquistato da un a compagni bianca dove il sindacato non esiste e ti costringono con 3 centro litro lordi e quindi o mangi questa minestra o salti dalla finestra!!!

  • Alex  - x Diego

    Il governo renzi aveva bisogno di fare l'ennesimo regalo a qualcuno prima di uscire di scena.
    Quindi ha partorito in tutta fretta l'ennesimo regalo,
    in modo da sistemare qualche altro privilegiato con l'illusione
    per il Gestore di combattere quel illegalità che nel ultimo decennio lo ha sterminato.
    Quel illegalità creata dalla liberalizzazione di bersani (grande sostenitore non ché figlio di Gestore e compagno di partito di renzi ) che conosce benissimo il nostro mondo.
    Quindi non si poteva proclamare lo sciopero 3 mesi fa, quando non conoscevamo i tempi tecnici di cui aveva bisogno l'agenzia delle entrate, per creare un sistema ad ok.
    Nel frattempo il Gestore (soggetto cresciuto con la sindrome di stoccolma ) per paura o per timore di ripercussioni senza sapere o per primeggiare è corso ad acquistare programmi battendo sui tempi persino l'agenzia delle entrate.
    Questa è una visione, forse anche sbagliata di questo scenario, ma fino a quanto non si dimostra il contrario è sempre valida.
    Il Gestore apparentemente impreparato non ha nessuna colpa, così come i sindacati hanno fatto bene a dare la loro disponibilità per offrire il loro contributo anche se tutto questo non deve essere motivo per abusare della disponibilità altrui.
    1 - Quando l'agenzia delle entrate è pronta con tutte le funzioni del sistema operative ed efficienti, bisogna sedersi con le compagnie per decidere quale sistema vogliono adottare per dare al Gestore la facoltà di utilizzare i loro computer per emettere le fatture.
    2 - Se dobbiamo inseguire la legalità, il programma per emettere la fattura deve essere istallato sul portale Gestori che registra i rifornimenti REALI, dove noi non siamo autorizzati a manomettere.
    3 - Se il computer dove tu azienda sei padrone, tu azienda lo gestisci, tu azienda lo programmi x gestire le tue attrezzature e i tuoi macchinari, non vedo perché il programma lo devo comprare io.
    Questa situazione se non viene gestita correttamente ora, ci ritroveremo in futuro ad avere gli stessi problemi che abbiamo per i rinnovi delle autorizzazioni allo scarico in fogna, dove il Gestore senza nessuna colpa si accolla gli oneri della pratica.
    4 - Poi se l'azienda gestisce i pagamenti pay del self e per loro emette fattura, lo facesse pure per il resto, non vedo le differenze.
    Io faccio il Gestore e gestisco al meglio ciò che l'azienda mi mette a disposizione.
    5 - Loro hanno già il programma di fatturazione del self, non c'è bisogno di estorcere denaro al Gestore.
    6 - Il margine del Gestore non basta per coprire le spese.

  • OLEOBLITZ  - rispondo ad ALEX

    TU caro collega...hai pienamente ragione, purtroppo il titolare di partita iva sei tu, mentre x le carte petrolifere è un contratto di netting con la compagnia, quindi emettono fattura al tuo posto...il resto sta a te, la gestione non è più al passo con i tempi, i margini son ridottissimi e le incombenze sempre più come le spese, il mondo è cambiato non modernizzando la figura del Gestore!!! ecco perché son sempre meno...anzi siamo sempre meno, solo un matto può oggi iniziare un'attività di questo tipo sotto la cappella della compagnia...pensa circa 25 anni fa quando ero AGIP (eni) l'agenzia mi dava un tot all'anno per area verde dell'impianto, prova andare a chiederli adesso.. :grin

  • Alex  - x OLEOBLITZ

    Non ho menzionato le multicard ho parlato di enipayment quello che attualmente sta pubblicizzando nelle radio, cosa molto diversa da quello a cui ti riferisci

  • ser ceppelletto

    eeeeh bei momenti OLEOBLITZ...quando esistevano le Agenzie Agip...chiamavi e ti risolvevano i problemi, divise in omaggio, oli lubrificanti a prezzi vantaggiosi, regali per i clienti tutto gratis, e per i pagamenti ti aiutavano e ti venivano incontro...si guadagnava bene!!!! che ricordi....finito tutto da anni.... 8)

  • Anonimo

    Tutta roba riservata ai leccac**o.
    Ho avuto l'agenzia per 10 anni e mai visto nulla di quello che dici.
    Solo pretese e rotture di p...
    E' stato un sollievo vederle sparire.

  • Marco x Federico

    Caro Federico....
    Anzitutto il mio riferimento era alle compagnie petrolifere e non certo alle pompe bianche.
    Se, come ho detto anche nel messaggio precedente, fossimo stati più compatti di sicuro non staremo qua a discutere.
    Perché credi che le pompe bianche esistono?
    Hanno pozzi petroliferi e raffinerie di proprietà?
    Da chi si riforniscono?
    Come possono essere più competitivi di colossi finanziari petroliferi?
    E i Gestori pagano il prezzo

  • Federico

    L'importante è che si capisca che non ci sono Gestori di serie a ...grosse compagnie e Gestori di serie b....pompe bianche chi più chi meno è vittima del sistema che non regola il Gestore

  • Claudio

    Oleoblitz ha perfettamente ragione, la fattura elettronica non serve, serve solo alle grandi compagnie petrolifere per riconquistare mercato. Una categoria FORTE avrebbe imposto allo stato di fare tutto lui, comprese le spese per insegnare a noi come fare. Le varie sigle sindacali ( a parte il Signor Parin ) andrebbero mandate a quel paese, tanto non servono a nulla, o solo al servizio del padrone di turno.

  • Anonimo

    si ha qualche notizia se hanno prorogato questa fattura elettronica ?

  • Moreno  - Fattura elettronica

    Anche io ho un impianto eni, e non sono stato obbligato a comprare nessun software, mi hanno proposto solo la disponibilità di emettere fattura tramite Fortech a pagamento naturalmente, ma sono libero di scegliere qualsiasi programma voglio.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie