Gestore dimentica erogatore aperto, furto aggravato per i 40 denunciati

Identificati grazie alle telecamere

Pensavano di aver fatto il pieno gratis e, invece, sono finiti in guai seri. Dovranno rispondere di furto aggravato. I carabinieri hanno denunciato una quarantina di persone del comprensorio di Giarre nel catanese.

Sono accusate di avere saccheggiato, il giorno di Ferragosto, il distributore di carburante di viale Jonio a Giarre, facendo il pieno alle loro auto e portando via gasolio e benzina con dei bidoni per 10mila euro.

Dopo quasi sei mesi di indagini, i carabinieri dopo avere visionato i video delle telecamere di sorveglianza, hanno identificato le targhe delle auto e il volto di chi ha fatto il pieno, denunciandoli all’autorità giudiziaria.

Era stata fatale la distrazione del Gestore che si era dimenticato l’erogatore automatico in funzione, dopo aver fatto un favore a un amico autotrasportatore. Ne avevano cosi approfittato decine di auto e moto in fila, qualcuno degli automobilisti anche con bidoni di plastica in mano, tutti pronti a rifornirsi gratis. Così, è subito tornato al rifornimento bloccando l’erogazione delle pompe. Ma nel frattempo tanti ne avevano già approfittato.

Al distratto benzinaio non è restato che presentarsi nella stazione dei carabinieri per denunciare il furto di carburante.

Provvidenziale l’esame delle registrazioni delle telecamere a circuito chiuso del rifornimento, attraverso le quali i carabinieri di Giarre hanno annotato volti, alcuni già a loro conosciuti visto che si tratta di una piccola comunità e che alcuni hanno precedenti penali, e targhe dei mezzi.

I ladri di carburante sono stati denunciati, i diecimila euro di «bottino» però non sono stati più recuperati: erano già stati da tempo «consumati» sulle strade della zona.

Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
Notificami