Carburanti, dura presa di posizione di Assopetroli sul credito di imposta

“Sorprendente e contraddittoria” l’interpretazione dell’Agenzia delle Entrate
Staffetta Quotidiana – Assopetroli prende una dura posizione in difesa del credito di imposta sulle transazioni con carta per i gestori di punti vendita carburanti, chiedendo un confronto urgente con l’Agenzia delle Entrate e il Mef “per la definizione di una soluzione alternativa coerente e sostenibile per gli tutti gli attori della distribuzione retail”.

Sulla questione i rappresentanti dei gestori hanno già proclamato uno sciopero per il prossimo 6 febbraio. Il presidente di Assopetroli, Andrea Rossetti, parla senza mezzi termini di un atto “sorprendente e contraddittorio”, chiedendo di rimediare al più presto: “occorre – si legge in una nota – che Governo e amministrazione approfondiscano e rimeditino questa posizione che contrasta non solo con le fondatissime aspettative della categoria, ma con le stesse finalità d’interesse generale del provvedimento”.

Il punto è la risoluzione dell’Agenzia delle Entrate n. 3/E del 14 gennaio, con la quale l’amministrazione è intervenuta sul credito di imposta del 50% sulle transazioni effettuate tramite sistemi di pagamento elettronico, che spetta agli esercenti degli impianti di distribuzione carburanti. La risoluzione stabilisce che tale credito di imposta “dovrebbe ora inopinatamente essere calcolato solo sulle commissioni applicate alle transazioni effettuate con clienti titolari di partita Iva”. Tagliando fuori le transazioni fatte dai privati, sottolinea Assopetroli, il credito di imposta si ridurrebbe nei fatti di circa la metà.

Rossetti ricorda che “il credito d’imposta fu concesso agli esercenti degli impianti carburante sulla base di un accordo politico molto chiaro tra l’allora Governo e le rappresentanze della filiera, tra cui Assopetroli-Assoenergia, nel dicembre 2017. L’accordo aveva una duplice finalità: primo, riparare all’ingiusta penalizzazione che subiscono gli esercenti per via di commissioni sulle carte di credito sperequate, poiché notoriamente gonfiate dal peso della fiscalità sui carburanti. Secondo, ridurre l’uso del contante, incoraggiando la diffusione della moneta elettronica e la tracciabilità dei pagamenti”. Nella nota, Rossetti sottolinea che “né il citato accordo, né tantomeno la norma, prevedevano di limitare il credito fiscale alle sole transazioni fatturate elettronicamente. Lo attesta, tra l’altro, anche la nota di lettura della Legge di bilancio 2018 che afferma espressamente che “concorrono alla formazione del credito di imposta sia le transazioni effettuate dalle famiglie, sia quelle effettuate dalle imprese”. Proprio considerate queste finalità – conclude Rossetti – è sorprendente e contraddittorio che ora si pensi di restringere l’ambito di applicazione del credito in modo così drastico e penalizzante. Ciò rischia di tradursi in un danno e in una beffa per gli esercenti dei punti vendita a cui va il nostro pieno sostegno”.

“Retisti e gestori – è l’appello di Rossetti – hanno bisogno di semplificazioni e di coerenza del quadro normativo, non di continue complicazioni e cambi di direzione. La richiesta di scorporare le commissioni dei privati da quelle delle partite Iva presenta, all’atto pratico, difficoltà oggettive pressoché insormontabili”.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana

  • 324
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
francesco saverio
francesco saverio
1 anno fa

NESSUNO VUOLE RIMETTERCI, lo stato le sue accise le vuole al millesimo, le società’ petrolifere scaricano sul prezzo di vendita i loro costi gestionali, le banche si tengono stretti I RISPARMI CHE SCATURISCONO DALLA MASSA DI CONTANTE CHE NON DEVONO TRASPORTARE CON I FURGONI BLINDATI DA UNA BANCA A L’ALTRA, sempre le banche possono investire per 15 giorni la massa di danaro che gli stipendiati non prelevano PAGANDO CON LE CARD, chi e’ che viene blindato ? il cretino della filiera , IL BENZIVENDOLO, che , se fosse un vero commerciante, potrebbe aumentare di 20 millesimi i carburanti, invece no , a tutti da fastidio LA SOMMA PERCEPITA DAL MALEDETTO BENZINAIO PERCHE’ E’ TROPPA , da fastidio allo stato , ai petrolieri , ai clienti , ebbene si,il MEGA MILIONARIO GESTORE PERCEPISCE UN UTILE LORDO DI 27 MILLESIMI DI EURO E PER CAPIRCI BENE IN LIRE 52,27 OSSIA QUANDO HA VENDUTO 1000 LTRI PARI AD EURO 1500 IL SUO UTILE LORDOE’ DI 27 EURO MENO LE TANTE SPESE DEI COMMERCIANTI.
Ed ora dobbiamo sentire i macchinisti delle nostre tasche che non chiedono alle banche o ai petrolieri collaborazione per limitare il contane , NO, SCARICANO SUL FESSO DELLA COMPAGNIA I COSTI.NOTARE HANNO ANCHE FATTO UNA LEGGE CHE CI OBBLIGA.