Fondo per la razionalizzazione della rete, OCSIT invia lettere di sollecito

Fondo per la razionalizzazione della rete carburanti: OCSIT sta inviando lettere di sollecito a compagnie, retisti e gestori al pagamento del contributo per il rifinanziamento 

Il fondo per la razionalizzazione della rete deve essere rifinanziato. L’Acquirente Unico – Fondo Benzina avvia il sollecito di pagamento del contributo obbligatorio, di cui all’art. 6, comma 1, del D.M. 19 aprile 2013.

OCSIT invierà solleciti di pagamento a Compagnie, Retisti e Gestori per il pagamento del contributo per il rifinanziamento del Fondo per la razionalizzazione della rete carburanti.

Le competenze e i rapporti giuridici, sono passati ad Acquirente Unico nella funzione di OCSIT come previsto dalla Legge sulla concorrenza, assumendo il nome di Fondo benzina.

Il contributo è formato da due millesimi per litro erogato, tre quarti a carico del titolare della licenza e un quarto a carico del gestore.

In caso di mancato versamento OCSIT annuncia di adire le vie legali per il recupero del contributo e degli interessi.

Il contributo è stato introdotto nel 2013 per rifinanziare il Fondo razionalizzazione per la rete carburanti e dare un indennizzo agli impianti che chiudendo contribuiscono a rendere la rete più efficiente, ammortizzando i costi di bonifica.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
20 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Filippo
Filippo
1 anno fa

Altri soldi buttati via senza motivo, presi a chi se li suda e saprebbe impiegarli meglio di chi li esige per sprecarli, buon lavoro.

Alex
Alex
1 anno fa

Quando guadagnano con la rete, loro sono i padroni e noi i garzoni,
ora che bisogna pagare il fondo per rottamarci dobbiamo partecipare per 1/4.
Quando firmiamo la gestione ci leggono una montagna di carte prima di farcele firmare, dove noi non contiamo un c—o e loro sono l’immenso ed ora vogliono i soldi da noi ???
Per me possono lasciarli dove si trovano, non mi interessa nulla, dopotutto mica si sono preoccupati di stipulare una polizza per i rischi delle malattie da lavoro dei gestori ?? Eppure il gestore passa oltre 40 sotto tutte le intemperie a stretto contatto con il benzene. Forse ogni gestore tiene dentro di se la vergogna del proprio pudore senza esternarlo, ma tutto questo non vuol dire che non esiste o che un semplice recupero vapori risolve il problema.
Visto che le compagnie credono di aver assolto tutti i problemi attaccando degli adesivi illegibili sulle colonnine dove indica minimamente i rischi che si corrono stando a contatto con i carburanti, forse sarebbe il caso che per la sicurezza dei propri gestori ci fosse una campagna illustrativa che spiega dettagliatamente i mutamenti che possono avvenire stando a contatto con alcuni prodotti.
Questo non per polemizzare, mah!!!
Se noi abbiamo delle responsabilità verso i nostri dipendenti, anche le compagnie devono averle verso i propri gestori.
La tassa che loro chiedono a chi serve ?
Solitamente uno paga un servizio.
Io cosa ricevo in cambio di questa tassa ??
Partecipo al lutto della compagnia per la perdita di un impianto ???

Beppe
Beppe
1 anno fa

l’OCSIT di cosa sta parlando? le compagnie hanno chiuso i distributori incompatibili facendoli molto più grandi. questa è una truffa il numero di impianti non è calato affatto negli anni. io non pago

Gestore
Gestore
1 anno fa

Fondo razionalizzazione? Ma se il numero degli impianti sta di nuovo salendo! io aspetto le loro vie legali e non pago.

FRANCESCO SAVERIO
FRANCESCO SAVERIO
1 anno fa

Il nostro e’ uno strano paese, molto strano , le lobby si difendono i loro interessi , lo stato in fallimento su tutta la linea da oltre 20 anni chiude ed fa aprire nuovi impianti, i petrolieri internazionali scappano e al ministero c’e’ sempre qualche uomo sapiente che porge una leggina per fregare chi ???? il super ricco benzinaio.Con la liberalizzazione, per fare un regalo ai supermercati , hanno fatto chiudere i piccoli impianti strozzati dai prezzi stracciati che gli stessi petrolieri vendevano ai supermercati , oggi i supermercati , vedi coop, vendono gli impianti ai privati. Prima c’era il servito, poi hanno rotto con il self, il benzinaio e’ diventato inutile, oggi vogliono il servito pero’ con un differenziale che oscilla da 12 a 20 cent di euro, ma come, il vecchio benzinaio doveva campare con 3,5 cent di euro.Diciamolo nel campo petrolifero le strategie sono in mano a gente che ignora il mercato.

Filippo
Filippo
Rispondi a  FRANCESCO SAVERIO
1 anno fa

L’hano già stabilto per noi, non credo sia poßibile fifiutare, orecchie basse e pagare, come sempre è stato e come in futuro sarà, buon lavoro.

max
max
1 anno fa

Non bisogna pagare nessuno a pagato nel 2014 i soldi le prendono da chi ha chiuso gestione e la storia del sistri emmondeza pirla chi la pagato

max
max
1 anno fa

aspettiamo che facciano denuncia a 20.000 gestori faccio in tempo ad andare in pensione

mario
mario
1 anno fa

italia ma perché ognuno non pensa per se come fanno sempre i potenti

mario
mario
1 anno fa

se pago loro io come lo demolisco l’impianto mio quando sara che chiudo, io mi sono creato un fondo da solo, perché so che sono soldi persi come tanti altri

marida
marida
1 anno fa

scusate qualcuno mi può aiutare a capire?
io ho un distributore nautico(aperto 6 mesi anno) e non ho mai ricevuto nulla fino ad ora. Devo pagare o no??

Massimo Moroni
Massimo Moroni
Rispondi a  marida
1 anno fa

… non svegliare il can che dorme,,,, sono solo soldi rubati

Cesare
Cesare
1 anno fa

e i sindacati non aiutano in nulla ??

Biagio Simonetti
Biagio Simonetti
1 anno fa

gestisco questo impianto da quasi 16 anni eravamo solo 2 impianti… oggi sono circondati da sei pompe bianche che vendono il prodotto meno di quando l ho acquisto avendo un distributore IP. Sono stato costretto a licenziare 3 operai E’ UNA SITUAZIONE INSOSTENIBILE…. in queste situazioni NON PAGO.

claudio
claudio
1 anno fa

Io ho pagato fior di migliaia di euro, vorrei capire perche’ e per cosa ho pagato, visto che i distributori in italia sono aumentati di numero. Il Ministro Di Maio che dice? Risponda per questo caso che gli compete, piuttosto di guardare a altri ministeri.

GIUSEPPE DI PALMA
GIUSEPPE DI PALMA
1 anno fa

MA I SINDACATI DOVE SONO? NESSUN COMMENTO DI SINDACALISTI SU QUESTO BLOG VISTO CHE SONO GESTORI PURE LORO?

max
max
1 anno fa

mi sa di una bella bufalata arriva da pagare a gestori che hanno iniziato attività 2014 e a quelli più vecchi nulla e uno scherzo costoso e i sindacati muti manco le compagnia pagano che schifo ma arrivera il giorno che la pagheranno se le grosse compagnie hanno mollato ce’ la ragione !

GIUSEPPE DI PALMA
GIUSEPPE DI PALMA
1 anno fa

IO NON PAGO

schetch
schetch
1 anno fa

Ma non c’è nessuno che estingue questi enti sanguisughe? E’ un paradosso contribuire per la chiusura dei colleghi. Ma poi questa razionalizzazione chi l’ha vista? Sarà da decenni che se ne riempiono la bocca. Chiudono da una parte per agevolare gli ipermercati e i bianchi.

C.R.T. Torella del Sannio (CB)
C.R.T. Torella del Sannio (CB)
1 anno fa

E semplicemente vergognoso togliere altri soldi a chi non guadagna nulla io non pago !!!!!!!!