Gestori Ip verso lo sciopero contro le politiche dell’azienda

Questo l’esito di una partecipata assemblea dei gestori Italiana Petroli della Toscana Nord (marchio Ip) che si è svolta il 29 aprile nella sede della Confesercenti di Massa Carrara e che ha visto la partecipazione del presidente nazionale Faib Martino Landi, del presidente regionale Faib Marco Princi e del presidente Faib Toscana Nord Alessandro Pardini.

La riunione è stata introdotta da Alessandro Pardini, che ha evidenziato che, “ad oggi, nonostante qualche passo in avanti, mancano ancora risposte, da parte della compagnia, per una auspicabile risoluzione delle problematiche lamentate dalle gestioni che versano ormai in gravi difficoltà economiche finanziarie”.

Il presidente nazionale Martino Landi, dopo aver spiegato “il paradosso delle enormi inefficienze che presenta la rete di impianti a marchio nonostante con la fusione Italiana Petroli sia diventata il primo operatore per numero di impianti”.

Landi si è poi soffermato sulledifficoltà delle relazioni sindacali con l’azienda. “Nonostante si siano susseguiti diversi incontri – ha detto – a partire da quello dell’11 dicembre 2018 in occasione del quale fu sottoscritto un verbale di intesa che scongiurò lo sciopero di colore che era stato proclamato, gli innumerevoli problemi degli operatori a marchio sono tutt’altro che risolti: dall’elevato differenziale fra self e servito al pricing sconclusionato nella trading area, dai conguagli indecifrabili al cambio dei prezzi durante la giornata e nell’orario di chiusura dell’impianto, con le conseguenti problematiche fiscali delle gestioni, dal rimborso dei cali carburanti che sistematicamente viene decurtato anche del cinquanta per cento agli enormi ritardi nel pagamento dei rimborsi delle carte petrolifere”.

Landi, concludendo il suo intervento, “ha evidenziando il fatto che nonostante l’azienda abbia riconosciuto pubblicamente di aver creato il disagio oggetto delle contestazioni a causa dell’allineamento dei sistemi gestionali nei primi giorni dell’anno, a distanza di quattro mesi la nuova dirigenza a seguito della riorganizzazione interna non riesce a dare risposte adeguate, negando persino l’evidenza”.

L’assemblea, dopo numerosi interventi, ha convenuto sulla necessità di mettere in campo iniziative di protesta ferme e decise. Iniziative che vanno a sommarsi a quelle già proclamate, quali ad esempio lo “sciopero bianco del servito”, e che possono essere sia uno sciopero di colore da calendarizzare, nel rispetto di quanto previsto dalla vigente normativa, nel mese di maggio e a seguire lo spegnimento dell’illuminazione dell’impianto nelle ore notturne per una settimana.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
10 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Massimo Moroni
Massimo Moroni
1 anno fa

… ridicoli….

Gigi
Gigi
1 anno fa

Fate sciopero
– per 48 ore consecutive non prostituitevi con l’assistente di rete
– per 24 ore consecutive non fate prostituire vostra moglie e vostra figlia con il capo area
– per 12 ore consecutive non rubate soldi sul servito (differenziare/rapina) ai poveri malcapitati

capre
capre
Rispondi a  Gigi
1 anno fa

e tu gigino per 48 ore alzati …. niente 90°

pippo
pippo
1 anno fa

MA VERAMENTE QUESTE FORME DI PROTESTA SONO STATE CONCORDATE IN UNA AFFOLLATA ASSEMBLEA GESTORI ?SPEGNERE LE LUCI DELL IMPIANTO ?SCIOPERO DEL SERVITO QUANDO SI FANNO 10 RIFORNIMENTI AL GG .STIAMO SCHERZANDO !!!! CON QUESTE STRATEGIE IL NUOVO CORSO SINDACALE ???!!! VORREBBE IMPAURIRE LE SOCIETÀ PETROLIFERE
E POI SCUSARE ,PERCHÉ SOLO NOI DOVREMMO RISPETTARE LE VIGENTI NORMATIVE QUANDO TUTTO IL SISTEMA ,POLITICO E SOCIETARIO CI CONSIDERA INUTILI UN PESO ?NON CI SONO LE POMPE BIANCHE A FARE PUBBLICO SERVIZIO MENTRE NOI SI SCIOPERA ? QUINDI LO SCIOPERO SI PUO FARE IMMEDIATAMENTE SENZA AVVISARE NESSUNO

Alex
Alex
1 anno fa

Per troppi anni siamo stati fermi a piagnucolare sul nostro mondo che si sgretolava, mentre al posto di partecipare agli eventi che accadevano nel nostro settore ci illudevamo di fare gli imprenditori solo perché seguivamo alla lettera le direttive del agente.Prima avevamo il collega che non chiudeva, poi avevamo il collega disonesto, poi l’agente che ci doveva premiare, poi l’agente che ci doveva concedere un agevolazione, avevamo sempre una sapienza in più per far fallire ogni iniziativa. Oggi dopo tanto tempo si riaccende uno spiraglio di lotta, bella, brutta, non soffochiamola prima di nascere.
Questa forma di protesta con tutte le sue sfumature crea più fastidio di quanto immagini.
es.: Il gestore vende Lt. 1000,
800 Fai da Te e 200 SERVITO totale utile gestore Euro 24.00 Fai da Te e Euro 10.00 servito x un totale di Euro 34.00 di margine su 1000 litri, MENTRE L’AZIENDA SOLO CON IL DIFFERENZIALE MEDIO FRA SERVITO E FAI DA TE SU 200 LITRI INTASCA SENZA SENZA FARE NULLA EURO 36.00,….rifletti e poi dimmi se tu al posto del azienda non perderesti le staffe quando ti tolgono uno SCHIAVO simile

pippo
pippo
Rispondi a  Alex
1 anno fa

Ed eccoci qua a parlare di litri e 4 euro in più o in meno
Io se fossi l azienda mi cagherei sotto se domani gli schiavi prendessero a mazzate i p v ,o se si sedessero sotto la pensilina con le mani incrociate e NON se spengono la luce e vanno a cagare al buio !!!!!!! Ma la dignita di una persona dove la mettiamo !!!! Ci hanno obbligati al self oggi pretendono il servito ,domani l H24 vogliamo farci prendere in giro ? continuate cosi ,io no

Massimo Moroni
Massimo Moroni
1 anno fa

per quanto riguarda le luci è da mesi che le tengo spente,,, non arrivo a 100 litri a notte… se non ci vedono possono andare altrove…

Roberto
Roberto
1 anno fa

PROVA A NON ACCETTARE BUONI , CARTE PETROLIFERE E VOUCER VARI TUTTI ASSIEME PER UN MESE POI SI VEDE, SELF SOLO CONTANTE…..

Roby
Roby
Rispondi a  Roberto
1 anno fa

Perfettamente d’accordo. Vendita solo in contanti e carte di credito. Nessuna transazione con petrolifera rifiuto del pagamento con buoni e poi si vede. Visto che il carburante si paga ancora prima di venderlo decido io come e a chi venderlo. Poi vediamo come spiegano ai loro clienti perchè non possono pagare con le loro carte petrolifere

Sergio
Sergio
1 anno fa

Pietra tombale su tutto, si salvi chi può e gli altri cambino mestiere. Queste sono solo prese per i fondelli