Fegica, nessuna deroga alle assurdità con le quali si sta gravando su una Categoria di onesti lavoratori

Superficialità. Arroganza. Ignoranza delle dinamiche reali. Scarsa conoscenza del mondo fuori dalle proprie stanze. Ritrosia ad affrontare i problemi. Ricerca del consenso acritico ed impossibilità di interloquire con la speranza di essere ascoltati (e compresi).

Questa, purtroppo, è la sintesi del sistema che MEF, Agenzia delle Entrate e delle Dogane, hanno adottato nei confronti dei Gestori degli impianti di distribuzione carburanti.

Una volta, secondo le Agenzie, “gli aggiustamenti non si possono fare perchè la Politica, purtroppo, ha già deliberato in questo senso e ci vorrebbe un nuovo voto del Parlamento”; una volta, secondo i Sottosegretari, “le richieste non possono essere accettate perchè l’Agenzia delle Entrate e delle Dogane” hanno già disposto i provvedimenti; un’altra volta ancora i suggerimenti non possono essere accolti perchè “ci sarebbe una diminuzione del gettito fiscale che non sarebbe possibile compensare”
(?)
Alla fine viene la voglia di dire a questi Soloni: vuoi vedere che il Deficit di bilancio dell’Italia sia tutta colpa delle Organizzazioni di Categoria. Per loro -a cominciare da Compagnie petrolifere – l’attività di gestione è un gioco: è sufficiente che il Gestore con il proprio “smartphone” digiti il numero magico e, d’incanto, tutti i problemi legati alla fatturazione elettronica, al Das telematico, ai corrispettivi da trasmettere giornalmente, sono risolti. Altro che pagare per programmi e Registratori di cassa: chiunque si sia avventurato a fare una fattura elettronica sul sito dell’Agenzia delle Entrate, ha imparato a proprie spese quali sono i tempi e l’efficienza del sistema! Altro che lotta all’illegalità!
Questi signori dimenticano che la nostra attività si fa’ in mezzo alla strada, in strutture spesso inadeguate, con un personale ridotto (quando non assente) e, sopratutto, con un MARGINE DI FAME.

Se, invece di blaterare di cose di cui non hanno la benché minima percezione provassero a passare una giornata sugli impianti, si renderebbero immediatamente conto delle assurdità con le quali stanno gravando questa Categoria di onesti lavoratori.

Ma le assurdità non finiscono qui: per altre Categoria (giornalai e tabaccai) -evidentemente unte dal Signore, le deroghe sono possibili e già concesse. Tanto per fare un esempio dello scempio normativo a vantaggio di alcuni ed a svantaggio di altri è sufficiente ricordare che: “la cessione di carburante per l’autotrazione viene ricompresa ai sensi dell’articolo 2 del D.P.R. 696/1996, tra le attività non soggette all’obbligo di certificazione fiscale, anche il gestore dell’impianto, per la sua attività di cessione di carburante dovrebbe esonerato dall’obbligo di memorizzazione elettronica e trasmissione telematica dei corrispettivi giornalieri, al pari delle altre attività elencate nel D.P.R. 696/1996 (tra l’altro ricomprese insieme alla rivendita di giornali e generi di monopolio nel comma 8 dell’articolo 18 del D.P.R. n. 600/1973) rimanendo quindi tale obbligo solo per gli impianti di distribuzione stradale ad elevata automazione”.

INTANTO GLI IMPIANTI CHIUDONO PER FALLIMENTO E LA CATEGORIA, GIORNO DOPO GIORNO, MUORE NEL SILENZIO.

UN GRANDE CAPOLAVORO DI DISTRUZIONE DI RISORSE AL SERVIZIO DEL PAESE CHE ACCOMUNA L’INSIPIENZA DELLA CLASSE DIRIGENTE POLITICA (al di là dei proclami elettorali e delle promesse sulla centralità del lavoro) ED INDUSTRIALE AD UNA SCARSA CAPACITA DI QUELLA DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE CHE NON RIESCE A LEGGERE LA GRAVITA DEI FENOMENI SOCIALI CHE STA INNESCANDO.

E CE’ ANCORA CHI DICE CHE UNO SCIOPERO FISCALE SAREBBE DI DUBBIO GUSTO!

NOI RITENIAMO CHE, STAVOLTA, SI SIA PASSATO IL SEGNO: SE NON INTERVERRANNO FATTI NUOVI (al momento improbabili, considerato il silenzio delle ripetute richieste di incontro e di modifica dei provvedimenti) E’ NECESSARIO ATTIVARE UNA PROTESTA E UNA CHIUSURA DEGLI IMPIANTI. CONTINUARE A VIVACCHIARE FRA UN ADEMPIMENTO E L’ALTRO, FRA UN MARGINE DA FAME ED UN PIZZICO DI OVER PRICING, NON CI PORTA LONTANO.

BISOGNA RIALZARE LA TESTA!

  • 126
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
15 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Anonimo
Anonimo
1 anno fa

C H I U D I A M O ! ! ! ! ANCORA PERDETE TEMPO.
METTIAMO IN GINOCCHIO L’ITALIA PRIMA CHE SIA TROPPO TARDI
POI SI VEDE SE CI ASCOLTANO O MENO

anonimo
anonimo
1 anno fa

svuotiamo le cisterne e chiudiamo tutti oppure si faccia come i pastori sardi….

GIOENI
GIOENI
1 anno fa

SCIOPERO!!! ALMENO UNA SETTIMANA

Massimo Moroni
Massimo Moroni
1 anno fa

Non c’è problema: io chiudo definitivamente dopo le ferie,,, meglio disoccupati che vessati…

Antonio
Antonio
Rispondi a  Massimo Moroni
1 anno fa

Idem 30 settembre fine dei giochi anche per me

Roberto
Roberto
Rispondi a  Massimo Moroni
1 anno fa

io il 30 Settembre … Irrevocabile disdetta …

pippo
pippo
1 anno fa

Queste cose sono anni che Vi vengono chieste Finalmente avete capito (era ora ) che il tempo delle chiacchiere è finito Finalmente avete capito di essere stati presi per il culo anche Voi
Lo slogan è noi vendiamo benzina ,Noi blocchiamo l Italia Sciopero !!!! la settimana di ferragosto ,e che non ci vengano a dire che non si puo ,il servizio minimo lo diano le pompe bianche

Alex
Alex
1 anno fa

Senza se e senza ma, sciopero ed andiamo al mare con la famiglia per provare le sensazioni che provano gli altri quando buttiamo il sudore sotto il sole.
Per far capire hai nostri caporali che se noi non lavoriamo, sarà pur vero che le pompe bianche gioiscono, ma c’è pure da pensare che non cè trippa per i nostri caporali.

anonimo
anonimo
1 anno fa

alla data della presente vi comunico che ho valutato di formularvi regolare disdetta del contratto in oggetto per il 31/12/2019………questa è la mia decisione.

Enzopagaliva
Enzopagaliva
1 anno fa

Con tutto il prodotto estero disponibile sugli impianti di amici di una certa politica e di una certa magistratura dubito che qualcuno, ormai, si accorgerà di uno sciopero di gestori di compagniaBella.

Alex
Alex
Rispondi a  Enzopagaliva
1 anno fa

Se ne accorgeranno i tuoi caporali quando perderanno la poltrona.

max
max
1 anno fa

chiudere non e per tutti solo chi sta soffrendo conosco gestori che vanno alla grande dipende la zona

pippo
pippo
Rispondi a  max
1 anno fa

Anche io conosco gestori che ANDAVANO alla grande e che oggi si mangerebbero una merda per non aver ascoltato chi gli diceva ;attento che la pacchia finisce ,oggi a me domani a te

max
max
Rispondi a  pippo
1 anno fa

almeno dalle mie parti VANNO ANCORA alla grande quando fai 4.000.000 milioni cosa vuoi lamentarti e ce ne sono fortunati l’oro io arranco come tanti !!!!!!!!!!!

max
max
Rispondi a  pippo
1 anno fa

tante discussioni per cosa ora arrivano anche i corrispettivi registratore di cassa DAS elettronico nel culo lo prendiamo sempre noi !