Trasmissione dei corrispettivi, Faib scrive al Governo: “L’obbligo anticipato è ennesima ingiustizia per i benzinai. Confermato sciopero il 17 luglio”

“L’entrata in vigore oggi dell’obbligo di memorizzazione e la trasmissione telematica dei corrispettivi non oil, è l’ennesima ingiustizia scaricata sui benzinai dal Governo e dalla parte alta della filiera. L’atteso provvedimento di chiarimento contenuto nel Decreto Crescita, infatti, non ha risolto il problema dei gestori carburanti. La mobilitazione del 17 luglio resta dunque confermata”. Ad annunciarlo, in una nota, è Faib, la Federazione Autonoma Italiana Benzinai Confesercenti.

“La grande maggioranza dei nostri operatori carburanti – spiega il Presidente di Faib Martino Landi – sarà costretto ad attuare una norma assurda, che non considera che il fatturato dei gestori carburanti è ‘viziato e determinato’ dal peso preponderante delle accise. Il problema è chiaro. Anche un punto vendita marginale, con un venduto di 400 mila litri l’anno e che sviluppa un volume d’affari di circa 600 mila euro, ma con solo l’1% di fatturato derivante dalla vendita dei piccoli prodotti per l’auto (cioè 6mila euro l’anno, 500 lordi al mese), per una norma assurda si trova ad essere equiparato ad attività che fatturano più di 400 mila euro. Con la differenza che sui carburanti il benzinaio ha un margine lordo del solo 2%. E nonostante questo ci siamo dovuti far carico della fattura elettronica e adesso di questo nuovo onere, che costerà oltre 10 milioni di euro.”

“Una batosta che si abbatte su una categoria che vende un prodotto completamente tracciato e sottoposto ad una rigida legislazione fiscale e doganale. Dalla raffineria alla logistica fino all’immissione in cisterna, il prodotto è seguito sia dall’Amministrazione pubblica che dal titolare dell’impianto. Proprio per questo non siamo mai stati soggetti allo scontrino fiscale per la parte dei ricavi derivanti dall’oil. Perché oggi vogliono appiopparci un altro costo e un altro adempimento?”

“Per questo, come Faib, abbiamo chiesto al Governo di chiarire, una volta per tutte, che il volume d’affari dei gestori carburanti va sempre inteso al netto del costo di fornitura, così come già il Legislatore ha previsto, per il comparto, ai fini dell’accesso del regime di contabilità semplificata. Si equipari dunque il fatturato derivante dall’acquisto e vendita dei prodotti non oil al pari delle altre attività e si stralci definitivamente, nelle prossime settimane e con apposito Atto, i carburanti dall’obbligo di memorizzazione e trasmissione telematica dei corrispettivi.

“Al Governo abbiamo anche segnalato – conclude il Presidente di Faib – che il nuovo obbligo si somma con la chiusura della fase transitoria dell’introduzione della fattura elettronica – fronte su cui si rileva il rischio elevato di sanzioni pesanti per gli errori formali in un montante di circa 22 milioni di fatture già emesse – e al provvedimento in itinere dell’introduzione del “DAS elettronico”, oltre all’applicazione da quest’anno dei nuovi indici di affidabilità fiscale. Un carico di novità normative che arriva mentre il settore affoga in una crisi ufficializzata dai tavoli di crisi aperti al Mise.”

  • 28
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

12
Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Cristian
Ospite
Cristian

Da gestore, penso che questo sia il problema minore, e che lo sciopero sara’ inutile in quanto nessuno a mio parere aderira’. Non facciamo scioperi per i nostri vergognosi margini ma vorrebbero farci fare sciopero per evitare una spesa anticipata di 6 mesi di € 300-400…..la cosa mi fa molto,molto meditare.

anonimo
Ospite
anonimo

hai ragione cristian la triade vuol farci credere(in accordo con le soc.petrolifere e magari il governo)che il problema è il registratore telematico ma dai in veneto dicono che il signore è morto dal freddo anche se era padrone di 100 legnai….dopo che inc….ti anche presi x il c..o

Massimo Moroni
abbonato
Massimo Moroni

quando la nave affonda i topi scappano: colleghi rendiamo le chiavi degli impianti finché siamo in tempo, si guadagna di più col reddito di cittadinanza…

gioeni
Ospite
gioeni

questo sciopero é giusto. ma bisogna soprattutto scioperare per il nostro margine da fame.

Ugo Maccioni
abbonato
Ugo Maccioni

Dobbiamo partecipare ad ogni protesta in favore della categoria … Forza Ragazzi

Alex
Ospite
Alex

Esatto, dobbiamo partecipare ad ogni forma di protesta x dimostrare la nostra sofferenza. NOI GESTORI DA ANNI VIVIAMO UNA FORMA DI REGIME, SIAMO IMPRENDITORI LO DIMOSTRA LA NOSTRA P.IVA, MA OLTRE ALLO STRACCIO PER LAVARE LE COLONNINE IL RESTO LO DECIDE TUTTO LA COMPAGNIA. Una compagnia che mentre urlava la crisi per azzerare il margine hai gestori, dal altro canto distribuiva i dividendi agli investitori. Se la compagnia non può permettersi di dare un margine hai gestori, deve chiudere gli impianti perché vuol dire che non è capace di coordinarli. Una compagnia che spende più di noleggio auto per i… Leggi il resto »

anonimo
Ospite
anonimo

bravo alex che hai centrato il problema:anni fa avendo avuto discussione con 2 ass.rete mi avevano minacciato in questo modo:fra qualche anno i gestori saranno tutti soldatini obbedire agli ordini lavorare alla sfinizione e x paga un gavettino.quindi sciopero ….stamattina x telefono con capo area ed ass.rete mi hanno supplicato a tenere duro fino al31/12/19…questo sai cosa vuol dire che gestori non ne trovano non possono metterli tutti in gosth o metterci i pakistani…in veneto poi…

anonimo
Ospite
anonimo

e comunque a fine anno io lascio tutto se la banca mi chiude il fido anche prima non faccio neanche la raccomandata xchè non ho 7,50 da buttare via l ho già anticipato alla società ed anche lo stato si attacca al c…o trasmissione dei corrispettivi e quanto altro e le accise e l iva le lascia al contrabbando

anonimo
Ospite
anonimo

solo con la disdetta si risolvono i ns problemi no ce la fanno a gestirsi la rete da soli 1 giorno di scioperio è come fargli il solletico

paola
Ospite
paola

Ma devono essere inviati i corrispettivi telematici solo dei prodotti non oil o anche dei carburanti?

max
Ospite
max

per noi solo carburante

anonimo
Ospite
anonimo

ma non inviarci niente se lo stato non si fida dei benzinai che si venda lui i carburanti pardon che si eroghi lui le accise….io svuoto le cisterne e chiudo a fine settimana