Gestori Angac proclamano sciopero in Saredegna il 21-22 e 23 agosto

Il presidente dell’associazione ANGAC , Giovanni Zidda, ha scritto al sottosegretario al Mise e alle società petrolifere per proclamare uno sciopero nell’ambito della regione Sardegna che prevede la chiusura degli impianti, nei distributori aderenti, per i giorni 21, 22 e 23 agosto 2019.

L’associazione si è vista costretta a proclamare sciopero dopo che non c’è stato nessun riscontro alle precedenti comunicazioni dove si denunciava l’insostenibilità della gestione dei distributori di carburante e si chiedeva di aprire un tavolo di confronto con le le Compagnie petrolifere per permettere di raggiungere condizioni di lavoro accettabile .

Non c’è stato nessun riscontro ed i gestori, denuncia ancora ANGAC, continuano a percepire un risicatissimo margine che “non permette di adempiere alle molteplici mansioni ed adempimenti che l’attività richiede e non permette di assumere dipendenti che lo coadiuvino in queste attività” e che “la mole di lavoro e degli adempimenti risulta essere impossibile da sostenere da un gestore singolo”.

ANGAC denuncia, inoltre, la titolarità del prezzo in esclusiva alle aziende petrolifere l’imitando e azzerando le capacità imprenditoriali del Gestore, “le compagnie determinano il prezzo di acquisto e di vendita dei prodotti da parte del gestore, eliminando qualsiasi decisione, incompatibilmente con un’attività libero-imprenditoriale. Il rapporto giuridico intercorrente tra la generalità dei gestori e tutte le compagnie intimate, a queste condizioni e anche alla luce del mancato rispetto delle condizioni contrattuali della contrattazione collettiva, è più assimilabile ad un rapporto di lavoro subordinato e/o comunque parasubordinato”, motivo per cui “non è possibile svolgere tale attività lavorativa nel rispetto di tutte le normative della sicurezza sul lavoro e nel rispetto del principio costituzionale di cui all’art. 36 della Costituzione.”

Per l’occasione l’ANGAC ha predisposto la distribuzione di apposite magliette con cui i Gestori sfileranno al centro di Cagliari i giorni di sciopero  

  • 204
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

7
Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
mario
Ospite
mario

fatemi capì…che senso hanno questi scioperi per sigla sindacale? Già se se sciopera tutte le sigle se chiude solo il 60/70 % max (visto pompe bianche,Ghost e GDO)…

anonimo
Ospite
anonimo

importante e farci rimettere qualcosa alle compagnie e romperci i co….ni.ma la triade può darsi una mossa o fa il gruccio xchè adesso ci sono anche gli autoconvocati?

Dyson
Ospite
Dyson

Terzo scioperoe sicura terza revoca, all’ultimo secondo.

Anonimo
Ospite
Anonimo

Dimostrando serietà l’ANGAC sta portando avanti, a differenza della triade, gli interessi della categoria.
Apprezzo ed appoggio la loro iniziativa.
Andate avanti così!!
FAIB, FIGISC E FEGICA svegliatevi e fate gli interessi dei vostri associati. Unitevi ad ANGAC invece di elemosinare e fare ciò che vi comandano le compagnie ed i poteri forti.
V E R G O G N A ! ! ! ! !
Come potete dormire sapendo che molti vostri colleghi non riescono più ad andare avanti… Mi fate solo pena..

Giampiero
Ospite
Giampiero

Penso non sia facile misurare la serietà che al momento si è dimostrata solo su chiacchere e proclami,ciò che è al momento palesemente visibile sono le esternazioni che mirano all’ingiuria e alla offesa con l’evidenza che in assenza di sostanza altro non si è in grado di produrre.

anonimo
Ospite
anonimo

andreotti direbbe:beh ….se la sono cercate.

anonimo
Ospite
anonimo

xchè se i migranti sono a caporalato si muove l italia dalle istituzioni,alla chiesa,ai sindacati,all opposizione alle o.n.g e x noi gestori non si muove nessuno?