Gestori Angac proclamano sciopero in Saredegna il 21-22 e 23 agosto

Il presidente dell’associazione ANGAC , Giovanni Zidda, ha scritto al sottosegretario al Mise e alle società petrolifere per proclamare uno sciopero nell’ambito della regione Sardegna che prevede la chiusura degli impianti, nei distributori aderenti, per i giorni 21, 22 e 23 agosto 2019.

L’associazione si è vista costretta a proclamare sciopero dopo che non c’è stato nessun riscontro alle precedenti comunicazioni dove si denunciava l’insostenibilità della gestione dei distributori di carburante e si chiedeva di aprire un tavolo di confronto con le le Compagnie petrolifere per permettere di raggiungere condizioni di lavoro accettabile .

Non c’è stato nessun riscontro ed i gestori, denuncia ancora ANGAC, continuano a percepire un risicatissimo margine che “non permette di adempiere alle molteplici mansioni ed adempimenti che l’attività richiede e non permette di assumere dipendenti che lo coadiuvino in queste attività” e che “la mole di lavoro e degli adempimenti risulta essere impossibile da sostenere da un gestore singolo”.

ANGAC denuncia, inoltre, la titolarità del prezzo in esclusiva alle aziende petrolifere l’imitando e azzerando le capacità imprenditoriali del Gestore, “le compagnie determinano il prezzo di acquisto e di vendita dei prodotti da parte del gestore, eliminando qualsiasi decisione, incompatibilmente con un’attività libero-imprenditoriale. Il rapporto giuridico intercorrente tra la generalità dei gestori e tutte le compagnie intimate, a queste condizioni e anche alla luce del mancato rispetto delle condizioni contrattuali della contrattazione collettiva, è più assimilabile ad un rapporto di lavoro subordinato e/o comunque parasubordinato”, motivo per cui “non è possibile svolgere tale attività lavorativa nel rispetto di tutte le normative della sicurezza sul lavoro e nel rispetto del principio costituzionale di cui all’art. 36 della Costituzione.”

Per l’occasione l’ANGAC ha predisposto la distribuzione di apposite magliette con cui i Gestori sfileranno al centro di Cagliari i giorni di sciopero  

  • 184
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
7 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
mario
mario
1 anno fa

fatemi capì…che senso hanno questi scioperi per sigla sindacale? Già se se sciopera tutte le sigle se chiude solo il 60/70 % max (visto pompe bianche,Ghost e GDO)…

anonimo
anonimo
Rispondi a  mario
1 anno fa

importante e farci rimettere qualcosa alle compagnie e romperci i co….ni.ma la triade può darsi una mossa o fa il gruccio xchè adesso ci sono anche gli autoconvocati?

Dyson
Dyson
1 anno fa

Terzo scioperoe sicura terza revoca, all’ultimo secondo.

Anonimo
Anonimo
1 anno fa

Dimostrando serietà l’ANGAC sta portando avanti, a differenza della triade, gli interessi della categoria.
Apprezzo ed appoggio la loro iniziativa.
Andate avanti così!!
FAIB, FIGISC E FEGICA svegliatevi e fate gli interessi dei vostri associati. Unitevi ad ANGAC invece di elemosinare e fare ciò che vi comandano le compagnie ed i poteri forti.
V E R G O G N A ! ! ! ! !
Come potete dormire sapendo che molti vostri colleghi non riescono più ad andare avanti… Mi fate solo pena..

Giampiero
Giampiero
Rispondi a  Anonimo
1 anno fa

Penso non sia facile misurare la serietà che al momento si è dimostrata solo su chiacchere e proclami,ciò che è al momento palesemente visibile sono le esternazioni che mirano all’ingiuria e alla offesa con l’evidenza che in assenza di sostanza altro non si è in grado di produrre.

anonimo
anonimo
Rispondi a  Giampiero
1 anno fa

andreotti direbbe:beh ….se la sono cercate.

anonimo
anonimo
1 anno fa

xchè se i migranti sono a caporalato si muove l italia dalle istituzioni,alla chiesa,ai sindacati,all opposizione alle o.n.g e x noi gestori non si muove nessuno?