Frodi carburanti, le stime allarmanti del procuratore di Trento

Staffetta Quotidiana – Il nero è il 30% del venduto. Il pm Sandro Raimondi in commissione Attività produttive alla Camera
“Non si muove un litro senza che la criminalità organizzata lo consenta”. Così il procuratore della Repubblica di Trento Sandro Raimondi ha chiuso la sua audizione svoltasi ieri in commissione Attività produttive alla Camera sulla risoluzione De Toma sulla rete carburanti.

Raimondi si è presentato illustrando le proprie credenziali in materia: si è occupato di accise fin dal 1982, lavorando prima al tribunale di Milano e poi a quello di Brescia. Sua l’indagine Free Fuel che nel 2018 ha portato a diversi arresti nel 2018 a Brescia (v. Staffetta 10/01/18), come pure la più recente operazione di Trento (v. Staffetta 17/10).

“Il traffico illecito di prodotti petroliferi – ha detto – ha assunto una rilevanza estremamente pesante e pericolosa anche per il controllo da parte della criminalità organizzata”. Raimondi ha raccontato di riunioni con altre procure presso la procura nazionale antimafia e antiterrorismo, riunioni in cui “abbiamo constatato che il traffico viene gestito al nord dalla ‘ndrangheta – in particolare, sulla base di indagini da me svolte, da associazioni facenti capo a Capo Rizzuto o a Cutro – e al sud dalla camorra”. Di tratta, ha aggiunto, di “dati acquisiti non per sentito dire o pettegolezzi tra esperti ma da indagini che ho svolto con la Guardia di finanza. Secondo una stima che abbiamo fatto confrontandoci con il comando generale della Guardia di finanza, stima che non ha riscontro oggettivo ma si può definire verosimile, il 30% del venduto sfugge all’imposizione fiscale” per un valore “di circa 10-12 miliardi di euro”.

“Ci siamo posti il problema dell’efficacia delle indagini”, ha poi detto Raimondi, “che non risolveranno il fenomeno ma possono dare un contributo per la risoluzione finale, l’ultima spiaggia dopo interventi normativi che possano filtrare e ridurre il pericolo di evasione”. Il punto, ha proseguito, è che “la caratteristica della criminalità organizzata è appunto di essere organizzata, con una vera e propria struttura imprenditoriale come una Spa o Srl. Occorre quindi organizzarci meglio di loro”. Da qui nasce, attraverso un confronto con il comandante regionale della Gdf, l’idea di coinvolgere l’Università di Trento, in particolare il gruppo eCrime (ascoltato ieri in audizione dopo Raimondi), per “affiancare esperti ai militari della Gdf”, in modo da “capire prima se la rotta delle indagini è giusta e analizzare macro dati in tempi velocissimi”.

La “metodologia che viene replicata sempre” è quella delle “società filtro che importano prodotto, un metodo che non costa nulla ed è di difficile accertamento”. Si può contrastare “solo con intercettazioni in cui i commercianti parlano del fissaggio del prezzo con riferimento al Platts” più un delta che poi “viene restituito con note di credito o in contanti”. In questo modo, “come ha dimostrato l’indagine di Brescia di due anni fa, sono sufficienti 5-6 società finte per mettere in atto una frode dove in pochi mesi la violazione della sola Iva è di circa 4,5 milioni di euro”.

Raimondi ha poi sottolineato l’importanza degli articoli 34 e 34-bis del Codice antimafia che “consentono, se c’è il sospetto di ingerenza di persone appartenenti alla criminalità organizzata di stampo mafioso, l’ingresso immediato nella Cda delle società, senza le lungaggini processo”.

Al termine dell’intervento, Luca Squeri (FI) ha chiesto se il fenomeno fosse legato al ritiro delle compagnie e alla successiva frammentazione del mercato. Raimondi ha risposto affermativamente: “c’è un ingresso incontrollato di soggetti. Il punto è che chi non accetta esce dal mercato. Un imprenditore venne da noi e si sfogò dicendo che non voleva fare quelle cose perché sapeva benissimo che era prodotto in nero, ma che se non avesse accettato avrebbe portato i libri in tribunale”. Squeri ha chiesto se fosse opportuna l’eliminazione delle lettere di intenti. Anche qui la risposta è stata positiva: “abbiamo riscontrato lettere di intenti false, è un punto che va cambiato normativamente”.

Alle domande di Massimiliano De Toma (M5S) sulla responsabilità dei trasportatori e sulle rotte più battute, Raimondi ha infine risposto indicando in particolare la rotta balcanica: la Guardia di finanza di Gorizia “è stata molto efficace”. L’anello debole, ha aggiunto, “è il conducente. È la persona che guadagna meno di tutta l’associazione a delinquere ma che può dire quello che succede veramente. Arrestare il poveraccio – ha aggiunto – non è una cosa positiva ma è l’unico modo, perché sa benissimo che sulle carte di fatturazione c’è scritto una destinazione e poi il prodotto arriva in nero in un’altra. Negli anni passati col Codice Rocco veniva subito arrestato. Oggi il paradosso è che con un chilo di cocaina si rischiano 9 anni, con un’autobotte da 30mila litri non si rischia niente. La filiera del commercio è gestita e non si muove un litro senza che la criminalità organizzata lo sconsenta”.

Infine, Raimondi ha accennato alla questione dei 15 gradi: “l’accisa viene scontata a 15 gradi, in realtà l’autobotte ne ha 30 e già qui c’è un’evasione all’inizio. In Germania c’è un rapportatore che quando il prodotto viene erogato lo riporta a 15 gradi. Ma queste sono cose più banali”.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana 

  • 154
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

14
Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Rosario
Ospite
Rosario

se chi commette queste frodi andasse in galera e funzionasse la giustizia con tempi rapidi e certi, dareste un buon segnale. Inoltre, chi eroga e riceve prodotti di illecita provenienza requisite-confiscate loro gli automezzi ed infine chiudete definitivamente il PV cementando i serbatoi!

Giovanni Ruiu
Ospite
Giovanni Ruiu

Sviate sempre i problemi.. Mi raccomando.. Ma andate a cagare.. Pene certe per i truffatori.. Piu’ margini x i gestori..
Cque non vedo futuro x questa categoria.. Non siamo uniti.. E le istituzioni se ne fotteranno..
Come sempre.. W l’italia.

pippo
Ospite
pippo

L IVA e l accisa che il cliente Mi paga ,Io la vero alla compagnia o al retista ,Da domani io vero IVA e accisa direttamente allo stato tramite rid Compagnie e retisti si scontreranno su prezzo di fabbrica Certo questa è una linea grezza ,ma in pochi mesi si mettono in ginocchio i furbi

Operatore
Ospite
Operatore

Per l’iva si può fare, si chiama “reverse charge”, quella cosa che i sindacati non vogliono

Roberto Timpani
Ospite
Roberto Timpani

Siamo contrari infatti. Ammesso che il Governo italiano riceva l’autorizzazione dalla Commissione UE – perché il meccanismo deve essere approvato a livello europeo per singoli Stati e singoli settori – il gestore riceverebbe il prodotto senza iva e, una volta incassata tutta dal consumatore finale, dovrebbe garantirne il pagamento allo Stato. Con cifre da capogiro . Troppo rischioso, il gestore diventerebbe il sostituto di imposta non solo per la “sua iva” ma anche per quella del prodotto acquistato. Ci pare una enorme e gravosa operazione che mette a rischio i gestori. Certo qualcuno potrà sostenere che i gestori sono imprenditori… Leggi il resto »

pippo
Ospite
pippo

<Scusa ma adesso non abbiamo fideiussioni ,non paghiamo il carburante ,si tratta solo di cambiare rid
Oggi l iva dei prodotti ,dei lavaggi la non la pago allo stato ,basterà aggiungere uno zero ,poi se vogliamo fermare certe attività illegali bisogna iniziare o continuiamo a parlare

Moreno Parin
abbonato
Moreno Parin

Ciao Roberto, su questo, il “reverse charge”, mi trovi perfettamente d’accordo

Roberto Timpani
Ospite
Roberto Timpani

Anche se spesso si dimentica, è uno dei punti di rottura con i retisti ed alcune compagnie. Sulla base del principio che bisogna dividere i ruoli. La frode sta a monte dei gestori e controllassero le operazioni “prima” dell’arrivo della merce. Connivenze con i retisti non abbiamo, anche se qualcuno si ostina a considerare che facciamo le battaglie ANCHE per loro. Basta avere un po’ piu’ di attenzione e si vedono le differenze.

pippo
Ospite
pippo

Possono controllare tutte le operazioni prima ,ma sono tutte virtuali ,intenti ,promesse .il malloppo finale ,e ce lo abbiamo noi dal cliente ,quello pratico ,quello che sparisce ,i soldoni ,Certo che i retisti vogliono loro gestire quella massa miliardaria ,comperano oggi e pagano a 30 giorni grazietanto

pippo
Ospite
pippo

non mettere la faccina schifata senza argomentare ,o solo tu .come tanti hanno , la verità’ in testa tutti possiamo imparare ,solo i somari non lo fanno

max
Ospite
max

Fate aprire società e depositi a cani e porci pensando di guadagnare più accise e vi inchiappettano per bene tra 10 anni sara il 50% che vi inculano storditi.

Kazunori
Ospite
Kazunori

grazie al decreto Bersani…colui che nei giorni dello sciopero si e’ intrattenuto con i manifestanti… ho detto tutto

Franco
Ospite
Franco

Veramente è il decreto Monti, ma va bene l’iportante è dare addosso ai manifestanti.

Saturnino Orsi
abbonato
Saturnino Orsi

Commenta…il problema sono i nostri margini troppo bassi risolto quello siamo a metà dell’opera