Accise benzina, Zavalloni (Fegica Cisl): “Aumentare clausole salvaguardia vuol dire mettere una cambiale per il futuro”

Alessandro Zavalloni, segretario nazionale di Fegica Cisl, la Federazione dei gestori di carburante e affini, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “L’Italia s’è desta”, condotta dal direttore Gianluca Fabi, Matteo Torrioli e Daniel Moretti su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano.

Riguardo le clausole di salvaguardia sulle accise sulla benzina. “Questo sostanzialmente vuol dire mettere una cambiale per il futuro, lasciare a chi verrà un debito virtuale, da coprire per le prossime finanziarie –ha affermato Zavalloni-. Prima o poi qualcuno immaginerà e spiegherà che aumentare le accise è necessario, virtuoso. Aumentando le clausole prima o poi potrebbero diventare talmente troppo alte che, in tutto o in parte, i prossimi governi potrebbero non riuscire a disinnescarle.

Se aumenta il costo di un prodotto è chiaro che le persone cercano di fare a meno dell’automobile. Questo significa diminuzione dei consumi, per noi significa meno lavoro e anche lavorare male perché poi le persone non è che se la prendono col Ministero dell’economia, se la prendono con noi benzinai che guadagniamo 2 centesimi al litro. La preoccupazione nasce dal fatto che antichi vizi non solo vengono ripetuti, ma vengono addirittura enfatizzati. La mancanza di serietà è ancora più grave dell’aumento delle accise”.

Problemi dei distributori. “Noi non siamo in cerca di aiuti, ma di una politica che dia degli indirizzi e faccia delle riforme. Non abbiamo bisogno di assistenza, ma di serietà e riforme. L’obiettivo che il Paese si era dato era di aumentare la concorrenza, ma diminuire i punti vendita. Il problema è che aprendo il mercato, liberalizzando, invece di dare quel giusto impulso alla concorrenza abbiamo imboccato una strada in cui la mancanza di regole, l’allentamento delle maglie della rete del piano regolatore, ha consentito anche in questo settore l’aumento di ogni tipo di forma di illegalità. Circa il 30% del carburante distribuito in Italia è clandestino. Questo comporta non solo un danno erariale, ma certamente è un danno legato anche alla qualità del prodotto su cui non c’è controllo”.

  • 12
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

3
Lascia un commento

avatar
  Sottoscrivi  
più nuovi più vecchi più votati
Notificami
Giovanni Ruiu
Ospite
Giovanni Ruiu

I gestori non chiederanno piu’ aiuto..
Purtroppo chiuderanno x fallimento..
ADDIOS!!!!

pippo
Ospite
pippo

Caro Zavalloni ,delle cambiali del futuro lasci che ci pensino i governanti o le associazioni dei consumatori ,lei come sindacato gestori si preoccupi del margine dei gestori ,perché ,vede con quella miseria che ci danno ,dobbiamo pagare l acconto IVA ,IRPEF ,13cesime ,paghe ,ecc ecc le cambiali le dobbiamo fare noi da subito
Se le accise aumentano ,come sono sempre aumentate ,vadano in piazza i clienti con sardine e sgombri noi abbiamo già’ dato.Grazie

Luigi Mattiozzi
Ospite
Luigi Mattiozzi

Qualcuno che è conoscenza mi potrebbe spiegare perchè quando si parla di carburanti e di aumentare le accise si intende benzina e gasolio e mai di Metano o Gpl ? C è la direttiva Dafi etc sull ambiente ma pagare qualche millesimo al mc di accise è ridicolo se si aumenta di 1 Euro un pieno che costa 15 – 20 euro e lo stato percepisce un entrata penso che sia giusto,ci sono autovetture che costano 25 30 mila euro elo stato percepisce su questi consumi una miseria tutti le altre persone che hanno vetture obsolete o ciclomotori pagano allo… Leggi il resto »