Staffetta rete, i prezzi come termometro della crisi

Staffetta Quotidiana – Medie settimanali del periodo 22-28 aprile

Sedicesima settimana consecutiva di calo per le medie settimanali dei prezzi dei carburanti alla pompa. La media della benzina self service è a 1,399 euro/litro (-22 millesimi), servito a 1,544 euro/litro (-23). Diesel rispettivamente a 1,291 euro/litro (-21) e 1,439 euro/litro (-22). Gpl servito a 0,593 euro/litro (-5), metano a 0,981 euro/kg (invariato).

Secondo aumento consecutivo per lo “sconto” pompe bianche: sulla benzina siamo a 1,3 cent sul self service e a 13,5 cent sul servito, sul diesel rispettivamente a 1,5 e 14,1 cent.

Ancora andamento non uniforme per i margini lordi: secondo calo sulla benzina a 28,1 cent/litro (-0,8 cent, media 12 mesi a 17,6 cent), sul gasolio a 26,3 cent (+0,8, media dei 12 mesi a 17 cent).

Ancora in aumento il sovrapprezzo per chi fa il pieno in autostrada rispetto alla rete ordinaria: 14,3 cent/litro per la benzina e il gasolio self, 24,1 per la benzina servito e 25,2 per il gasolio servito.

In questo momento l’andamento dei prezzi dà un riscontro vivido della sofferenza degli operatori. In generale, come abbiamo sottolineato a più riprese, da metà marzo i margini lordi unitari sono praticamente raddoppiati rispetto a inizio anno. margini da moltiplicare su un numero di litri più che dimezzato, a fronte di costi fissi che restano per lo più gli stessi.

Ma andando a guardare dentro questi numeri si scoprono altri aspetti particolari. Ad esempio che rispetto all’inizio dell’anno i prezzi delle pompe bianche (o degli indipendenti) sono scesi in media meno rispetto alle compagnie. I “piccoli” hanno cioè fatto più fatica ad adeguare i listini al ribasso rispetto a chi ha le spalle più larghe. Tanto che la differenza tra prezzi delle compagnie e prezzi delle pompe bianche ha raggiunto in questi giorni un minimo mai visto nell’ultimo decennio, vicino a un centesimo al litro per quanto riguarda i prezzi in self service.

Analoga fatica deve aver fatto IP: all’inizio dell’anno i prezzi medi presso i suoi punti vendita erano perfettamente allineati con quelli Eni, questa settimana sono tra i due e i quattro centesimi al litro più alti.

Infine, le autostrade, fin dall’inizio indicate dai gestori come “fronte” della crisi. Il differenziale di prezzo rispetto alla rete ordinaria è schizzato in queste settimane, raggiungendo oggi un massimo mai visto: oltre 14 centesimi al litro sul self service e 25 cent/litro sul servito.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana 

  • 73
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti