Benzinai in ginocchio, perso fino al 90% e il governo ci ignora. Ci saranno fallimenti

Il settore dei carburanti è in ginocchio. Migliaia di impianti in Italia sono rimasti aperti in queste settimane di lockdown, ma ora sono a rischio fallimento visto il calo dei consumi.

Le grida di dolore dei Gestori Carburanti sono riportate in alcuni organi di stampa locale. Nella gazzetta di Modena il Presidente della Faib Modena, Franco Giberti, spiega che in provincia «oltre il 35% degli impianti a causa della scarsità delle vendite ha attivato la sola modalità self-service.”

“Le perdite, continua Gberti, stimate nei mesi di marzo e aprile si avvicinano al 90%. Per gli impianti con quantità di erogato importanti possiamo stimare tra marzo e aprile una perdita pari a 430.000 litri di carburante erogato e una perdita di fatturato stimato in 530.000 euro”.

Gianni Ferrari, titolare dell’impianto Q8 di via dell’Industria a Carpi assieme a tre soci, conferma dal canto suo il crollo delle vendite. «A marzo abbiamo perso il 90%; ora siamo scesi al meno 70%, ma solo grazie al fatto che siamo vicini all’ingresso dell’Autobrennero e si fermano qua i camion. Ma il lavaggio è praticamente inoperoso, il bar vicino – sottolinea – è stato chiuso dai gestori e solo uno di noi soci passa al lavoro visto che non entra quasi nessuno. Abbiamo tutti chiesto i 600 euro di bonus Inps per i lavoratori autonomi, già arrivati. Ma noi abbiamo comunque una certa dimensione, se fossi il titolare di un piccolo distributore mi verrebbe da piangere…».

Il collega Gianluca Pelloni, titolare della stazione di servizio Esso sulla strada che porta da Modena a Campogalliano, si limita a spiegare come «il mese di aprile si prospetta con un -80% di vendite sullo stesso mese del 2019. Idem per marzo. Una situazione complicata, qualcuno chiuderà…».

Una domanda che molti si fanno è la seguente: come mai il prezzo alla pompa non cala nonostante il crollo del petrolio? «Sul prezzo alla pompa – prosegue Giberti – incidono, oltre al valore della materia prima, i costi di estrazione, raffinazione, stoccaggio, trasporto e il costo della distribuzione finale. Tutto ciò va sommato al peso di Iva e accise, che si aggirano intorno a 1 euro (73 centesimi l’accisa e 25,6 centesimi medi l’Iva) ai quali vanno aggiunte le accise regionali (non applicate però in Emilia-Romagna). Si deve poi considerare che il greggio è una cosa, benzina e gasolio che si acquistano ai distributori un’altra».

«Lunedì riapro, ma ho molto timore, conosco l’italiano medio. Siamo in prima linea, a rischio altissimo»: Marcello Morelli, titolare dell’Ip di via La Marmora a Modena, non nasconde le sue preoccupazioni. Anche lui ha avuto un calo del 70-80% del venduto, ma già in settimana ha visto aumentare il traffico. «Lavaggio chiuso, bar chiuso che non può nemmeno fare l’asporto e non capisco perché – dice – A questo punto meglio lasciare l’impianto con il self service. Per non parlare del diffondersi delle carte di credito; si portano via il 2% del nostro guadagno, che è del 3% medio sull’erogato. Nessuno dei governi che si sono succeduti in Italia si sono mai interessati del nostro settore».

Cosa chiedono i benzinai alle istituzioni nazionali? «Semplificazione degli adempimenti, soprattutto fiscali, tenuto conto che tutto il carburante – conclude Giberti – è già tracciato da quando esce dai depositi fino alla vendita alla pompa; quindi non sono comprensibili tutti gli adempimenti previsti quali, ad esempio, l’invio telematico dei corrispettivi. Occorre garantire un sostegno economico: abbiamo bisogno di liquidità. Gli accordi sottoscritti con le compagnie in questa fase di emergenza sono stati importanti, ma il Governo deve fare di più. La categoria è allo stremo: alcuni costi fissi di gestione, utenze e servizi e il costo sostenuto per il personale rappresentano un peso economico insopportabile. Senza interventi immediati non credo che riusciremo a continuare a garantire il servizio pubblico ancora per molto». In provincia gli impianti con gestore sono 190, per un totale di circa un migliaio di operatori.

Da Modena si passa alla Sardegna dove la situazione è pressochè simile. Alcuni gestori hanno annunciato la chiusura delle stazioni di servizio perché non possono reggere la situazione. I distributori di Oristano accusano cali del 70%, nelle periferie e nei piccoli centri si sale anche all’80%.

La stazione di servizio del gas all’uscita della 131, nello svincolo per Zeddiani, ha confermato la imminente chiusura dell’impianto. Il gestore ha ricordato che in due mesi non ha venduto il carburante che prima erogava in una settimana. Il distributore della Esso di via Cagliari, gestito dai cugini Rosas e Toni, registra un calo di circa il 70%. Sempre in via Cagliari, ma dal lato opposto, non sta certo meglio la stazione di servizio dell’Ip. “Le perdite in questo periodo superano il 60 per cento – commenta uno dei gestori, Carlo Denti – la gente non va al lavoro e il traffico automobilistico si è ridotto tanto. Ne facciamo le spese anche noi gestori degli impianti”.

  • 76
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
0 0 Vota
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
6 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
3 mesi fa

Ma se la Faib è contraria allo sciopero ,ci vuole spiegare come ,se non con lo sciopero o gestori avranno la forza di avere qualche cosa ? a chi dobbiamo chiedere ? al governo o alle compagnie ? e se non ce lo danno cosa facciamo ? proponete soluzioni ,non dialoghi con i morti !!! in tutta ITALIA i commercianti hanno avuto un calo dal 90€ se non del 100€!! Servizio pubblico ? di cosa ? il 40% dei p v sono p bianche con un erogato del 60 % tutte aperte ,Quindi non diciamo cazzate imparate a essere uniti ,prima tra gestori e sindacati ,il bello deve ancora da venire

Esso
Esso
Rispondi a  pippo
3 mesi fa

Purtroppo neanche lo sciopero serve per cambiare le cose e una categoria allo sbando solo i più forti sopravvivono

Andrea
Andrea
3 mesi fa

Sono stanco di sentire chiacchiere.. E poi.. Siamo rimasti gli unici con bar, ristoranti, chiusi come da ultimo dpcm art. 1 comma 1 lettera bb.
In tanti rischiamo di essere tagliati fuori dal rimborso delle locazioni previsto nell’imminente decreto aprile maggio perché molti contratti sono “affitti di ramo d’azienda”.

Chiacchiere, chiacchiere ma poi nei fatti nulla di concreto. Il paradosso di una categoria vitale per il paese ma senza o con una debolissima rappresentanza.

Ovvio che poi si fallisce.

mario
mario
Rispondi a  Andrea
3 mesi fa

siamo fortunati ci sono “benzinai liberi italiani”
liberi di fallire anche se Hanno il costo della vita minore che al nord

salvatore palma
salvatore palma
Rispondi a  Andrea
3 mesi fa

Il problema non è la rappresentanza ma l’esercito…..

Alex
Alex
3 mesi fa

Quando venne fatta la liberalizzazione, + o – 2011 è stato posto un vicolo dove in caso ci fossero stati problemi di grave entità il prezzo del carburante tornava amministrato ?
Cosa è successo che ha bloccato questo meccanismo ??