Sciopero Benzinai, il governo deve dare risposte alle istanze della categoria. Impianti ancora chiusi fino a domani

È attualmente in corso lo sciopero nazionale dei Gestori degli impianti di rifornimento carburanti, che proseguirà fino a domani alle ore 14.00 sulla viabilità autostradale e fino alle ore 15.00 sulla rete ordinaria.

Dai dati parziali che affluiscono dal territorio alle Segreterie nazionali delle tre Federazioni -si legge in una nota congiunta di Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio- emerge una partecipazione massiccia e consapevole della Categoria: 80% su rete ordinaria, 90% lungo le autostrade.

Ciò, naturalmente, al netto degli impianti e dalle aree di servizio gestite direttamente dalle compagnie petrolifere o che rimangono aperte per garantire i livelli minimi di servizio, così come prescritto dal codice di autoregolamentazione depositato presso la Commissione di garanzia per lo sciopero nei servi pubblici essenziali.

Tuttavia, indipendentemente dalla scontata riuscita dell’agitazione e dal forte segnale di sofferenza che giunge dalle migliaia di piccole imprese di gestione sparse lungo il territorio italiano, quel che il Governo e la Politica più in generale avrebbe bisogno di comprendere, appare essere la disponibilità a restituire risposte motivate alle istanze provenienti dal mondo del lavoro, autonomo o dipendente che sia.

Il garbo e l’impegno personale, dell’ultim’ora ma ampiamente apprezzato, dimostrato dall’on. Morani, non riescono a nascondere l’inadeguatezza di un Governo che si mostra del tutto indifferente a quel che concretamente sta avvenendo sul piano dell’emergenza economica, almeno quanto distratto dalla polemica del momento e dalle beghe di palazzo.

La convocazione, fuori tempo massimo, di un tavolo sulla ristrutturazione della rete di interesse per tutto il settore ma che le altre componenti del comparto non hanno mosso un dito per ottenere, non può esaurire gli impegni urgenti e improcrastinabili che il Governo deve rendere certi per salvare le nostre attività dal fallimento.

Sarebbe davvero grave ed irresponsabile perseverare ancora nell’errore, costringendo nuovamente la Categoria a nuove agitazioni e forme di protesta, odiose per il Paese almeno tanto quanto per i Gestori stessi, per ottenere dialogo e confronto a lungo inutilmente ricercato.

  • 133
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Massimo
Massimo
11 mesi fa

Salve io 2 impianti da gestire in Roma, entrambi chiusi per sciopero!! Coraggio uniamoci in questi momenti, e non si venga a dire che” se non apro non mangio”… Mangeremo quando avremo più diritti conquistati con sudore che sono i più apprezzati.. 😉

giuseppe
giuseppe
Rispondi a  Massimo
11 mesi fa

salve, sono un ex gestore, poi ex appaltatore senza che nessuno ha detto grazie per i sacrifici fatti, serviti solo a riempire le pance di altri. Da dove abito io per andare al lavoro ci sono circa 5 impianti, nessuno e dico nessuno era chiuso, anzi non c’è neanche un cartello per dire che stanno soffrendo da 10 anni a questa parte. ora non so se erano gestori, pompe bianche, gestioni dirette, appaltatori, alieni… ma quello che so è che ormai non si può fare più niente per la categoria, ormai troppo frammentata dove non c’è coesione( non c’è mai stata), si ci doveva pensare prima quando ancora c’erano le compagnie di bandiera e quando i gestori erano una categoria in grado di far tremare l’italia, ma essendo una categoria di imprenditori( solo per la stato) falsi, tutto si faceva tranne tutelare i propri interessi, che non era quello di vendere solo benzina ma di saper gestire denaro, come le banche, sapendo dire un bel vai a quel paese quando si presentavano ccz con idee che tutto erano tranne remunerativi per le gestioni, ma ripeto, solo se ravamo imprenditori ciò poteva accadere. Il mio consiglio a tutti i gestori di pompe di benzina che vendono solo benzina, andate via, prima che vi facciano fallire miseramente.
tantissimi auguri a tutti voi ex colleghi.

MARIO SCIOPERO
MARIO SCIOPERO
11 mesi fa

forza ragazzi!