Bar aperto e recidivo: maximulta e chiusura al titolare. Sanzione anche al cliente

Sanzionato l’esercizio nella stazione di servizio IP, un impianto dove la rivendita di carburante è dismessa da tempo. I carabinieri avevano ricevuto diverse segnalazioni su clienti che non rispettavano le norme di sicurezza anti-Covid

I carabinieri della Compagnia di Castiglione delle Stiviere sono intervenuti per sanzionare il bar della stazione di servizio IP perché non rispettava le norme in vigore per l’emergenza Covid. Gli uomini della stazione di Asola, già impegnati in diversi servizi a piedi per le vie del centro del paese, avevano raccolto diverse segnalazioni su un continuo via vai di persone che, approfittando della zona isolata, entravano e uscivano da un bar privi di mascherine e non rispettando i previsti distanziamenti. Venerdì mattina si è proceduto con il blitz. I Carabinieri sono entrati nel bar della stazione di servizio IP , e hanno accertato la presenza di una persona intenta a consumare bevande.

“L’esercizio – fanno sapere nella nota stampa gli uomini dell’Arma – è risultato recidivo in quanto, qualche mese fa, era già stato sanzionato in quanto privo dei previsti dispositivi per la sanificazione e dei cartelli di avviso rivolti ai clienti. I carabinieri, inoltre, hanno scoperto che il titolare non aveva pagato la prima sanzione amministrativa di 400 euro.

A questo punto è scattata un maxi multa di 800 euro e, per di più, è stato sanzionato anche l’avventore. Inoltre, l’attività è stata chiusa per cinque giorni, in attesa delle decisioni della Prefettura di Mantova per la violazione reiterata che prevede la possibilità di una chiusura di 30 giorni totali.

I carabinieri invitano cittadini e commercianti a non emulare questi comportamenti, e ricordano agli stessi di segnalare ogni evento che possa turbare l’ordine e la sicurezza pubblica.

  • 73
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
francesco saverio
francesco saverio
3 mesi fa

VA BENE COSI’ ANZI ESSENDO UN CRIMINALE RIPRISTINIAMO LA PENA DI MORTE, noi evasori ladri inacquatori di benzina dobbiamo sparire dai mercati, forse e’ meglio spacciare droga. Che strano il bar del gestore lavorava anche per gli stipendi dei carabinieri, perche? i conti son presto fatti, fino al 2019 5 milioni di partite iva mantenevano 55 milioni di italiani nel 2021 saremo la meta’
quindi 2,5 milioni dovremmo mantenere 57,5 milioniho la strana impressione che la giornata dovremmo prolungarla a 48 ore. CHISSA ‘ QUANTI SPACCIATORI SONO STATI ARRESTATI NELLA STESSA GIORNATA. Ma dai, il collega avra’ i miliardi alle Cayman e si diverte a fare caffe’, a pensarci il cliente cretino non ha imparato a bere il caffe con la mascherina, COSE DA PAZZI ? NO DA CRETINI TUTTI QUELLI CHE PAGHIAMO E VIVONO DA PRINCIPI AL PARLAMENTO.

Last edited 3 mesi fa by francesco saverio