Eni sempre più green, Descalzi “totale decarbonizzazione entro 2050”

Il colosso energetico guidato da Claudio Descalzi presenta un piano 2021-24 che prevede tra gli altri obiettivi quello della “totale decarbonizzazione di tutti i nostri prodotti e processi entro il 2050.

E l’obiettivo del Cane a sei zame è chiaro: “stiamo lavorando per diventare uno dei principali operatori verdi”, spiega il numero uno del gruppo illustrando il piano alla comunità finanziaria.

Una nuova ‘strategy’ che prevede la fusione del business delle rinnovabili con il retail del Gas & Power per rafforzare ulteriormente integrazione e sinergie, e allo stesso tempo massimizzare la generazione di valore lungo l’intera catena di energia verde. Questa fusione farà leva sulla già ampia base clienti Eni, in crescita da 11 a 15 milioni, e su un aumento della fornitura di energia da rinnovabili da 4 Gw a 15 Gw rispettivamente al 2024 e al 2030. L’investimento complessivo sarà di 4 miliardi di euro nel corso del piano quadriennale, principalmente legato alle rinnovabili.

Eni, spiega Descalzi, “rimane fortemente impegnata a ricoprire un ruolo chiave nella sostenibilità e nell’innovazione, promuovendo lo sviluppo sociale ed economico in tutte le sue attività”. Il piano, aggiunge, “è concreto, dettagliato, economicamente sostenibile e tecnologicamente realizzabile. Inoltre, oggi, annunciamo la fusione dei nostri business delle energie rinnovabili e del retail. Con questa nuova realtà, la nostra già ampia base clienti retail crescerà ulteriormente con l’aumento dell’offerta di energia rinnovabile. La combinazione dei nostri business di bio-raffinazione e marketing, inoltre, darà una forte spinta alla mobilità sostenibile”. Allo studio dell’Eni, inoltre, c’è anche la conversione di un’altra raffineria in una bio raffineria: “stiamo studiando la possibilità di un’ulteriore conversione ma stiamo anche discutendo sulla costruzione di un nuovo impianto negli Usa”, spiega l’ad del gruppo. “La conversione probabilmente avverrà entro il 2030 perché entro il 2040 puntiamo chiudere le raffinerie tradizionali. Nei prossimi mesi decideremo cosa fare”.

Queste iniziative, rileva l’ad di Eni illustrando il piano, “contribuiranno sensibilmente alla decarbonizzazione dei nostri prodotti e avranno un impatto positivo per i nostri clienti. Infine, grazie a una forte disciplina finanziaria e una generazione di cassa resiliente, siamo in grado di incrementare la nostra politica di remunerazione, in linea con lo sviluppo strategico del nostro piano”. Migliora infatti la politica di remunerazione che prevede un dividend floor di 0,36 euro per azione con un prezzo del Brent di 43 dollari al barile, inferiore di 2 dollari rispetto al precedente, per poi aumentare con una percentuale crescente tra 30 e 45% del Free Cash Flow incrementale generato da uno scenario compreso tra i 43 e i 65 dollari. Complessivamente, il dividendo cresce di circa l’8% rispetto alla precedente politica di remunerazione.

Per quanto riguarda la produzione, nell’arco del piano, crescerà a una media di circa 4% all’anno, principalmente in maniera organica. Per il 2021, un anno di transizione prima della piena ripresa dal Covid-19, la produzione si conferma a circa 1,7 milioni di barili di olio equivalente/giorno (boe/g). Durante il quadriennio, saranno completati 14 grandi progetti, che rappresenteranno oltre il 70% della nuova produzione. Questi progetti sono localizzati in Angola, Indonesia, Messico, Mozambico, Norvegia ed Emirati Arabi Uniti.

  • 67
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
1 mese fa

Come sempre l ENI è sempre un passo avanti
Ha gia iniziato da anni il progetto Green. Si ,iniziando dai gestori !!!!Sono già al verde !!!!!
Stanno arrivando i soldiniiiii dall Europa!!! Fanculo Eni ,Descalzi e tutta la truffa GREEN

Alex
Alex
1 mese fa

Illustrissimo a.d. studiati i valori etici che vuoi propagare nei gestori e ricordati che i gestori hanno le stesse vostre dignità.