Quasi completato il decimo impianto Conad Nord Ovest della Toscana

Incredibile ma vero, saranno ultimati entro il mese di giugno i lavori per la realizzazione del nuovo (l’ennesimo in senso generale) distributore carburanti a marchio Conad. Si tratta della seconda stazione di rifornimento carburanti ad insegna Conad che aprirà nel grossetano.

Il nuovo distributore carburanti di via Scansanese sarà il decimo impianto Conad Nord Ovest della Toscana. Conad Nord Ovest ha già all’attivo 24 distributori carburante distribuiti in tutte le Regioni in cui la cooperativa è presente. A detta della cooperativa il segreto sarebbe quello di operare con una filiera di approvvigionamento molto corta (il che non sembra un elemento cosi vincente) ma dichiara che la parte importante è il controllo diretto del Socio Conad nella gestione del distributore. Tutto ciò, sempre secondo la cooperativa, “offre notevoli garanzie e permette le migliori economie che sono immediatamente riversate ai clienti sotto forma di prezzi convenienti e servizi efficienti.”

“I risultati fino ad oggi raggiunti ci soddisfano e ci spronano a continuare in questa direzione per offrire ai cittadini e ai nostri clienti un servizio di qualità ed attento alle loro esigenze – afferma Paolo degli Innocenti, socio Conad Nord Ovest e Presidente di Clodia Commerciale srl, la società proprietaria dell’impianto e dei negozi Conad di Grosseto – grazie alla nuova stazione di rifornimento in costruzione, che si aggiunge all’impianto di via Bulgaria, diventiamo una realtà sempre più grande sul territorio che potrà competere ancora di più con i grandi player del settore. Questo ci permetterà di offrire ancora più convenienza che si tradurrà in un maggiore beneficio economico per i cittadini, indotto principalmente dal calmieramento dei prezzi dei concorrenti di tutta la zona”. Tutto ciò, “dipende dal grosso volume di carburante venduto, aspetto che consente alla società cooperativa di tenere i prezzi più bassi rispetto alla concorrenza.”

A livello nazionale, a febbraio 2021, dichiara Conad, i clienti che si sono riforniti presso gli impianti carburante Conad distribuiti sul territorio italiano è stato mediamente pari a 8,5 centesimi di euro per ogni litro di carburante per un risparmio complessivo di 230,4 milioni di euro. 

Probabilmente Conad non sa (o ignora) che tale risparmio è andato a gravare ancora di più sui costi di una rete (a detta di tutti) inefficiente e costosa.  Un aspetto che non viene mai considerato nemmeno dai pomposi articoli di stampa che ne pubblicizzano l’ennesima e inutile costruzione. 

Di seguito, per opportuna conoscenza. una delle “filiere corte” della GDO.  ENERCOOP SVELA L’ARCANO: SONO ENI, YES E TAMOIL A RIFORNIRCI

  • 73
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
5 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
pippo
pippo
21 giorni fa

Queste è la razionalizzazione della rete ,questi sono i frutti delle liberalizzazioni .Liberi di aprire nuovi impianti ,addirittura spacciandosi per dei messia !!! calmiereranno i prezzi dei concorrenti nella zona ,con servizi efficienti ,Un dipendente con 16 pompe ,sai che servizio ???Liberi di far “morire ” decine di P V e relative famiglie BRAVI ringraziate il buon e sorridente Bersani
Leggete l articolo Enercoop svela l arcano, e capirete le cazzate che dice il Paolo degli Innocenti ,che di innocente ha solo il cognome
Fate giocare ad armi pari i gestori e poi vediamo le vs vendite

scaloppino
scaloppino
21 giorni fa

è da qando ero bambino io che le coop finanziano i partito comunista ricordiamocii che c’erano è ci sono ancora le coop rosse

Lucio
Lucio
20 giorni fa

L’apertura di grandi impianti di distribuzione consente di diminuire il numero di piccoli distributori spesso vecchi e non competitivi. La razionalizzazione del settore dei carburanti passa necessariamente da qui, piaccia o non piaccia

pippo
pippo
Rispondi a  Lucio
20 giorni fa

D’accordissimo con te ma basta prenderci per il culo con discorsi della minchia per farci credere chissà cosa prendiamo tutti atto che le gestioni sono “finite” tutto il resto è fuffa

Gestore Eni
Gestore Eni
Rispondi a  Lucio
20 giorni fa

Razionalizzazione? Forse non lo sai, ma da quando c’è stata la liberalizzazione, il numero di impianti è cresciuto.