I Gestori beneficiari del credito d’imposta pari al 50% delle commissioni addebitate

La Fegica, tramite la Cooperativa Benzinai, vuole informare tutti i Gestori che l’art. 16 della legge 58/2019 ( qui allegata ) relativamente al 50% del credito di imposta sulle commissioni bancarie per i Gestori di impianti carburanti, è sempre valido.

Si fa presente che il credito di imposta è valido SOLO per le commissioni per transazioni fatte con carte di credito, bancomat ed altre carte, e che il gestore ha pagato ai circuiti bancari o parabancari per acquisti fatti dal cliente SOLO PER CARBURANTI. NON è valido per le commissioni derivanti dalle CARTE AZIENDALI.

Ove il gestore, come prevedibile, non abbia la possibilità di separare i costi connessi all’utilizzo delle carte da parte dei clienti ( da una parte quelli SOLO per carburanti, dall’altra anche per altri servizi o acquisti di merci varie) la norma consente di valutare l’importo del fatturato complessivo ( netto iva ) e di calcolare l’incidenza del fatturato sul resto. Se, per esempio, il volume d’affari sulle attività diverse ( lavaggi, merci etc..) è pari al 10 per cento dell’intero fatturato oil /non oil, la norma consente appunto di ottenere il credito di imposta del 50 per cento del 90 per cento delle spese per commissioni bancarie.

Si fa inoltre presente che stanno arrivando in automatico i sostegni BIS per coloro che avevano avuto i SOSTEGNI tra aprile e maggio.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
8 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Daniele
Daniele
1 mese fa

Quindi per UTA e DKV o carte petrolifere della compagnia non è valido?

Sergio
Sergio
Rispondi a  Daniele
1 mese fa

Purtroppo no, entrambe sono fuori dai circuiti bancari o parabancari.

Franco
Franco
Rispondi a  Sergio
1 mese fa

Sono emesse da una finanziaria della compagnia ed è un pagamento tracciabile con commissione ,per cui sono scaricabili …

Daniele
Daniele
Rispondi a  Franco
1 mese fa

Quindi che cosa è corretto fare? si contano o no le carte petrolifere per il credito d’imposta? Sig. Timpani riesce a darci una risposta definitiva ? grazie

Timpani
Timpani
Rispondi a  Daniele
1 mese fa

Ma mi pare di averla già data. Le carte petrolifere sono in genere con contratto di somministrazione . Cioè il gestore somministra alla compagnia i litri erogati ad un cliente che ha la carta . La compagnia emette una fattura con il nome della gestione in automatico e rimborsa l’ importo trattenendo in genere 6 o 7 millesimi a carico del gestore. Non sono equiparabili alle carte bancarie per le quali abbiamo il credito di imposta. Se poi qualcuno vuole comunque detrarsele a mio avviso rischia .

Daniele
Daniele
Rispondi a  Timpani
1 mese fa

Perfetto! Grazie per il chiarimento!

antonio
antonio
1 mese fa

ma il credito d’imposta spetta a tutti o c’è un volume d’affari oltre il quale no è riconosciuto tale credito

roberto timpani
roberto timpani
Rispondi a  antonio
1 mese fa

NESSUN LIMITE