Caro carburanti, la Francia dà un contributo di 100 euro agli automobilisti

Caro carburanti in Francia

La situazione del caro-carburanti sta generando reazioni anche nel resto d’Europa. Giovedì sera, in Francia, il premier Jean Castex ha annunciato un aiuto governativo di 100 euro per consentire alle “classi medie” di far fronte al caro-benzina, che in Francia sta toccando livelli record.

A sei mesi dalle elezioni presidenziali, il braccio destro del presidente Emmanuel Macron ha anche riferito che il prezzo del gas verrà “bloccato” per tutto il 2022. Secondo quanto riferito da Castex, il contributo di 100 euro per far fronte al caro-benzina andrà a favore di circa 38 milioni di cittadini francesi. L’aiuto riguarda, in particolare, quei cittadini delle “classi medie” che guadagnano “meno di 2.000 euro netti al mese”. A cominciare da tutti coloro che hanno bisogno della loro auto per andare al lavoro, ma anche quei disoccupati che utilizzano il loro mezzo per cercare un’occupazione o anche i pensionati.

Secondo un recente sondaggio realizzato anche in vista dell’imminente corsa all’Eliseo, quella del potere d’acquisto è la principale preoccupazione dei francesi, molto davanti a temi sbandierati dall’estrema destra come sicurezza e immigrazione. In Francia, il prezzo alle stazioni di servizio è cresciuto di altri 2 centesimi la settimana scorsa, raggiungendo un livello medio storicamente alto, a 1,56 euro/litro per il gasolio e 1,62 euro per la benzina senza piombo. Castex ha difeso l’operato del governo per far fronte all’aumento dei prezzi dell’energia ed ha definito Macron come “presidente del potere d’acquisto”. Ha poi precisato che “questa specie di indennità inflazione” destinata a 38 milioni di francesi verrà versata automaticamente. I francesi “non dovranno fare nulla, sarà automatico. Passeremo per diversi circuiti. Forniremo i dettagli nei prossimi giorni”.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Alex
Alex
1 mese fa

Speriamo che in Italia non lo fanno altrimenti sicuramente saranno i gestori a doverli anticipare.
Poi glie li restituiscono !?!?