Caro Carburanti e decreto taglia accise, Cingolani incontra il settore

E’ in corso un incontro in videoconferenza tra il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, Unem, Assopetroli e le federazioni di categoria dei gestori, Faib, Fegica e Figisc. E’ presente anche il deputato di di Fratelli d’Italia De Toma promotore dell’omonima risoluzione con richieste su contrasto all’illegalità, ammodernamento e razionalizzazione della rete che nel dicembre del 2019 era stata approvata all’unanimità dalla commissione Attività Produttive della Camera

Secondo quanto scrive Quotidiano Energia, “l’incontro era stato convocato per parlare della risoluzione De Toma sulla rete carburanti di fine 2019 ma mai attuata. Inevitabilmente però alla riunione di oggi tra il ministro e il settore della distribuzione si parlerà anche della stretta attualità e quindi del caro-prezzi e delle misure per tagliare le accise su benzina e diesel, annunciate venerdì dal Governo e ancora non operative.”

Proprio De Toma era stato critico con il governo dopo l’emanazione del decreto energia lanciando l’allarme tramite i social e scrivendo del danno che il disgno di legge cosi come concepito causerebbe all’economia delle imprese del settore.
Per De Toma, “i 22000 gestori di impianti carburanti sono l’anello debole ed i meno garantiti, cosa fareste voi se aveste acquistato il carburante ad accisa piena per rivenderlo ed il governo vi imponesse di calare il prezzo senza però dire come compensare la maggiore accisa già pagata dal distributore e la minore accisa decisa dal governo e pagata dal cliente finale quando farà il pieno?
Se i distributori chiuderanno per evitare di rimetterci del loro, io sono con loro.
Concludendo il suo intervento prendendo in causa direttamente il presidente Draghi ” perché ci devi spiegare questo grave errore”.
 
Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
antonio
antonio
2 mesi fa

che vittimismo spicciolo

lucai eg
lucai eg
Rispondi a  antonio
2 mesi fa

0.25cents su 20.000 litri di carburante (ordine medio) sono pari a una perdita di 5000€
se consideri che si lavora per forse 1000€ al mese… fatti due conti

Fabio
Fabio
Rispondi a  lucai eg
2 mesi fa

tanto casino per 8,51 cent di accisa……

Last edited 2 mesi fa by Fabio