Caro carburanti, per evitare speculazioni scendono in campo Authority e Guardia di Finanza

Compito dell’Authority sarà, per tutto il 2022, monitorare e poter intervenire, insieme alla Gdf, per “evitare, a tutela del consumatore, indebite ripercussioni sui prezzi al consumo.” L’articolo 37 dispone che le aziende stesse avranno l’obbligo di comunicare ogni mese all’Antitrust i prezzi di acquisto e vendita dei rispettivi prodotti. 

Istituita al Mise un’apposita Unità di missione a supporto del Garante per sorvegliare i prezzi: l’Authority potrà chiedere alle imprese dati, notizie e elementi specifici sulle motivazioni che hanno determinato le variazioni di prezzo. Previste sanzioni molto più severe: se prima si parlava di 500-5.000 euro per le imprese che non forniscono entro 10 giorni elementi specifici sulle motivazioni delle variazioni, ora il decreto pone l’importo della sanzione all’1% del fatturato e comunque non inferiore a 2mila euro e non superiore a 200mila.

ll decreto Energia ha fissato anche un provvedimento di sconti sui rifornimenti: un bonus di 200 euro “esentasse” a disposizione delle aziende private a favore dei propri dipendenti. Previsti piani di rateizzazione per le imprese, con sedi in Italia, delle bollette di energia elettrica e gas di maggio e giugno fino a 24 rate mensili. Scatta poi un credito d’imposta del 20% a beneficio delle imprese dotate di contatori di energia elettrica di potenza disponibile pari o superiore a 16,5 kW, diverse dalle imprese a forte consumo di energia elettrica e ampliata fino a 5,2 milioni la fascia di famiglie protette dal caro bollette.

Dall’1 aprile il valore Isee di accesso ai bonus sociali è 12mila euro. E sempre ieri, in una informativa alla Camera il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani ha detto che
l’Italia ha bisogno di minimo tre anni per affrancarsi dal gas russo e di aver dato mandato a Snam per due nuove navi da rigassificazione.

Gran parte del dl sarà finanziato con la tassa del 10% sugli extraprofitti delle società energetiche. Si applicherà per il 2022, sarà versata a giugno, e dovrà essere pagata da tutta la filiera. Sono escluse le sole società che gestiscono piattaforme per lo scambio. Al momento c’è incertezza su quali siano la reale base imponibile delle società e il perimetro delle operazioni
da conteggiare. Scopo del governo è arrivare a prelevare 4 miliardi.

Altri tre i grandi temi affrontati nel decreto sono i 150 milioni da destinare a progetti di decarbonizzazione all’ex Ilva; il rafforzamento della Golden power, in particolare per difesa e tlc.

Sottoscrivi
Notificami
guest
4 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Ermanno
Ermanno
2 mesi fa

TUTTE QUESTE STRONZATE PER TRE CENTESIMI DI MARGINE AL LITRO ,PER 10 LO FAREI PURE MA PER TRE CREDO CHE LASCERO’ L’IMPIANTO TUTTI QUESTI ADEMPIMENTI ,QUANDO I LADRI SONO AL GOVERNO.

pippo
pippo
2 mesi fa

Non so se in Italia esista ancora la norma del prezzo libero ,esempi : io metto il gasolio a5 € litro ,lo espongo ,lo applico alla pompa ,sono in regola .
Se questo esiste ancora ,cosa serve monitorare ,controllare ecc ?
Se mi chiedono il motivo di tale aumento e rispondo :per guadagnare di più cosa fanno ? Il Mise non ha già tutti i dati ?.
Mandino la G d F al confine di Trieste ,ne troveranno delle belle ,altro che controllare i gestori

gian
gian
Rispondi a  pippo
2 mesi fa

concordo

Alex
Alex
2 mesi fa

Si il mio AVR mi ha già minacciato di mandarmi la finanza solo perché gli ho risposto che devo finire le scorte dal momento che lo spostamento di prezzo è superiore al mio margine.
Dal momento che le mie vendite non sono brillanti con un goost e una pompa bianca vicino, lui x vendicarsi mi ha fatto una pec dove mi accusa di averlo minacciato, senza rendersi conto che lui viaggia su un binario morto che attraversa la mia più totale indifferenza.
L’anti trust e la GdF devono indagare x sapere a cosa serve il differenziale servito self e chi lo ha stabilito secondo quali parametri.