Scasso ai Self Service, la banda delle ruspe a processo

La cosiddetta “banda della ruspe” che ha devastato gli impianti self service di mezzo friuli affronterà il processo. La Procura ha respinto l’istanza di patteggiamento proposta dalla difesa – avvocati Nicola Rago e Enrico Mariani – nel caso fosse stata riconosciuta l’ipotesi di furto aggravato.

Il sostituto procuratore Federico Baldo non ha inteso “addolcire” il capo di imputazione. Ha confermato il furto in abitazione e il gup Rodolfo Piccin ha rinviato a giudizio i tre romeni responsabili di vari capi di imputazione.

Oltre ai raid nelle case, puntavano alle ruspe lasciate nei cantieri, che usavano per sradicare le colonnine dei self service dei distributori di benzina e impadronirsi dell’incasso. Un anno fa, la notte tra il 25 e 26 marzo, la loro auto fu intercettata dai carabinieri di Gorizia. L’Arma ingaggiò un inseguimento, costrinse la banda ad abbanconare la macchina e a scappare a piedi verso l’Isonzo: è tentando di attraversare il fiume che Stanica Broasca (27 anni) morì annegato.

Il gruppo arrivava in Italia dalla Slovenia, attraverso i valichi di Nova Gorica. Rubavano auto, in particolare pick up, e ruspe da cantieri o depositi di noleggio di macchine operatrici. Il rinvio a giudizio riguarda l’assalto al distributore di carburanti del Conad Porcia, al Q8 di San Vito al Tagliamento e al Conad di Martignacco. Vi sono poi una lunga serie di furti in abitazioni a San Michele al Tagliamento, dove la notte del 17 febbraio 2021 si impadronirono di attrezzi da lavoro, capi di abbigliamento, forzarono macchine parcheggiate nei cortili e rubarono un’auto. La stessa notte con la vettura appena rubata raggiunsero Roveredo in Piano e rubarono una pala meccanica Volvo, dopo aver inutilmente tentato di appropriarsi di un carrello Kramer e di una ruspa Fiat Iveco. Raggiunsero Porcia e tentarono il colpo al Conad, sventato dalla Polizia di Stato. Per scappare rubarono l’auto di un abitante di Porcia. Tentarono un altro furto a Porcia, poi si spostarono a Pordenone, dove si impadronirono di un pick up.

Fecero un pausa di circa due settimane e la sera del 7 marzo tornarono a colpire. A Gradisca di Isonzo rubarono un veicolo, raggiunsero San Vito al Tagliamento che ormai era passata la mezzanotte e rubarono una pala meccanica New Holland, poi usata per il colpo al Q8. Al 25 marzo risale un’ulteriore incursione. Dopo due furti a Manzano e a Martignacco, dove rubarono una pala meccanica Jbc e sradicarono la colonnina self service del distriburore Conad, inseguiti dai carabinieri di Udine scapparono verso il Tagliamento. Oltrepassato il ponte ad aspettarli c’era il Radiomobile di Spilimbergo. A fari spenti scaricarono contro la gazzella dell’Arma il contenuto di alcuni estintori del peso di 9 chilogrammi, così da creare una cortina fumogena, poi li lanciarono contro la macchina per impedire che proseguisse. Raggiunsero Arba e colpirono nell’unica stazione di servizio del paese rubando sigarette, cartine e soldi. La fuga verso il Goriziano finì con l’arresto di Borsa e la morte di Broasca. I tre erano stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale di Pordenone, accompagnata da un mandato di arresto europeo che aveva permesso di rintracciare Sociu e Dobre in Romania.

Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Beppe
Beppe
1 mese fa

con questi capi di imputazione in America buttavano via la chiave, qui è probabile che fra un po tornano liberi