Fegica: DL Accise, aumentare il prezzo dei carburanti è un errore strategico

IL GOVERNO RIPENSI E MODIFICHI LA BOZZA DI DECRETO.

E’ la solita, vecchia storia: quando non si sa che pesci prendere, allora si mette mano alla benzina!

Questo il commento della Fegica, Organizzazione di categoria dei Gestori di impianti di rifornimento carburanti, all’annuncio del consistente taglio all’intervento di riduzione delle accise sui carburanti, nonostante lo stesso, in vigore ormai dalla metà di marzo scorso, introdotto in concomitanza con l’acuirsi della crisi energetica, fosse stato appena rinnovato con il Decreto Aiuti Quater fino al 31 dicembre.

Si tratta di un evidente errore strategico -prosegue la nota sindacale- sia per l’effetto che ciò è destinato a generare sul rialzo dei prezzi di tutte le merci e, quindi, sull’inflazione già di per sé significativamente alta, sia per le conseguenze negative sulla propensione al consumo, in specie alla vigilia della stagione festiva.

E’ davvero un peccato che il nuovo Governo, al suo primo atto di natura economico/finanziaria, non sia riuscito a fare uno sforzo di fantasia che gli impedisse di ripercorrere terreni già largamente battuti da quasi ogni altro Esecutivo precedente, dalla Prima Repubblica in avanti, scaricando su un prodotto essenziale alla mobilità come i carburanti e quindi su tutti i cittadini in egual misura, abbienti e meno abbienti senza distinzione, il costo di politiche che evidentemente non sono di per sé stesse in equilibrio.

Sarebbe oltretutto bene ricordare come, a regime, la pressione fiscale sui carburanti in Italia è una delle più alte d’Europa e semmai occorrerebbe ragionare di come ridurre strutturalmente il prelievo.

Vogliamo ancora sperare -conclude Fegica- e in questo senso va la pressante richiesta della categoria, che il Governo nella sua collegialità trovi motivi e risorse alternative per ripensare ad un tale provvedimento annunciato, prima che divenga cogente.

Sottoscrivi
Notificami
guest
4 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
mauro
mauro
11 giorni fa

e quindi cosa propone fegica?i soldi ce li abbiamo rimessi noi gestori,e con questo aumento riusciremmo a recuperare in parte ciò che da marzo continuano a rinviare

MARIO K.
MARIO K.
10 giorni fa

Invece di chiedere il rimborso per noi gestori che abbiamo anticipato a Marzo, voi pensate a voler far diventare lo sconto definitivo. Bene, mi sta anche bene, ma i miei soldi io quando cazzo li recupero? Avete pensato anche a questo o no? A me pare tanto che pensiate i soldi sono i loro che ci frega a noi!
Ben venga a questo punto l’aumento, intanto inizio a recuperare qualcosa, poi vediamo!

Franco
Franco
Rispondi a  MARIO K.
10 giorni fa

Caro Mario K. senza voler apparire come il difensore d’ufficio di questa o quella associazione di categoria ti invito a digitare sul cerca in alto a destra di questo sito inserendo come parola chiave “Accise” cosi da poter constatare come sia stato richiesta anche in maniera ufficiale il rimborso. Ovvio poi il discorso che è cosa buona e giusta riuscire a mantenere un livello di tassazione del carburante molto più basso dell’attuale….

MARIO K.
MARIO K.
Rispondi a  Franco
9 giorni fa

Guarda non ho bisogno del tasto cerca in quanto seguo assiduamente questo sito e leggo tutti gli articoli che vengono pubblicati. Conosco bene tutta la vicenda, ma qui il punto è un altro. Concordo sul fatto di avere una tassazione inferiore sui carburanti ma non è questa la priorità al momento. MI sarei aspettato una richiesta diversa in questo momento, tutto qui.