Mase a Gestori carburanti: subito un tavolo di confronto

Il Ministero dell’ambiente e della Sicurezza energetica, in relazione allo sciopero proclamato dalle organizzazioni di rappresentanza dei Gestori carburanti della rete autostradale, annuncia in un comunicato “una rapida convocazione di un tavolo di lavoro in coordinamento con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, al fine di esaminare le istanze poste alla base dell’agitazione dalla categoria e le problematiche relative al comparto.”
 
“Invita pertanto le organizzazioni sindacali, in vista di tale impegno, a considerare l’opportunità della sospensione dell’attuale programma di chiusura degli impianti”. 
 
Terminerà, comunque,  alle ore 22.00 di questa sera lo sciopero di tre giorni proclamato dalle organizzazioni di categoria dei gestori delle aree di servizio autostradali -Faib, Fegica ed Anisa- per “squarciare il velo di silenzio e connivenze che da oltre 22 anni consente il perpetuarsi di un ‘sistema’ volto a sfruttare in modo indisturbato e ad esclusivi fini privati, l’abnorme ricchezza che solo un bene pubblico in concessione può generare, a tutto danno della collettività in generale e degli utenti di un servizio con standard qualitativi pessimi e prestato a prezzi ingiustificatamente fuori mercato”. È quanto si legge nella nota congiunta diffusa dalle tre sigle sindacali. “La parabola effettuata – prosegue il comunicato – dal 1999 ad oggi dalle concessioni autostradali, anch’esse vittime della cosiddetta via italiana alle ‘privatizzazioni alla francese’ – vale a dire, trasferire i gioielli di famiglia dello Stato agli ‘amici’, come reazione di certa politica colta impreparata dallo tsunami di ‘mani pulite’, è particolarmente emblematica.
Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Alex
Alex
1 mese fa

L’antitrust,
le associazioni dei consumatori,
l’ANAS,
le varie associazioni a tutela del cittadino.
DA CHE PARTE SI SCHIERANO, cosa pensano di fare.
In questi anni a cosa hanno pensato?
Ad elogiare le pompe bianche che erano più brave dei gestori a fare gli imprenditori ??

Francesco
Francesco
Rispondi a  Alex
1 mese fa

Si continua a fare partecipare alle trattative per rinnovare accordi economici personaggi che non appartengono più alla categoria e oltre non ricoprono più nessuna carica come possono portare a casa risultati per i gestori?bisogna iniziare a rottamare e mettere persone GIOVANI motivate e non galoppini che si vendono per una manciata di lenticchie .

max
max
Rispondi a  Francesco
1 mese fa

al tavolo si serve Aragoste e Caviale non dimenticarlo come anno fatto con noi !