L’offera del Governo ai Gestori, più controlli e multe ridotte

Adolfo Urso, ministro delle imprese, sembra determinato a scongiurare lo sciopero dei Gestori : “Il governo era ed è in ascolto. Sentirò le loro proposte di modifica e valuteremo”.

Il momento della verità si avrà oggi pomeriggio, quando Urso alle 14.30 riunirà nella sede del dicastero delle Imprese e del Made in Italy i rappresentanti dei Gestori. In realtà si tratta della prima convocazione del “tavolo permanente” per la riforma del settore che prevede, tra le altre cose, una riduzione dei punti vendita. Ma, vista la rabbia dei Gestori, l’incontro sarà anche e soprattutto l’occasione per il governo di provare a disinnescare lo sciopero nazionale.

“Venerdì scorso ci siamo lasciati senza che il decreto fosse ancora pubblicato. Ora che il quadro è chiaro”, dice il ministro Urso al Messaggero, “i sindacati potranno esprimersi in maniera compiuta sul provvedimento e illustrare le loro obiezioni. Sono pronto ad ascoltare e se le richieste saranno convincenti, il decreto potrà essere modificato dal Parlamento. Il taglio
delle sanzioni? Ragioneremo con i sindacati. Ma ciò che è certo è che bisogna far emergere le migliaia di pompe, circa quattromila, recidive e inadempienti che non mandano le comunicazioni sui prezzi al mio dicastero. Sono convinto che i gestori saranno d’accordo: la condotta irregolare di pochi colpisce i due terzi dei distributori che rispettano le norme”. In sintesi: il governo appare disposto a rivedere e a mitigare le sanzioni se ci sarà la disponibilità dei sindacati a perseguire chi è inadempiente. “Una mediaizone si troverà”, confermma il sottosegretario al ministero dell’Economia e Finanze Federico Freni.

Pensare che, come suggerisce la Staffetta Quotidian in un suo editoriale, “se si vuole affrontare il problema concretamente, il modo c’è. Dalla rilevazione dei dati Osservaprezzi Mimit emergono ogni giorno circa 3.500 punti vendita con prezzi “non validi”, cioè non aggiornati da oltre una settimana. Tanto che l’elaborazione quotidiana dei prezzi medi nazionali, regionali, provinciali e per singolo marchio da parte della Staffetta avviene di solito sui dati comunicati da circa 19mila punti vendita su un totale di oltre 22mila. Tutti questi numeri sono in possesso del Mimit. I punti vendita “inadempienti” hanno un nome, un cognome e un indirizzo. Basta andare a cercarli ed eventualmente sanzionarli. O, se sono punti vendita non più in esercizio, eliminarli dalla banca dati.”

La tensione tra i Gestori rimane alta. “Siamo stati traditi. Venerdì, giorno del nostro ultimo faccia a faccia, i rappresentanti dell’esecutivo avevano certificato che con i prezzi alti i gestori dei distributori non c’entrano niente.E invece ora scopriamo che il decreto pubblicato in Gazzetta non ha cambiato di una virgola l’accanimento mediatico che ci tratta alla stregua di furbetti e speculatori”, attacca Bruno Bearzi, president di Figisc-Confcommercio.

A irrigidire ulteriormente i Gestori, che si sentono “criminalizzati”, la notizia dell’indagine dell’Antitrust su alcune compagnie petrolifere che non avrebbero vigilato sui prezzi applicati alla pompa risultati in molti casi più alti di quelli pubblicizzati, stando alle rilevazioni della Guardiadi finanza.

La giunta nazionale della Faib Confesercenti “conferma” così “il giudizio di forte contrarietà sul decreto trasparenza”. Pesa “la formulazione della norma che conferma l’obbligo di un nuovo cartello e l’inasprimento inaccettabile delle sanzioni”. Pertanto, lo sciopero contro “questo provvedimento inutile e dannoso resta congelato, in attesa dell’incontro” di oggi con Urso. In quell’occasione, fa sapere Faib, “valuteremo se il governo ha intenzione di accogliere le richieste della categoria o meno. E prenderemo le decisioni conseguenti”.

Decisioni che saranno illustrate giovedì, giorno nel quale lo sciopero sarà confermato o revocato. Ben venga maggiore trasparenza, dice la Federazione di Confesercenti, “ma si eliminino adempimenti ch erisulterebbero inutili e si riveda il sistema sanzionatorio, senza duplicazioni e senza accanimenti”. Nell’incontrocon Urso “valuteremo se il governo ha intenzione di accogliere le richieste della categoria o meno”. Al centro della piattaforma sindacale, prosegue la Faib, “rimane la lotta alla diffusa illegalità fiscale e contrattuale, che si stima sia superiore ai 13 miliardi l’anno. Non è ammissibile che oltre la metà della rete carburanti sia condotta in modo illegale, con ampio ricorso a fenomeni di caporalato petrolifero e che oltre il 30% dell’erogato sia in evasione Iva quando non anche di accise”.

Duro anche il commento di Roberto Di Vincenzo, presidente di Fegica: “Sul caro carburanti continua lo scaricabarile del governo. Prima la pubblicazione di un decreto pasticciato, poi l’avvio di una istruttoria dell’Antitrust che indagherebbe sui petrolieri non per le loro eventuali responsabilità, ma perché non avrebbero sorvegliato i benzinai evidentemente rei di aver speculato sui prezzi. È una situazione grave, se non fosse ridicola. L’esecutivo non può dire che i gestori si sono comportati correttamente e poi evocare l’intervento della Guardia di finanza e dell’Antitrust”.

Sottoscrivi
Notificami
guest
8 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Tony
Tony
12 giorni fa

NO.. Siamo esauriti di tutti sto controlli siamo sempre controllati..mandate la finanza a controllare i grandi patrimoni

Gianluca
Gianluca
12 giorni fa

Ma mandateli a cagare

Tony
Tony
12 giorni fa

Dott PORRO le sue dichiarazioni

gionni
gionni
12 giorni fa

SCIOPERO AD OLTRANZA.
ORA O MAI PIU’
UNA SETTIMANA, 15 GIORNI, UN MESE
DOVETE RIDARE DIGNITA’ A QUESTO LAVORO OPPURE CI DATE LA BUONA USCITA E ANDIAMO TUTTI A CASA.
BASTA MULTE E SANZIONI MA SOPRATTUTTO MARGINEEEEEE
SOTTO I 6 CENT NON SI GESTISCE UN IMPIANTO.
LO VOLETE CAPIRE?!?!?!?!?!?!?!

Jack
Jack
Rispondi a  gionni
12 giorni fa

Hai ragione….scioperiamo…. anche se sono pessimista e….purtroppo comunque vada…ci lasceranno morire con gli attuali margini da fame, perché lo stato e le compagnie sono la stessa cosa.

Lino
Lino
12 giorni fa

Ad un criminale come Matteo Messina neanche le manette gli hanno messo, mentre per i benzinai fra poco ci sarà l’impiccagione come in Iran.
Ora è mai possibile che nessuno abbia sentito uno studio legale per valutare queste norme come VESSATORIE?
1) Si è fatto diventare un reato ciò che non è: non comunicare il prezzo medio (che chiunque fosse interessato col proprio smartphone può consultare in autonomia) costituisce forse un danno erariale nei confronti dello stato oppure una frode nei confronti del cliente? NO!
2) il benzinaio è un lavoratore di serie Z visto che non gli è concesso alcun giorno di ferie o festività? A Natale io devo presentarmi sull’impianto ad aggiornare il prezzo medio? Se ho 40 di febbre e sono a letto devo sperare che il finanziere non passi per il mio impianto? RIDICOLO…di m
3) sproporzione delle pene: ai tassisti che hanno scaraventato giù dal veicolo un handicappato solo perchè voleva pagare col POS il Governo si è quasi scusato per aver osato chiedere. A noi CHIUDONO l’impianto per recidiva per un adempimento inutile e ridondante? I finanzieri ci diano i loro indirizzi che andremo a mangiare a casa loro.
4) E’ mai possibile che se non ho fatto variazioni di prezzo da più di una settimana debba rinnovare la comunicazione e non tener per buona l’ultima fatta?
5) I responsabili delle truffe su IVA ed accise sono i DEPOSITI, che spuntano come funghi (almeno dalle mie parti) e chiudono dopo un paio di anni quasi indisturbati perchè gestiti da ndrangheta e soci: la Finanza là non ci va mai e non so se per paura o connivenza, mentre è facile andare dal piccolo benzinaio è dargli 1000€ di multa per essersi dimenticato di mandare i prezzi. Scusa Stato Italiano, purtroppo possiamo dimenticarci di adempiere a qualche insulso obbligo, ma sai siamo benzinai…ogni tanto dobbiamo trovare il tempo di andare sul piazzale a fare il nostro vero lavoro.

Davide
Davide
12 giorni fa

…in caso di sciopero….quanti P.V. resterebbero chiusi?….visto che ormai il 70% dei P.V. e gestito direttamente dalle compagnie o in Ghost e non penso proprio che scipereranno?…..sciopero si…ma resto molto perplesso.

MARIO K.
MARIO K.
Rispondi a  Davide
12 giorni fa

Intanto facciamolo, poi tireremo le somme. Ma se iniziamo a pensare a chi non chiude, non riusciremo mai a raggiungere nessun risultato!