Cartello prezzo medio, multe anche ai Gestori chiusi per ferie

Giorgia Meloni lo ha raccontato in uno dei suoi tanti discorsi in campagna elettorale. Se apri un’azienda ( è uguale se gestisci una stazione di servizio) è come giocare ad un videogioco, c’è sempre un livello più difficile. Al primo posto c’è la difficoltà che ti impone lo stato italiano. “Devi superare quello per poter andare avanti”, diceva l’allora deputata Giorgia Meloni oggi presidente del consiglio. 

E infatti i Gestori degli impianti di carburanti oggi si trovano al livello difficile “Prezzo medio regionale” creato dal governo Meloni per distruggere definitivamente la categoria dei benzinai. 

E non importa se il cartello dei prezzi medi è inutile e controproducente visto che i prezzi dei carburanti sono in costante aumento, con la benzina che ha raggiunto il picco più alto degli ultimi dodici mesi arrivata a  1,936 euro al litro.

Ma Il cartello del prezzo medio, in vigore dal 1 agosto  voluto  anche contro l’autorevole parere dell’Antitrust, la quale aveva avvertito che non poteva essere una misura utile  per combattere le “speculazioni” ma al contrario le avrebbe potute creare, è diventato uno strumento punitivo nei confronti dei benzinai. 

A denunciare la situazione è la Figisc (l’associazione dei gestori affiliata a Confcommercio): “Stiamo ricevendo segnalazioni soprattutto dalla Lombardia,” spiega l’associazione”delle prime multe fatte solo perché, essendo in vacanza e avendo lasciato l’impianto in modalità self-service, i Gestori non hanno aggiornato le quotazioni”.

“Di solito, ad agosto, i gestori degli impianti sulla rete ordinaria (perché sulla rete autostradale non si chiude mai) quando vanno in ferie, lasciano alla clientela la possibilità di utilizzare le pompe in modalità self-service. Ora però, c’è il problema del cartello: la Guardia di Finanza considera gli impianti chiusi ma in modalità self aperti, e quindi i gestori che non aggiornano i cartelli sul prezzo medio sono considerati inadempienti.”

Ecco la vera utilità del cartello dei prezzi medi. Non certo quella di fermare una speculazione inesistente, cosi come dichiarato ancora dalla stessa Antitrust con la conclusione dell’indagine conoscitiva avviata lo scorso gennaio sull’andamento dei prezzi dei carburanti.

Quella del cartello è una scusa per vessare una intera categoria e per coprire le responsabilità di un governo rispetto alle molte promesse non mantenute fatte in campagna elettorale. 

D’altronde, è la stessa Giorgia Meloni a raccontarci la verità. 

 

Sottoscrivi
Notificami
guest
13 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Gianni
Gianni
9 mesi fa

La misura è colma, questo è calpestare anche la dignità oltre che i diritti del gestore. Vergogna anche ai finanzieri!
Qua urge una risposta forte…bisogna chiudere una settimana e lasciare a piedi tutti…sta storia del cartello è durata anche troppo

Angela
Angela
Rispondi a  Gianni
9 mesi fa

da notare che questo cartello confonde la clientela perche’ ora sui piazzali con piu’ modalita’ di vendita ci sono 3 prezziari..e la gente non capisce qual’e’ il prezzo alla pompa..

ant
ant
Rispondi a  Gianni
9 mesi fa

non siamo uniti come categoria.ci saranno sempre i cretini che rimarranno aperti…

pippo
pippo
9 mesi fa

IO IL CARTELLO LO ARROTOLEREI E LO FICCHEREI ………………….A CHI LO HA INVENTATO
Detto questo ,in foto ,visto che NON siete politizzati ,metterei anche la faccia dei sindacalisti che non hanno fatto nulla ,per contrastarlo e continuano a fare polemiche invece di impegnarsi in altro ,magari più redditizio
Ci ricordiamo lo scontone ? quando i gestori ,o non andavano in ferie ,o tornavano dal luogo di vacanza per aggiornare il prezzo ?Nessuno si sognava di dire che le compagnie erano brutte ,sporche e cattive .Quindi ? forse il problema sta nella testa di qualcuno
Le promesse fatte in campagna elettorale sono sempre state farlocche ,fatte da tutti i partiti ,tutti senza eccezione, dire il contrari è infantile e perseverare e idiota ,e denota l incapacità di andare oltre e non avere programmi ,idee e proposte
Caro sindacato Lo sapete benissimo come fare per levare il cartello ,ve lo chiedono i gestori

roberto timpani
roberto timpani
Rispondi a  pippo
9 mesi fa

Caro Pippo, si stai invecchiando ed incominci ad avere memoria corta. Sei tu che non si sa dove stavi quando nel Sindacato all’epoca dello scontone noi facevamo le battaglie contro eni in primis e poi contro tutte le altre compagnie che seguirono Scaroni nella sua folle iniziativa. Solo che a giugno 2012 quando scatto’ questa sciagurata vicenda, i social erano meno diffusi, le notizie circolavano solo esclusivamente con i volantini consegnati a mano e qualche posta elettronica. Ora cerca di ammettere che , con tutte le colpe dei precedenti governi, con tutte le colpe dei sindacalisti, con tutte le colpe della categoria, mai nessuno si era impegnato cosi’ tenacemente in una lotta senza quartiere ai danni dei benzinai ( imprenditori forse ma nel linguaggio popolare sempre benzinai) Nessuno mai , tranne qualche giornalista da strapazzo, ha indicato in questa categoria il male assoluto da combattere ed abbattere definitivamente. Dove non sono riuscite le compagnie, la grande distribuzione, Bersani con le liberalizzazioni ( sono mancati i controlli a valle non perchè le idee di Bersani fossero assurde: hanno solo cercato di governare quello che l’Antitrust stava già facendo bollire in pentola..) insomma dove non ci sono riusciti gli altri, ci stanno pensando la Meloni e Urso e secondo me, a mio modesto e personale parere, su suggerimento di qualcuno altro…..

pippo
pippo
Rispondi a  roberto timpani
9 mesi fa

Non intendevo colpevolizzare il sindacato sullo scontone ,ma i gestori in particolare quelli Eni che ,e ne conosco molti ,tornavano per cambiare il prezzo buoni ,buoni
Poi a mio avviso che gli altri non abbiano fatto nulla mi sembra un eufemismo .Forse quando i 5 stelle al governo dicevano che si dovevano “eliminare ” i gestori eravamo distratti , o pos sulle accise ,la commissione DE Toma ,passata da un cassetto al altro ,sparita .obbligati al lavoro con il covid ,.Che poi i governi di sinistra non abbiano fatto nulla ,ma veramente nulla per i gestori ne do atto
Quello che mi rode è che state perdendo tempo ,che dovreste impegnarvi per altro ,e lasciare il cartello al suo naturale spegnimento ,,anzi usarlo come arma di ricatto contro le compagnie con il governo La vera lotta è che oggi con un inflazione al 10% e un margine netto di un centesimo .quindi a ZERO ,il cartello e l ossessione che mettete mi sembra assurda ,preferirei 10 cent litro e girare i numeri una volta al giorno

Gio
Gio
9 mesi fa

Questa è l’italia…. purtroppo.

Sal
Sal
9 mesi fa

Sinceramente se devo pensare a quello che non hanno fatto i vari governi di sinistra e di destra mi viene il mal di testa… recriminare non porta a nulla. Vivo il presente ed oggi il mio nemico è questo governo che ho per di più votato. Questa coalizione che da anni va predicando attenzione alla piccola impresa, spina dorsale di questo paese di inetti . Ha predicato bene ma sta razzolando malissimo…ma sta Mazzolando di meglio. Il mio nemico è anche quella parte di sindacato che ha revocato una parte di sciopero legittimo ed approvato per baciare la pantofola al governo. Governo medesimo che ha messo la fiducia su un cartello! Contro gli altri due compagni di viaggio che avevano capito la pirlata fatta . Siamo tutti in un anticamera… spero non sia quella della cessazione di una categoria per selfizzare tutto. Ma secondo me per come si sono mosse le compagnie il fine ultimo è questo.

ant
ant
9 mesi fa

scusate se ha senso quando sta in funzione il self,tu devi farti 20km andare sull’impianto per cambiare il prezzo medio per 1millesimo,le comiche italiane ….

ant
ant
Rispondi a  ant
9 mesi fa

oppure ti dicono metti quello elettronico,ma perché’ devo spendere più’ di 1000€ e’ pagare un’abbonamento! di questi tempi che stiamo tutti per il risparmio?

Gianni
Gianni
Rispondi a  ant
9 mesi fa

Ti ricordo che anche con il cartello elettronico è comunque tua la responsabilità di verificare che sia andato a buon fine l’aggiornamento, non risponde certo chi ti fornisce il servizio…quindi devi andare lo stesso sull’impianto

Gestore stufo
Gestore stufo
Rispondi a  ant
9 mesi fa

Ma chiudere tutto come fanno tutti i commercianti seri quando vanno in ferie, no? Io faccio poche ferie, ma quando le faccio, spengo tutto e buonanotte.

Gio
Gio
9 mesi fa

Ridicolo fare la multa a chi è in ferie, sarebbe come dire ai propri dipendenti, andate in ferie, però passate al lavoro 5 minuti ogni mattina altrimenti multa.