Il “Fantastico” mondo del margine dei benzinai: una riduzione da applausi. Parola di Urso

Il Ministro del Made in Italy, Adolfo Urso, sembra aver scoperto l’equazione magica per far ridere (ma c’è da piangere) i benzinai: basta abbassare un po’ il margine e tutti saranno felici. Si tratta di una scoperta rivoluzionaria, a quanto pare, che ha stupito anche gli studiosi di economia più accreditati. Abbassare i prezzi per i consumatori? No, grazie! Ridurre il margine dei benzinai mediamente 3 centesimi al litro.  Ecco la chiave del successo!

Immaginate la sala riunioni del Ministero, con Urso entusiasta che annuncia il suo piano geniale: “Ehi, ho un’idea! Riduciamo il margine dei benzinai e faremo tutti felici. Ci lasceranno fare i cori in loro onore per la generosità!” Chissà, forse era solo un momento di grande illuminazione, ma sembra che questa teoria abbia guadagnato credibilità.

Urso sembra credere che questa riduzione del margine sia stata la risposta ai sogni di milioni di italiani, come se fossimo in attesa che il margine dei benzinai diminuisse da sempre. Chi sa, forse il prossimo passo sarà organizzare un festival in onore di questa grande conquista economica, con una sfilata di carri allegorici dedicati ai prezzi del carburante.

E poi c’è l’entusiasmo per il cartello del prezzo medio. Davvero, il cartello del prezzo medio? Finalmente possiamo dormire sonni tranquilli sapendo che i prezzi del carburante saranno mediamente… medi! Una svolta epocale, senza dubbio.

Ma veniamo ai fatti talmente surreali che sono difficilmente commentabili. Il ministro del made in italy, Adolfo Urso, ha partecipato alla trasmissione l’Aria che tira su La 7 ha affermando che “Il margine dei distributori, cioè dei benzinai, rispetto a quando abbiamo monitorato e introdotto il cartello del prezzo medio si è ridotto di oltre un terzo”.

Il ministro ha affermato del margine dei benzinai rispondendo alle domande su un eventuale influenza egativa dei prezzi a seguito del nuovo fronte di guerra tranquillizzando che al momento non c’è nessun allarme ma certamente attenzione.

“Il prezzo alla pompa del gasolio e benzina, ha precisato, anche oggi si è ridotto grazie al monitoraggio che abbiamo fatto. Il margine dei distributori, cioè dei benzinai, dello scorso anno, rispetto a quanto abbiamo monitorato e fatto il cartello sul prezzo medio, si è ridotto di oltre un terzo. Cioè il cartello sul prezzo medio ha consentito ai consumatori di scegliere laddove era utile e conveniente dove rifornirsi e ha convinto i benzinai a ridurre dal 2022 al 2023 di più di un terzo il loro margine, è chiaro?”

E il prezzo sta scendendo gradualmente in maniera significativa, ha continuato, siamo ben oltre ben sotto i due euro, quando quest’estate qualcuno lo titolava 2,70 la benzina era in un distributore
su 22 mila, ma il titolo dei giornali era 2,70, bastava rivolgersi agli altri 22 mila distributori per trovarli in quel momento sotto i due euro.

Di seguito l’estratto del video con l’intervento di Urso. 

Sottoscrivi
Notificami
guest
19 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
gioeni
gioeni
7 mesi fa

UN IDOTA stipendiato dai noi italiani che lavoriamo.
Non ho più parole

pIPPO
pIPPO
Rispondi a  gioeni
6 mesi fa

Stipendiato e soprattutto VOTATO…

Sal
Sal
7 mesi fa

Poveri noi…a me questo ministro ha fatto tornare in mente la leggenda di Hans Brinker, il bambino olandese che restò per una notte intera con il dito infilato nella fessura di una diga per impedire che il mare allagasse le campagne coltivate e il villaggio. E ve lo tenne fino a che non accorsero gli uomini a riparare la falla.
Meno male che Urso c’è.

SALVATORE
SALVATORE
Rispondi a  Sal
7 mesi fa

Ma sul serio questo è un ministro della nostra Italietta, onestamente faccio fatica a comprendere ciò che ha detto mi è sembrato molto confuso come se fosse appena uscito da una piola , ha fatto una gran confusione straparlava, di margine dei benzinai con il prezzo alla pompa che era diminuito di un terzo dovuto al cartello del prezzo medio ,ed a un certo punto durante la trasmissione ,l’economista Barisoni e il giornalista erano esterrefatti, e dentro di loro il primo pensiero e stato ma che cazzo dice questo !!!!! e fuori dalla grazia di Dio!!!!, colleghi purtroppo questa e la nostra classe politica con questi ignoranti non si combina un bela minchia di niente non illudetevi…..saluti

Guido
Guido
Rispondi a  SALVATORE
7 mesi fa

Chissà chi li ha votati…

Sal
Sal
Rispondi a  Guido
7 mesi fa

Io li ho votati…purtroppo! ma la media dei politicanti è questa. DX o SX cambia nulla, e non è il solito discorso qualunquista da sala d’attesa, ma la pura constatazione della realtà. Non si scappa.

ant
ant
Rispondi a  Guido
7 mesi fa

Son tutti uguali destra sinistra centro fanno i soliti interessi quello che hanno promesso non lo mantengono come le commissioni sui POS,solo propaganda elettorale poveri noi,le big ferma nessuno parla,le banche nessuno parla tutti i commercianti vadano nel paese dei balocchi,stanno chiudendo tutti!!!!

pippo
pippo
Rispondi a  Guido
7 mesi fa

IO li ho votati e li rivoterei .Purtroppo in mezzo a tanti ce una cacca e ce lo abbiamo noi Ti ricordo che gli altri avevano un Toninelli ,che dei gestori aveva una sola parla .INUTILI

SALVATORE
SALVATORE
Rispondi a  Guido
7 mesi fa

Qui puoi votare chi vuoi il risultato non cambia, e una legge matematica cambiano i fattori ma il risultato non cambia, siamo tutti con la canna del gas dalle piccole imprese alle grandi i costi per poter campare sono diventati insostenibili non puoi farcela quando le entrate si sono ridotte al lumicino e i costi per far girare la giostra so no quintuplicati , l’unica cosa che mi viene in mente in questo momento è la rivoluzione, ma con chi???????

pippo
pippo
7 mesi fa

Per puro caso ho visto la trasmissione .Sono rimasto di m….da per due cose .Una l ignoranza del signore Urso ,ignorante all ennesima potenza .Due l ignoranza della trasmissione e del conduttore che non sanno ,e vorrebbero far credere alla gente che li segue di sapere ,generando il casino
L altra cosa che mi fa cadere le braccia è la mancata presa di posizione sulle cose ignobili dette in una trasmissione pubblica ,senza nessun contradditorio ,dal SINDACATO GESTORI !!!!!!il quale deve pretendere una comparizione in trasmissione per spiegare il vero sistema gestionale carburanti .Vergognoso sentire dire da un ministro certe cose e non fare nulla da chi è preposto per farlo !!! Cosa ci devono dire o fare per muovere una categoria che più denigrata di cosi si muore ? Cosa cavolo aspettiamo ? Dopo questo senza che si muova chi lo deve fare è giusto pagare una tessera ,supportare un sindacato se non serve a nulla ? Grazie per la risposta .
PS ieri controllo GdF prezzo medio .3 persone ,3 ore ,una 50ina di fotocopie ,un verbale di 3 pagine ,(denuncia per furto mezza pagina ) rapido calcolo costo circa 500 € Grazie Urso

Sal
Sal
Rispondi a  pippo
7 mesi fa

Stesso trattamento anche a me. Due finanzieri, tre ore di burocrazia, 50 pagine di libro stampate…

roberto timpani
roberto timpani
Rispondi a  pippo
7 mesi fa

Purtroppo non sempre è facile “entrare” come rappresentanti sindacali in certi dibattiti. Da un lato ci sono trasmissioni , forse la stessa La7 in questa occasione , che , come hanno detto alcuni di voi, voleva mettere in ridicolo il ministro Urso ( che in verità si mette in ridicolo da solo di volta in volta). Pur avendo contatti informali con molte redazioni televisive, non siamo stati informati . Da un altro lato, come è comprensibile, altri programmi filo governativi vogliono fare spazio solo ai ministri , senza ammettere interlocutori critici o di contrasto in genere. Al momento, riusciamo a trovare spazi in televisioni minori, come forse qualcuno ha visto di recente proprio su questo portale , in cronache locali di quotidiani etc.. Il massimo della visibilità l’abbiamo ottenuto in occasione dello sciopero di fine gennaio. Giornalisti a decine, titoli in prima pagina , interviste.. Solo l’arresto di Matia Messina Denaro ci fece andare nelle seconde pagine…Chi vuole capire, capisca…

stefano
stefano
Rispondi a  roberto timpani
7 mesi fa

Sig. Timpani la ringrazio per il solo fatto che segua questa chat. Mia riflessione in questo momento e’ importante lavorare a fari spenti per avere voce in capitolo sulla stesura del DL carburanti che il governo sta preparando .Grazie e un caloroso saluto al piu’ combattivo sindacalista sulla piazza.Stefano V.

pippo
pippo
Rispondi a  roberto timpani
7 mesi fa

Buongiorno Timpani
Ha colto nel segno ,per avere visibilità e attenzione ,bisogna ricorrere a mezzi forti e di impatto sociale ,come lo sciopero ,dove si toccano i “sentimenti ” del automobilista e del popolo in genere ,si crea disagio .Quindi cosa aspettiamo ? oltre al sistema attuale ci prendono anche in giro ,e di conseguenza prendono in giro anche il sindacato .Aspettiamo ancora ? cosa ci devono fare e dire ancora ? Almeno diteci la strategia ,i tempi ,le cose che intendete fare .Vi siete completamente adagiati e non sapete cosa fare ?

Gianni
Gianni
Rispondi a  pippo
7 mesi fa

Non ho capito il motivo della sanzione.
Anche a me i 3 finanzieri volevano che gli stampassi tutte le comunicazioni al mise del mese di agosto (pensavano di incularmi con qualche dimenticanza sotto le ferie)…gliele ho mostrate a video (cosa che tra l’altro potrebbero farsi comodamente in ufficio da soli) e se le sono scritte da soli.
Nel mio caso poi un finanziere dei 3, a precisa domanda, mi disse che anche di domenica e durante le ferie dovevo aggiornare il cartello oppure chiudere l’impianto o mandare qualcuno (si…mando te finanziere, volevo gridargli, visto che tecnicamente sei un mio dipendente…pagliaccio). Poi visto che mi ero un pelino surriscaldato hanno corretto il tiro dicendo “guardi che mica veniamo di domenica ci mancherebbe, a meno che un automobilista non sporga denuncia”.
Tornando alle uscite del signo Adolf Urss…la cosa grave è che mai ha avuto un contradditorio alle sue puttanate, soprattutto dai giornalisti che avrebbero vita facile a smascherare le sue figure barbine.
Il ministro mente, sapendo di mentire…quindoi è una persona spregevole e disonesta.

pippo
pippo
Rispondi a  Gianni
7 mesi fa

SCUSA MI SONO SPIEGATO MALE LE 500 € SONO LA SPESA DI 3 PERSONE PER IL CONTROLLO ,MENTRE LA MEZZA PAGINA è L ESEMIO DI UNA DENUNCI A AI C.C
TORNANDO A URSO ,LA SETTE ESSENDO DI SINISTRA HA FATTO GOL .DOVREBBE ESSERE VIETATO DARE LA PAROLA A CERTE PERSONE SENZA UN CONTRADDITTORI E URSO NON SA DI MENTIRE è TROPPO CONVINTO DI QUELLO CHE DICE è IGNORANTE LUI E IL SUO SEGUITO L UNICO CHE SA CHE QUELLO CHE DICE IL MINISTRO è UNA CAGATA è IL CONDUTTORE ,MA ????

A.F.
A.F.
Rispondi a  Gianni
7 mesi fa

Anch’io ho avuto la visita della GdF per l’esposizione dei prezzi: loro avevano già i prezzi mandati al MiSe nei 15 giorni precedenti. Non hanno chiesto nessuna fotocopia (nemmeno quella della Carta di identità)… avevano già tutti i loro moduli pronti solo da compilare. Dimenticavo: non erano due generali della GdF, ma solo due “normalissimi” agenti, ben preparati. Nessun verbale, nessuna sanzione, tutto regolare… erano quasi in imbarazzo per dover constatare delle “ovvietà”… ma evidentemente non tutta l’Italia è uguale! Quanto al nostro Ministro, nulla da dire, il problema più grande che tutto il governo gli crede!

Gestore stufo
Gestore stufo
7 mesi fa

Non ho ancora ben chiaro se questo clown è più scemo, più incompetente o più in malafede.
Ma come fa un ministro a fare simili affermazioni?

trackback
7 mesi fa

[…] [ 11 Ottobre 2023 ] Il “Fantastico” mondo del margine dei benzinai: una riduzione da… […]