Question time. Meloni replica a Renzi. La benzina costa troppo? Dipende dai Paesi che detengono il petrolio

Botta e Risposta Acceso tra Meloni e Renzi durante il Question Time al Senato. La classica situazione dove il bue da del cornuto all’asino.

Durante l’ultimo question time al Senato, Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia e presidente del cosniglio, e Matteo Renzi, capo di Italia Viva, sono stati protagonisti di un acceso scambio di opinioni, evidenziando le divergenze politiche tra le due formazioni.

Renzi ha mosso diverse critiche nei confronti di Giorgia Meloni, accusandola di mancanza di coerenza nella sua posizione sulla scena europea. “Aveva detto che la sorda Germania avrebbe dovuto capire che noi saremmo usciti dall’Euro, ieri l’ho vista in tutt’altre vesti con il cancelliere Scholz. Aveva detto in un meraviglioso spot che le accise sulla benzina erano uno scandalo e lei le ha aumentate. Il punto politico è che la sua coerenza si è fermata al momento in cui è stata all’opposizione”, ha affermato l’ex premier.

Meloni ha risposto con fermezza, dichiarando: “Io non ricordo di aver detto di voler uscire dall’euro. Poi non abbiamo la bacchetta magica per fare i miracoli, perché, per esempio, il costo della benzina, come sa, dipende soprattutto dalle scelte che fanno i Paesi che detengono il petrolio: se ci volesse dare una mano con il suo amico Mohammad bin Salman, forse ci aiuterebbe ad abbassare il prezzo della benzina. Dato che ha buoni rapporti, faccia da ponte per aiutare gli italiani.”

Il confronto ha messo in luce le divergenze fondamentali tra le due fazioni politiche, con Renzi che punta il dito sulla presunta mancanza di coerenza di Meloni, mentre quest’ultima difende la sua posizione sottolineando la complessità delle questioni e attribuendo la responsabilità di alcune problematiche a fattori esterni. Una discussione che non ha portato nulla al paese, che sulla benzina nasconde la questione dell’eccessivo carico fiscale, discussione che continua a riflettere le tensioni e le differenze che caratterizzano il panorama politico italiano con posizioni di facciata in base a chi in quel momento è al governo o all’opposizione.

La classica situazione dove il bue da del cornuto all’asino. Sta di fatto che forse una cosa è emersa con tutta evidenza. Il presidente del consiglio ha scoperto che ad influenzare il mercato dei carburanti è soprattutto dalle scelte che fanno i Paesi che detengono il petrolio. Una presa di coscienza importante rispetto alle accuse speculative (e infamanti) fatte verso la categoria dei Gestori.

Sottoscrivi
Notificami
guest
3 Commenti
più vecchi
più nuovi più votati
Feedback in linea
Vedi tutti i commenti
Sal
Sal
3 mesi fa

Al solito. Quando si è all’opposizione si sparano promesse, poi smentite quando si è al governo. Chi è al governo si difende scaricando barili. Cambierà mai qualcosa ? Mai.

SALVATORE
SALVATORE
3 mesi fa

Ancora una volta la classe politica di questo paese ha dato sfoggio , di una profonda incapacità nella gestione della cosa pubblica, questo teatrino che si assiste oramai da anni che chiunque arrivi alla poltrona scarica le colpe a chi l’ha preceduto è veramente insopportabile e vomitevole è ora di finirla, mi ricorda quando ero ragazzino il teatrino delle marionette che finiva sempre a randellate per sopraffare l ‘ altro, e mi chiedo se sia possibile che non c’è nessuno che abbia qualcosa di sensato da dire e un qualcosa da fare per poter raddrizzare le sorti di questo paese, invece di screditare coloro che questo paese cercano di mandarlo avanti con sacrificio tutti i santi giorni , senza essere insultati dal politico di turno….e poi si meravigliano che la maggioranza dei cittadini non va a votare, se questi sono i risultati e meglio andare al cinema!!!!!

Gestore stufo
Gestore stufo
2 mesi fa

Ah bella, non lo sapevi che era così quando promettevi mirabilanti riduzioni del prezzo per i gonzi che ti hanno creduto?
Guarda che non ci siamo dimenticati dei video tuoi e del felpato dove facevate magicamente sparire le accise dal prezzo.