GestoriCarburanti

Giovedì, Maggio 23rd

Last update:08:32:00 AM GMT

Agenzia delle entrate, scattata la campagna d'estate

E-mail Stampa

La campagna d'estate contro gli evasori fiscali è già scattata e non si fermerà neanche nel fatidico giorno di Fenagosto. Obiettivo: portare nelle casse dell'esecutivo più dei 12 miliardi raccolti lo scorso anno e combattere il sommerso. Gli interventi nel caldo torrido agostano non trascureranno nessuno degli obiettivi sensibili: a partire dalla verifica degli scontrini fiscali che si intensificherà nell'estate e che da febbraio a luglio ha già consentito di scoprire oltre 7.800 evasori, circa il 38 per cento dei controllati.

Nel mirino anche tutto quello che si muove intomo al mondo delle vacanze: dai porti turistici, all' evasione delle accise per i carburanti degli yacht, dagli affitti in nero per le case vacanza, alle irregolarità degli ambulanti nelle città d'arte. Intanto l'Agenzia delle entrate e la Gdf hanno compiuto un blitz nelle banche per verificare se hanno riversato all'anagrafe tributaria nomi e conti dei clienti.

L'esodo anntievasione ha anche interessato, con controlli a tappeto che continueranno per tutto il mese di agosto, gli impianti di distribuzione carburante.

I militari verificano la qualità del carburante, l'effettivo quantitativo di benzina erogata rispetto a quanto riportato sulla colonnina e la corrisponenza tra il prezzo indicato e quello applicato. Controllano i registri di carico e scarico e la regolaritò della licenza UTF.

Nel fine settimana appena trascorso, la Guardia di Finanza ha controllato 1.300 distributori, scoprendo 201 irregolarità. I controlli del fine settimana hanno consentito di denunciare 14 gestori e sequestrare 75 tra colonnine e pistole erogatrici e oltre lO mila litri di carburante. Altri 85 gestori sono invece stati multati per violazione della disciplina sui prezzi o per la rimozione dei sigilli che assicurano la corretta taratura degli impianti, mentre in altri 104 casi è stata avviata la procedura per la revisione degli erogatori.

Nei controlli sono finite anche le schede carburante. In questo caso i “furbetti del timbro” si sprecano, se si pensa che sono state rinvenute centinaia di schede in possesso di soggetti non aventi titolo, che le utilizzavano e le compilavano illecitamente. In un caso, in particolare è stato individuato un automobilista specializzato nella predisposizione delle schede, che le cedeva successivamente ad aziende compiacenti pronte ad inserirle in contabilità per incrementare fittiziamente i costi.

Commenti (9)
  • Tony Montana

    E chi se ne frega !!!

  • Ciano

    Ma chi se ne frega se a te non interessa. Capisco che le rare volte che ti passa qualcosa nel cervello tu lo debba condividere. Ma a volte evitalo di farlo in questo forum.
    A me interessa grazie, anche perchè ora so di che cosa si occupano i controlli.

  • Gino

    E' troppo l'ungo l'articolo ce chi fa fatica ad apprezzarne i contenuti :)

  • davide

    si litiga tutti i giorni con i clienti che arrivano con schede in bianco fanno 10 euro e pretendono che gli timbri la scheda senza scrivere niente, appena mi rifiuto o voglio compilare ciò che devo , mi dicono : no no com'è pignolo lei quì non ci vengo più...tutti i suoi colleghi lo fanno.....e questo è per le schede, per i punti, per i regali, per il self servito ecc.....questo per farvi capire che razza di categoria siamo e meritiamo quello che sta succedendo....

  • Max

    per quanto riguarda i controlli gdf io quest'anno ho gia' dato....ben 3 settimane in buona compagnia..qualche sanzione amministrativa..ma per il resto tutto bene..
    per le schede carburante ho predisposto un timbro con la data del giorno e cosi' gia' schivo quelli che passano a fare i timbri 'arretrati'..
    per quelli che passano a fare 10,00 e ESIGONO il timbro...provvedo a compilarla ...non metto timbri e possono denunciarmi quanto vogliono le schede in bianco e che non riportino l'intestazione..
    ora visto che si parla di evasione..apriamo un capitolo su quelli che vanno a gpl...con la scusa che l'auto e' a doppia alimentazione,questi gonfiano le schede a piu' non posso...
    io penso che le schede vadano eliminate e che chi vuole detrarre i costi deve presentare un'autocertificazione dei consumi effettuati allegata magari alle ricevute di carte di credito e al n.di km effettuati ...in questo modo chi GONFIA risponde in prima persona e noi Gestori veniamo sollevati anche da questa responsabilita'..

  • stefano

    Schede carburanti? compilazione sempre e comunque...e se manca l'intestazione o la metti oppure niente timbro...soprattuto hanno il vizio di non metter mai, guarda caso, la targa del mezzo...cmq in pochi ragioniamo così e quando arrivano schede su cui i colleghi non hanno messo nient altro che firma e timbro mi rendo sempre più conto di quanta strada deve ancor fare la nostra categoria prima di raggiunger il benchè minimo e misero senso di unità nelle lotte che ci dovrebbero veder tutti protagonisti....se non si comincia nemmeno da qui per la classica paura di perder vendite allora ogni lotta risutlta già persa in partenza....fate vobis

  • tamoil 3262

    per la GdF ho già dato per quest'anno e per i 2 precedenti, visto che mi hanno chiesto tutte le fatture acquisto/vendita e registri utf di 3 anni..
    possiamo parlare anche delle piccole imprese che hanno la cisterna nel cortile di casa e riforniscono anche le auto degli amici degli amici?
    o quelli che vanno in Austria a fare il pieno e poi ti chiedono i timbri " sai ho fatto col self mentre eri chiuso"

  • Giovanni

    la gdf risolverà tutti i problemi d'italia. con gli scontrini e i controlli presso i piccoli commercianti sanerà il debito pubblico..... Lo scandalo Alitalia , le privatizzazioni portate avanti da D'alema e compagnia bella, la corruzione dilagante nel sistema politico, i soldi all'estero dei grossi industriali italiani e di quest'altro ladrone di monti no... quelli no. la gdf deve verificare gli scontrini e le ricevute rilasciati da bar e barbieri. POVERA ITALIA SEI SPACCIATA

  • stefano

    Italia spacciata è dire poco...diciamo pure spaccata, si spaccata in 2...da una parte loro, i superevasori da mille e una notte che pagheranno fior di soldini per non esser turbati mentre dall'altra i poveri soliti idioti che si beccano migliaia di euro di multa a causa delle solite assurde scuse e non....quando smetteremo noi di aver soldi, case, beni ecc..( per chi ancora ne ha ) allora comincerà la vera crisi perchè i suddeti signori non avranno più nulla da mungerci....in quel momento forse, e ripeto forse, saremo uniti nella lota portando tuti insieme avanti un discorso che per ora non ha nemmeno messo le radici...saremo armati solo della nostra dignità, per chi ancora la possiede, e delle nostre braccia che si dovranno fare largo in quella giungla di politicanti del c***o..io mi sto portando avanti e mi sto allenando per questo e voi?.....

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie