Aosta: addio alla benzina agevolata

Stampa

AOSTA - E stata la corsa all'ultima goccia di benzina a metà prezzo andata in scena fino al 31 dicembre in Valle d'Aosta, dove dal primo gennaio, dopo 60 anni, per effetto di una legge regionale, saranno aboliti i "buoni" che consentono ai residenti di acquistare carburante scontato senza pagare l'accisa. La sindrome da accaparramento ha infatti contagiato tutti i valdostani che, a poche ore dalla fatidica scadenza, non avevano ancora esaurito lo stock annuale di carburante in esenzione fiscale (1.000 litri di benzina o poco meno di 500 litri di gasolio) a disposizione. Armati di tattiche e della Carte Vallee, una sorta carta di credito personale dove viene contabilizzato il credito residuo, hanno affollato le pompe di benzina per approfittare, fino all'ultimo minuto, dell'opportunità di cui hanno goduto alcune generazioni di residenti. La «rinuncia» alla benzina agevolata è stata decisa a settembre dalla Giunta regionale per risolvere un braccio di ferro con la Commissione europea che ne ha vietato l'utilizzo.

 

 


Articoli correlati:
Articoli più recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie