GestoriCarburanti

Domenica, Aug 18th

Last update:08:32:00 AM GMT

Pieno in Ticino, benzinai in ginocchio

E-mail Stampa

Un automobilista su due supera il confine per il rifornimento: la categoria è allo stremo. Fate il pieno in Svizzera per risparmiare?

Como, 3 gennaio 2012 . "Per noi è un momento di preoccupazione grandissima, stiamo perdendo oltre il 50 per cento degli incassi". Daniela Maroni, presidente dei benzinai comaschi, è in attesa di un incontro in Regione per ridefinire i termini della carta sconto, ma non nasconde il timore per una situazione fortemente penalizzante per le stazioni di servizio comasche, davanti all’ennesimo rincaro della benzina, verde, che ha superato quota 1,74 euro al litro. 

"Ora vedremo come si muove il mercato dopo il periodo delle vacanze – prosegue - in cui molti sono stati lontano da casa, ma siamo molto allarmati. La nostra situazione è molto diversa dal resto d’Italia: per tutti il rincaro della benzina è un aggravio ulteriore dei costi a cui non si può rinunciare.

Si fanno scelte diverse, magari utilizzando mezzi di trasporto alternativi o andando più a piedi, ma il pieno di fa comunque. Qui è diverso: a poche centinaia di metri lo stesso prodotto viene venduto a un prezzo notevolmente più basso, e nessuno si fa scrupoli di andare in Svizzera". Il vantaggio, da un mese a questa parte, è anche per chi possiede la carta sconto, ma anche per chi ha auto diesel, il cui prezzo è diventato conveniente come mai era accaduto.

"È vero che ogni cittadino italiano dovrebbe fare un gesto di coscienza – conclude Daniela Maroni – perché l’aumento delle accise è rivolto a salvaguardare una situazione comune, ma si deve anche capire la difficoltà di chi non può fare a meno di utilizzare l’auto, e allo stesso tempo ha difficoltà ad arrivare a fine mese. I bilanci di ogni famiglia, in questo momento, sono in sofferenza: dal punto di vista del consumatore, sono scelte più che comprensibili". Il confronto tra Comasco e Canton Ticino, nel corso degli anni, ha vissuto più volte momenti altalenanti, durante i quali i vantaggi sono man mano aumentati o diminuiti, salvaguardando tuttavia un livello minimo che garantiva il settore in Italia. Ora però questo equilibrio è completamente saltato, lasciando spazio ai timori e a una diminuzione netta degli incassi per i benzinai comaschi.

Fonte: il Giono di Como


Commenti (5)
  • marco

    ma quale carta sconto togliete le tasse barboni sono quelle che ci rovinano , ladri...

  • totalerg

    dispiace per i colleghi, ma in veneto sono anni che siamo in questa situazione.stamattina diesel a 1,499.......e non siamo alconfine con altri stati ma in terra italica

  • mp

    1,499.... magari!! oggi gasolio a 1,771, e sono tra quelli più convenienti. pensa che agip nella mia zona ha la ssp a 1.802 e il gasolio a 1.789.

  • totalerg

    conad a ferrara, stamattina diesel 1,499

  • stefano esso

    Se togliessero anche solo le accise più vecchie sarebbero gli svizzeri a venire a far benzina e gasolio da noi...ma si sa, qui c'è un governo più goloso...tra l'altro ringrazio pubblicamente i sindacati per aver sottoscritto un sig. contratto con la mia società....lo scorso anno ero riuscito a vender più carburante di quello precedente e dal 1° gennaio del 2012 son stato "premiato" con una diminuzione, iva compresa, di 10 lire al litro...con questo altro giro di vite e con l'aiuo del governo monti non so quanto ancora durerò....grazie

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie