GestoriCarburanti

Venerdì, Sep 20th

Last update:08:32:00 AM GMT

'Funerale' dei benzinai Eni a Venezia e Treviso: uccisi dal prezzo dei carburanti

E-mail Stampa

corteo_bara_eniUn singolare corteo funebre è partito oggi dal distributore Eni di Scorzé, nel Veneziano: è quello dei benzinai Eni delle province di Venezia e Treviso. In 50 si sono riuniti per protestare contro la compagnia petrolifera.

Un corteo con tanto di "morto" e di "prete", una bara fatta costruire apposta per l'iniziativa.

I benzinai erano vestiti da carcerati e circondati da manichini in mutande, a indicare la natura del loro vincolo contrattuale con la compagnia. I benzinai hanno deciso di dare alla loro protesta un'immagine spettacolare, recitando il loro atto di dolore nei confronti dei vertici Eni. 

La protesta a Roma il 16 aprile. Parte così dal Veneto la più clamorosa delle iniziative messe in campo dai gestori degli impianti di carburante del sindacato Gisc di delle due province, convinti di raccogliere consensi e adesioni anche tra i colleghi delle altre province del Nordest e di altre regioni italiane per convergere nella manifestazione organizzata per il 16 aprile a Roma, dove i gestori del Veneto arriveranno con almeno due pullman, toccando con un corteo funebre e in abito da galeotti, le due sedi Eni e Agip di piazza Mattei e di via Laurentina.

Un corteo itinerante. Fino a quella data, il corteo funebre sarà itinerante, facendo la spola tra i distributori di carburante delle due province finora coinvolte.

"Il colpo di grazia per noi? l'iniziativa 'iperself H24'". Quelli esposti oggi a Scorzé sono i simboli del disagio dei benzinai a marchio Eni, "già strangolati dall'inarrestabile aumento del prezzo dei carburanti, e sui quali ora piomba il colpo di grazia: l'iniziativa 'iperself H24' messa in atto dalla Compagnia, in cui il tanto pubblicizzato risparmio sul rifornimento alla pompa viene fatto pagare, ancora una volta, ai benzinai", sottolineano in una nota. "La nuova iniziativa iperself H24 comporterà enormi disagi nella gestione dell'impianto e nei rapporti con la clientela", dice Stefano Finotto, presidente dei gestori Gisc della provincia di Venezia. "Tanto per cominciare - spiega Moreno Parin, presidente Gisc Treviso e coordinatore regionale del sindacato - sulle vendite effettuate in iperself H 24 Eni risparmierà almeno 2 centesimi al litro per il fatto che in tale modalità di vendita non vi sarà il caricamento dei punti della campagna you&eni".

I benzinai, partendo da una premessa inderogabile, cioè che i loro 3,8 centesimi al litro di margine lordo sono intoccabili, chiedono tra l'altro che i costi connessi all'iniziativa iperself H24 con uno sconto superiore ai 5 centesimi/litro siano tutti a carico di Eni e che l'entità dello sconto sia calcolata in modo oggettivo in rapporto alla concorrenza locale. Ma il nodo centrale è la questione contrattuale, che per i gestori a marchio Eni-Agip, dev'essere affrontata al più presto, con modifiche sostanziali. Ne va della loro sopravvivenza.

EniScorze1

EniScorze2 Eni_Scorze3

Eni_Scorze4  Eni_Scorze6

Commenti (18)
  • aldo c.b.

    Ad ogni funerale partecipano quanti più sono stati vicini al defunto. Per solidarietà sarebbe necessario partecipare alle "esequie" del Gestore ignoto in molti, moltissimi , e non necessariamente gli iscritti al GISC.
    In fondo il Gestore ignoto siamo un pò tutti , anche i non ENI.
    Io dalla Toscana parteciperò alle "esequie". Lancio quindi un accorato invito a partecipare quanti più possibile in rispatto al nostro collega "Gestore ignoto" che tanto ha dato alla categoria . Anche in segno di rispetto verso tutti i colleghi portati sull'orlo del baratro da politiche scellerate. Un invito pressante quindi anche a FAIB/FEGICA a cui sono iscritto,e FIGISC/ANISA , ad unirsi semplicemente al dolore organizzando una massiccia partecipazione. E' un'occasione irripetibile per vedere la maturità della categoria , per dimostrare la solidarietà verso i colleghi , per valutare l'effettiva voglia di lotta. L'invito è partito .

  • Luca  - BRAVI

    Qui in Sardegna non si possono fare delle proteste cosi belle! i Gestori ENI prima si devono riavolgere la lingua e poi si cagano addosso!

  • Antonio Nuvoli

    Io mi firmo con nome e cognome, fai così anche tu, visto che sei l'unico stitico della Sardegna.
    Per tua informazione in provincia di Sassari e Nuoro i Gestori che hanno firmato H24 si contano in una mano, anzi sono andatiben oltre la grande maggioranza non ha aderito neanche alla proroga dell'iperself.

  • Luca  - SCUSAMI

    Non prendertela mi riferivo alla provincia di cagliari!non conosco la situazione a Sassari!
    qui da me ha aderito il 55%!
    CIAO ANTONIO!

  • Anonimo  - ANTI-ENI

    Mahhh sinceramente non capisco perche' i Gestori eni firmatari di tutte le iniziative della propria compagnia petrolifera (vedi sconti -6 -8 -10 iperself ecc....) adesso si lamentano tanto, l'ho sempre detto e lo ribadisco sono stati loro i primi a rovinare questo mercato hanno sempre firmato cio' che eni gli proponeva perche' volevano fregare clienti ai propri colleghi per fare milioni e milioni di litri e senza mai pensare al guadagno vero e adesso che eni con H24 li vuole premiare facendogli fare ancora molti piu' litri non vogliono accettare, ma mi chiedo se sempre avete firmato tutto senza mai pensare al vero guadagno perche' lo fate adesso? sara' che vi siete resi conto che quello che avete fatto voi prima ai vostri colleghi vi si sta' ritorcendo contro grazie alle pompe bianche?
    CHI LA FA' CHE LA SPETTI..........

  • Anonimo

    non credo che la colpa è solo dei Gestori eni . A modo loro tutte le compagnie hanno messo in campo iniziative per fregarsi i clienti . Ma fino ad ora non era mai successo che una iniziativa commerciale dimezzasse i compensi pro litro e mettesse in pericolo la stessa soprazzivenza del Gestore , limitandolo a semplice guardiano del piazzale. E per estensione questa iniziativa contagerà anche le altre compagnie. A riprova vedete il video dell'intervista a Paolo Grossi apparsa ieri su questo sito. Poteva partire Esso o Shell o altri in qualcosa di simile e non per questo erano colpevoli i Gestori di tali bandiere . Chi ha firmato non si sarà reso conto del guaio in cui si è cacciato , ma lo sappiamo tutti con quale arte ricattatoria agiscono le varie compagnie.

  • Alex  - INCAPACE eni OH, IGNORANTE IL Gestore?

    Nella nostra zona dove le pompe bianche erano ancora distanti, la nostra compagnia hà sferrato un duro colpo alla concorrenza, partendo per primo con il -8 Pricing durante il giorno e -10 Iperself durante l'orario di chiusura. La compagnia, non ci ha rimesso un Euro, perchè aumentando il prezzo,
    e praticando uno sconto maggiore, l'unica diferenza è stata che ci siamo discostati dagli altri con il prezzo servito, lasciando invariata la differenza del prezzo FdT.
    La crisi inizia a manifestarsi, il cliene si sposta al FdT il Gestore diminuisce i margini,
    il prezzo aumenta, ed il Gestore aumenta l'ivestimento,
    le famiglie vanno in crisi e le vendite si spostano duante le ore di chiusura,
    le spese del Gestore non diminuiscono,
    arrivano le pompe bianche, ed il Gestore eni è costretto a subire delle perdite di volumi. Nel frattempo, mentre accade tutto questo, i Gestori eni iniziano a mandare a casa i dipendenti, ...ma non basta !!!!
    I margini che gli sono rimasti, bastano appena a pagare le commissioni bancarie delle carte di credito, ma non la linea telefonica o l'affitto delle apparecchiature che loro utilizzano.
    Soffocati dal aumento sfrenato dei prezzi,... ecco che interviene la banca, al primo carico non coperto, lo rispedisce al mittente insoluto, la compagnia revoca il rid, ed obblica il pagamento con circolare, ed il Gestore stremato inizia a mettere il cartello rotto appeso al self.
    Il getore che non ha più dove attingere, ordina giorno per gioorno con la speranza che il carburante gli viene consegnato presto, e con il pensiero che gli si può finire prima della chiusura,... che, vita ?!?! Dopo tanti sacrifici ??
    Nel frattempo che l'eni calcolava i grandi aumenti di volume di vendita diagnosticati sulla carta hai Gestori,... il Gestore è morto.
    Il cliente è dovuto andar via perchè il suo impianto di fiducia, è spesso senza carburante, il self che doveva rompere il c**o hai passeri, è spento, perchè l'unica rottura che ha creato è stato quello fra il Gestore e la moglie. Ora facciamo i conti!!!
    IL Gestore eni :
    1 - Il Gestore è senza soldi,
    2 -Ha uno scoperto in banca, che con il suo margine non riesce a coprire gli interessi.
    3 - La moglie ha perso la stima e la fiducia di lui.
    4 - Non ha il contante per aquistare la merce giornaliera.
    5 - Ha un carico scoperto con l'eni.
    LA COMPAGNIA eni:
    1 - Ha ucciso il Gestore,
    il suo compagno fedele che per decenni gli ha permesso diraggiungere tutti gli obbiettivi.
    2 - Non ha guadagnato nulla, apparte l'odio del Gestore e di tutti i suoi cari.
    3 - Come volumi di vendita ha perso tanto, perchè quello che non sono riusciti a conqustare gli alti, gliè l'ha regalato il Gestore su di un piatto d'argento, dal momento che il self per il troppo sconto non funziona, e durante il giorno capita sempre di stare mezza giornata senza carburante.
    4 - Sperpera un casino di soldi in un momento di crisi per una pubblicità che il cliente non apprezza.
    5 - Fa la pubblicità AD UN IMPIANTO GOST, non perchè ha tolto il Gestore,... lui c'è ! GOST perchè non ha carburante !!
    CHI HA GUADAGNATO :
    1 - Le pompe bianche, che non si sono dovute nemmeno sforzare per coquistare i clienti.
    FORSE UNA RAGGIONE C'E'.
    1 - Può darsi che dietro le pompe bianche ci sono ex dirigenti eni che si arricchiscono sulla sorte dei Gestori.
    2 - Può darsi che sia un modo per sbatterli fuori in massa e non riconoscergli nulla, visto che nel ultimo accordo firmato con figisc c'era qualcosa per il Gestore.
    3 - Può darsi che dopo tanti anni il Gestore sia diventato proprietario del impianto , per uso capione, e quindi la compagnia vuole riappropriarsene.
    4 -

  • Anonimo

    OTTIMA FOTOGRAFIA DELLA SITUAZIONE!!!!!!!!!!!!!

  • mp

    non si può, altrimenti metterei 100 pollice su. E' esattamente quello che sta avvenendo sopra ogni impianto!!

  • kazunori

    Sono Gestore Totalerg e concordo in pieno con la fotografia che ha fatto Alex :sigh ma anche l'anonimo anti Eni ha ragione,sono loro che per primi hanno firmato iperself.Eadesso piangono......... :eek :eek :upset

  • Aldo

    Con totalerg come ti trovi? Grazie

  • Anonimo

    Spiace deluderti ma è giusto informare i lettori che ci sono anche Gestori Eni solitari come me, che non hanno Iperself e non fanno sconti.
    Sarà forse per questo che oggi scarico 63000 euro di broda e pago con il Rid senza problemi? :grin

  • Moreno Parin  - vediamo se ci indovino

    evidentemente tu stai giustamente a sentire tutto quanto ti dice Eni è poi altrettanto giustamente metti in funzione il cervello e decidi di fare quello che a te sembra più giusto, più giusto per te ovviamente. Ci ho indovinato?

  • x Moreno

    Certo che ci hai indovinato! ;) Eppure sembrerebbe così semplice, Invece ai miei colleghi piace andare in viaggio premio e riempirsi la bocca con gli erogati. Contenti loro...

  • Anonimo  - re: ANTI-ENI
    Anonimo ha scritto:
    Mahhh sinceramente non capisco perche' i Gestori eni firmatari di tutte le iniziative della propria compagnia petrolifera (vedi sconti -6 -8 -10 iperself ecc....) adesso si lamentano tanto, l'ho sempre detto e lo ribadisco sono stati loro i primi a rovinare questo mercato hanno sempre firmato cio' che eni gli proponeva perche' volevano fregare clienti ai propri colleghi per fare milioni e milioni di litri e senza mai pensare al guadagno vero e adesso che eni con H24 li vuole premiare facendogli fare ancora molti piu' litri non vogliono accettare, ma mi chiedo se sempre avete firmato tutto senza mai pensare al vero guadagno perche' lo fate adesso? sara' che vi siete resi conto che quello che avete fatto voi prima ai vostri colleghi vi si sta' ritorcendo contro grazie alle pompe bianche?
    CHI LA FA' CHE LA SPETTI..........

    Io aggiungerei che sopratutto il Presidente Gisc faceva forza che i Gestori Agip a suo tempo, ora Eni essendo in maggior numero dovevano essere i soli autorizzati a scioperare trattando gli stessi come pecore che solo per numero davano immagine ma de che ?

  • DTrevisan  - ma

    ma la protesta di Borsoi di ieri era collegata???

    http://www.oggitreviso.it/crocifisso-contro- carobenzina-46221

  • LG  - Mmmmmm

    Sta cercando di farsi dare la seconda buna uscita. Poi cercherà la terza?

    Potrebbe essere la nascita di un mestiere alternativo!

  • Anonimo

    "Io aggiungerei che sopratutto il Presidente Gisc faceva forza che i Gestori Agip a suo tempo, ora Eni essendo in maggior numero dovevano essere i soli autorizzati a scioperare trattando gli stessi come pecore che solo per numero davano immagine ma de che ?"

    scusa ma io non ho capito cosa vuoi dire? ti spieghi meglio?
    grazie!

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie