GestoriCarburanti

Sabato, Sep 21st

Last update:08:32:00 AM GMT

Benzina, dallo Stato solo le briciole

E-mail Stampa

UDINE. Poco più di una mancia. Una quisquilia. Briciole. È vero, l’accontentarsi dello spirito friulano porterebbe a dire che “qualcosa è pur sempre qualcosa”, eppure al governo regionale non tornano i conti sulla soluzione trovata al Senato per la questione benzina. Perché corretto l’emendamento bipartisan presentato dai senatori del Fvg Vanni Lenna e Ferruccio Saro (Pdl) e Carlo Pegorer, Flavio Pertoldi e Tamara Blazina (Pd), ciò che rimane è un fondo da 20 milioni da dividere tra Fvg, Lombardia e Piemonte, così da schivare, a esempio, procedure di infrazione da parte dell’Unione europea. La Regione, invece, sperava di poter contare su 15 milioni tutti per sè e per sei mesi.

E invece deve dividerne 20. Ma i criteri di riparto della somma non sono stati definiti e non si conosceranno fino a dopo l’approvazione della misura da parte del Senato prima e della Camera poi. Ci vorrà più di un mese, insomma, per capire quanti soldi il ministero dell’Economia e delle Finanze vorrà stanziare al Fvg. E previsto poi che il Fondo venga alimentato con il recupero del gettito ricavato dalla vendita dei carburanti. Se si venderanno. Perché nel frattempo la Regione ha fatto sapere di non poter garantire nuovi super-sconti per evitare la fuga verso i distributori della Slovenia, come fatto a febbraio e marzo. Due mesi in cui la Regione ha speso 1,4
milioni solo per garantire 6 centesimi di sconto in più, solo sulla benzina e solo per i Comuni di fascia uno. Roma, poi, incassa 1 euro ogni litro di benzina venduto in Fvg e solo a febbraio ha guadagno 1 milione grazie ai maxi-sconti regionali. La manovra complessiva sulla riduzione dei prezzi dei carburanti, inoltre, costa al Friuli Vg 50 milioni.

 Saro e Pegorer garantiscono d’essere soddisfatti della soluzione individuata e ringraziano il governo per la sensibilità. Saro suggerisce anche alla Regione di anticipare i fondi che arriveranno dello Stato per rimettere subito in moto i maxi-sconti. Un auspicio che è anche del sindaco di Gorizia, Ettore Romoli. E secondo i suoi calcoli il Fvg avrà a disposizione dal nuovo Fondo 8/10 milioni. «Spero che la Regione attui quanto prima le misure concrete per rendere operativo il nuovo Fondo. La nostra città – aggiunge Romoli – è stata la più colpita dall’esodo verso la Slovenia per i rifornimenti di carburante e al Fvg arriveranno circa 8/10 milioni che permetteranno di mantenere i contributi sui carburanti».

Eppure Daniele Galasso, capogruppo del Pdl in Consiglio, sbotta. «La misura è incomprensibile. Lo Stato preferisce istituire un Fondo, finanziato in modo nettamente insufficiente, e gestire centralmente – afferma Galasso – un tema che va invece affidato alle peculiarità di ogni singola regione di confine. Il contributo dev’essere riferito alla compartecipazione sull’accisa, magari a termine, ma seguire la dinamica dei consumi altrimenti è assolutamente inefficace. Così non ha nessun senso. Anche perché – conclude Galasso – non si capisce come si dovranno individuare le aree di confine».

Chiede invece che la cifra raddoppi il capogruppo del Misto, Roberto Asquini. «A parte i dubbi di carattere europeo con 20 milioni si sposta il problema di alcune settimane, perché si rivolge a tutte le regioni del nord Italia, senza considerare la quota che potrebbe arrivare alla nostra regione. A questo punto auspichiamo che i nostri parlamentari ottengano un aumento di almeno il doppio del fondo, in fase di approvazione del testo da parte dell’Aula, perché – conclude Asquini – per risolvere la questione serve altro impegno».

Non è solo il governo del Friuli Vg a essere scontento. Anche Roberto Formigoni, governatore della Lombardia, è deluso. «Il governo Monti ha perso un’occasione importante per risolvere in modo definitivo il problema dello sconto benzina nelle aree di confine. Esprimo tutto il mio rammarico».

Fonte: MessaggeroVeneto.it


Commenti (3)
  • Antani

    1,470 la benzina e 1,360 il gasolio. Altrochè pompe bianche.

  • pino  - CI STUZZICANO

    Io penso che stanno provando il test della nostra pazienza ed ignoranza fino a dove arriviamo. Non ho capito invece dove vogliono arrivare. Non possiamo far distruggere un'impero come l'Agip da gente esperta che sta manipolando i nostri soldi per poi investire con il nostro sudore. Il prezzo continua ad aumentare e noi stiamo a guardare.
    I nostri sindacati devono chiedere di sostituire qualche accisa inutile
    che serve a tutti Noi Gestori prima che l'accisa la mettiamo noi.

    Buona Pasqua

  • paolo  - HO CHIUSO

    un saluto a tutti i Gestori del Friuli,con oggi 12 Aprile ho chiuso la mia attività di Gestore .
    Oltre alla mia incapacità (che non devo chiaramente escludere)di portare avanti un'attivita commerciale ,come nei titoli di coda di ogni storia ,i miei ringraziamenti vanno alla Regione ,poco lungimirante nel passato e incapace o forse disinteressata o di riflessi molto lenti,a capire a cosa si andava incontro e non porvi rimedio in modo concreto ,parlo di razionalizzazione degli impianti (ne stanno aprendo sempre di nuovi)di interventi tampone che non risolvono nulla(quasi una presa in giro a chi sta sul piazzale tutto il giorno per vendere qualche litro di carburante).
    un ringraziamento alle banche che ci danno una mano a chiudere e prendere coscienza che ti aiutano solo se hai un cospiquo conto corrente.
    da domani sono disoccupato.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie