GestoriCarburanti

Sabato, Sep 21st

Last update:08:32:00 AM GMT

Benzinai 'fantasma' a rischio 600 posti

E-mail Stampa

Con la liberalizzazione, impianti senza più addetti. Gli operatori protestano: non offrono sicurezza

Almeno seicento benzinai di Taranto e provincia rischiano di restare senza lavoro. Sta infatti per abbattersi anche sul settore della distribuzione di carburanti la scure della liberalizzazione.

Le parole contenute nell'articolo 18 del decreto 'Salva Italia', attraverso le quali il precedente governo Monti ha legalizzato la presenza dei cosiddetti impianti 'ghost' ovvero dei distributori non serviti, su tutto il territorio nazionale, hanno infatti messo in ginocchio l'intero settore anche in provincia.

Per gli operatori, gli impianti non serviti non sono affatto sicuri, non producono un effettivo e vantaggioso risparmio per il consumatore medio e, soprattutto, creano concorrenza sleale e disparità all'interno della categoria, che sarà presto ridimensionata. A lanciare l'allarme è la Figisc-Confcommercio, la federazione provinciale dei gestori degli impianti stradali di carburanti presieduta da Paolo Castellana.

Da tempo la Figisc sie attivata per chiedere il rispetto della legge che autorizza chiaramente l'esistenza degli impianti completamente automatizzati solo e soltanto al di fuori dei centri abitati. Ieri mattina, in una conferenza stampa nella sede di Confcommercio, insieme a Giuseppe Sermo, titolare dell'impianto Agip sulla strada per Lama, e alla presenza, tra gli altri, del presidente dell'associazione, Leonardo Giangrande, e del direttore, Angelo Colella, il presidente della Figisc ha annunciato le prossime mosse del sindacato. Oggi ci sarà un incontro nella sede dell'Ispettorato provinciale del lavoro. La Figisc chiederà infatti maggiori e più accurati controlli sulle unità in servizio negli impianti "ghost" per capire se e come sono inquadrati dal punto di vista contrattuale. Mentre a giorni l'assessore allo Sviluppo economico della Regione Puglia, Loredana Capone, fisserà la data dell'incontro chiesto da Confcommercio per approfondire i contenuti del regolamento regionale del 2006 al fine di chiarire meglio alcuni aspetti. "E' necessario arginare questo fenomeno - dichiara Castellana che sta seriamente penalizzando il nostro settore. Considerato infatti che il numero degli impianti presenti sul territorio si aggira attorno a duecento, e che per ogni punto vendita possono lavorare anche tré unità, si rischiano di perdere seicento posti di lavoro diretti. A questi, occorre inoltre aggiungere che diverse decine di lavoratori indiretti che ruotano attorno agli impianti, quali ad esempio dipendenti di bar, tabacchini ed altre attività collaterali".

Un prezzo troppo alto anche se rapportato alla convenienza: "Alla fine dei conti, il risparmio per i consumatori è assolutamente minimo. Si calcolano appena 2 euro mensili, tenendo conto di quelli che sono i consumi medi per famiglia". E potrebbe anche trattarsi di uno "specchietto per le allodole". "Riteniamo - dice Castellana - che nel tempo il costo del carburante anche in questi distributori tenderà ad aumentare per il semplice motivo che le compagnie petrolifere avrebbero direttamente il controllo dall'estrazione, alla raffinazione, fino alla determinazione del prezzo finale alla pompa, a tutto dan-no del consumatore. Di qui ad un oligopolio delle compagnie petrolifere il passo è breve e facile nel momento in cui tutti gli impianti dovessero diventare selfìzzati". n tutto, secondo i benzinai, con la "complicità" delle amministrazioni comunali, in testa Taranto. "Abbiamo avuto solo qualche incontro interlocutorio finora - afferma il presidente della Figisc con la promessa che a breve avrebbero provveduto ad emettere delle ordinanze. Ma la promessa è rimasta tale. Non sono finora stati presi provvedimenti e questo non fa altro che produrre una proliferazione degli impianti ghost".

Fonte: Gazzetta di Taranto

Commenti (22)
  • Anonimo

    gia oggi tutti gli impianti in self service notturno non sarebbero a norma non ci sono estintori liberi l'utente fuma mentre fa rifornimento da solo oppure usa il cellulare oppure si rifornisce con l'auto in moto ecc ecc ecc mai nessuna sanzione al cliente !!! parliamoci chiaro cari colleghi se vogliamo vincere sta guerra tutti uniti oppure facciamo silenzio!!! senza dichiarare sciopero NON DOBBIAMO ORDINARE PIU CARBURANTI PER 10 GIORNI TT A PIEDI FORZE DELL'ORDINE E DI PRIMO SOCCORSO COMPRESE!! IL MARGINE DEI Gestori DEVE ESSERE DI 10CENT LITRO L'IVA O LE ACCISE NON ENTRAMBE LE COSE !!

  • stefano

    Mi spiace anonimo ma il margine di 10 cent fa ridere.....dobbiamo puntare sulla percentuale che così adeguerà anche in futuro il nostro guadagno prolitro in funzione del prezzo...per il resto d'accordo con te, solo un appunto, SCIOPERO AD OLTRANZA, e che tutti si attacchino al piffero finchè non otteniamo qualcosa di scritto...il resto è storia vecchia che si ripete...

  • Anonimo

    perchè non mettiamo ghost via laurentina 449.......tanto per quello che servono.
    che gran p***i di m***a.

  • anonimo

    MA SE ANCORA Gestori ENI STANNO ASPETTANDO CHE ENI TOLGA IPERSELF, CONTINUANDO A LAVORARE A 1,5 CENT..
    PERCHE' NON HANNO CORAGGIO DI DARE DISDETTA.
    DOVE c***o ANDIAMO !!!!!

  • Ip

    l'unica cose che vedo scendere sono i Nostri posti di lavoro rimpiazzati da un self e il margine sempre più risicato del Gestore per poter "vivere"...mai che calino accise, quelle sempre pronte al rialzo.
    Il greggio mi sembra più basso della settimana scorsa, ma chissà come mai il prezzo è sempre lo stesso da 15 giorni a questa parte....appena si alza schizzano cent a manetta, ma quando si abbassa resta invariato..(scusate lo sfogo, leggere queste notizie mi fa sentir male per le persone che perdono il loro lavoro che magari da molti anni sono nel settore)

  • un Gestore

    grazie sindacato, :cry :cry :cry

  • anonimo  - bella categoria

    E giusto scomparire non siamo capaci a scioperare!!ci fottiamo uno con l'altro....cosa pretendere di piu!!!!ma cosa...!! questa è selezione naturale!!! Fossimo una categoria se dalla prossima settimana si scioperasse senza avviso per una settimana,finito lo sciopero non si ordina se la merce non viene comprata già con lo sconto da effettuare!!Come riderei...ma invece non stiamo scomparendo stiamo fallendo con i nostri soldi cosa ben diversa!!!Ma fà niente vero tu non fai parte di quelli vero?Non spreco piu parole tanto si sta tornando aprezzi pieni.....e ciò vuol dire che.....la frutta è servita!!!!!!!!!!

  • TUTTIINPIAZZAAAA  - MUOVERSI MUOVERSI MUOVERSI

    cARI COLLEGHI IO NON STO ORDINANDO DA VENTI GIORNI E INDOVINATE???? INVECE DI CACCIARMI MI HANNO PROPOSTO DI PASSARE GHOST :( :( :( :(

  • Anonimo

    dipende dalla compagnia...la mia mi ha cacciato!
    dopo 5 mesi ma mi ha cacciato!

  • diaboli eni

    da Gestore eni che opera senza nessuntipo di sconto dico semplicemente che a una buona parte dei Gestori manca coraggio, hanno paura di se stessi perchè non sono più umili e non hanno più voglia di sporcarsi le mani! nuove card, tablet per registrare le carte, ricariche di soldi sulle carte, ti danno la sensazione di essere un grande ma in realtà più si accettano le proposte più si diventa piccoli ! ci vuole coraggio a non firmare, ci vuole coraggio a dire no, ma chissà perch la maggior parte dice di si, eppure le due parole sono lunghe uguali !

  • DONATO I I X ANONIMO (bella ca

    Lo sciopero non serve, perche' la GDO le PB ed i propietari d'impinti..............non aspettano altro per portarci via erogato, non ordinare prodotto e' la stessa cosa dare fuoco a tutto e' la soluzione anche ai privati di qualsiasi forma e colore..............altrimenti come dice un mio collega (CREDO) lavora lavora..............fin quando puoi

  • sartori r eni  - perchè anonimato?

    i commenti in anonimato non servono a nulla abbiate il coraggio di firmarmi con nome cognome e bandiera cosi sapranno quello che pensiamo e quello che potremmo fare.

  • stefano

    La notte del diavolo si avvicina allora....ma sarebbe meglio fare un tentativo con le palle togliendo, per chi ancora li ha, i risparmi con cui si pagano i carburanti...lasciare il conto a bolletta sparata dimostrando di non poter ordinare carburante....se nulla cambia poi a mali estremi.....se sapessero di fronteggiare una categoria cazzuta, con le palle e con una buona dose di amor proprio allora non ce ne sarebbe bisogno, ma credo che a furia di sentire solo il nostro blablabla han capito che ci posson fottere in qualsiasi posizione....direi sia arrivato il momento di agire non credete?.....

  • anonimo  - dai retta me donato

    Infatti aspettiamo che donato facci sciopero.... :roll dacrci fuoco :p ha h ah già immagino che persona sei.... ;) ciao donato non prendere parecchio sole.....in testa..

  • DONATO I I

    sei anonimo :? :? :? :? :? dare fuoco e' metaforico .......sforzati un pochino!!!!!! .......da me non c'e' sole attentoa te

  • korgul

    Ma se per una volta tutti , ma veramente tutti, senza cercare meschinamente di fotterci a vicenda, alzassimo il prezzo di 20 cent fino a che nn esaudiscono le nostre richieste, cosa succederebbe?
    TUTTI i benzinai però...

  • ip

    l'unico problema è che se ci dovessimo mettere d'accordo tra di noi, da chi vanno?? dal bianco che non ha i nostri stessi problemi/interessi

  • SARDO SARDO  - A TUTTI I Gestori SARDI DI TUTTI I COLORI

    LASCIO LA MIA EMAIL: MASSIMO.MASSIMO658@TISCALI.IT
    VOGLIO ORGANIZZARE DEI BLOCCHI NEI DUE DEPOSITI DELLA SARDEGNA SARROCH E PORTO TORRES CHI SI VUOLE UNIRE A ME SCRIVA PURE
    CIAO

  • korgul

    Non tutti potranno andare alle pompe bianche,gdo etc. e si solleverebbe un bel vespaio xchè i consumatori incazzati farebbero pressione sui politici i quali forse si metterebbero a fare pressioni sulle petrolifere, forse..

  • KAZUNORI

    Cari colleghi ancora vi ostinate a credere di poter fare "TUTTI" insieme qualche cosa per invertire una tendenza ormai chiara e limpida :? :? e' proprio su questa parola "TUTTI" che i nostri avversari principali sanno di tenerci per le palle :upset :upset

  • Gestore ENI

    Ciao Paolo spacca tutto, Bravissimo, Fatti sentire, almeno a Taranto qualcosa si muove. Vedo con piacere che la tua nuova carica funziona.saluta Sermo ciao Paoletto tuo.

  • pippo

    Due tre anni fa questi problemi non cerano,le comp anno fatto in questi ultimi due anni passi da gigante ,con la COMPLICITÀ DEL SINDACATO E DEL GOVERNO facendo le prove con il ns c**o ( LEGGI ENI ) del self FUNZIONA !!!!!!! E tutto questo a favore della GDO COOP P BIANCHE ,Siamo stati tutti avvertiti di quello che poteva succedere ,ed é successo ,MA NON ABBIAMO FATTO NULLA !!!!! adesso non piangiamoci addosso o pretendiamo qualcosa che ormai non verrà più Il mio consiglio é 1 chiusura totale tutti impianti a tempo indeterminato alla facci antitrust .loro non ci daranno da mangiare ,2 disdetta in massa da subito da un sindacati inutile visto i risultati !!!! se non propone e fa quello che gli viene chiesto 3 disdetta di tutti i sistemi di pagamento elettronici ,non si devono abituare al goost ?Cari Gestori ormai la ns fine é segnata ,almeno chiudere in bellezza ,e vi giuro disposto anche a qualche manganellata ,SE non si reagisce saremo giudicati come una categoria di coglioni dove dal piu stupido dei clienti al piu cretino degli ass rete anno potuto fino in ultima pisciarci addosso

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie