GestoriCarburanti

Mercoledì, Oct 16th

Last update:08:32:00 AM GMT

io,diversamente gestore

E-mail Stampa

Pubblichiamo una lettera di un Gestore con contratto di associazione in partecipazione .Lo ringraziamo nella speranza che possa continuare a scriverci e a far leggere la sua ,seppur "sarcastica" ,situazione .

Buongiorno sono un diversamente gestore.

Gestisco di fatto un distributore di carburante, ma non mi posso chiamare gestore.

La compagnia petrolifera mi ha fatto firmare un contratto di associazione in partecipazione, e mi chiama associato.

 Sembra che il contratto di gestione sia stato firmato da una società di proprietà della stessa compagnia petrolifera. Ma questo contratto non l’ho mai visto.

Il contratto di associazione in partecipazione prevede che il margine (che la società di gestione di proprietà della compagnia petrolifera ha concordato con la compagnia petrolifera stessa) venga suddiviso in parti uguali, dopo aver sottratto tutti i costi di gestione escluso il personale.

 A mio carico rimangono i costi del personale.

Se raggiungo il budget che mi hanno fissato arrivo a guadagnare come uno dei miei operai, però se i litri scendono rischio anche di perderci.

 Come garanzia la petrolifera vuole una fideiussione.

Per il fisco sono un “altre forme contrattuali di gestione” e non ho diritto al bonus fiscale.

 Per le associazioni di categoria non esisto perché non sono gestore.

 Il mio contratto non dura sei anni ma tre più tre.

 Gli unici che mi considerano un vero gestore sono i clienti, da cui prendo gli insulti, i soldi fasulli e qualche volta una botta in testa.

 Quando vogliono essere gentili mi danno del ladro approfittatore perché ho fatto andare il petrolio ad oltre 100 dollari al barile e poi partono sgommando a tutta velocità.

 Sono un povero associato, un diversamente gestore.

 Saluti

Giuseppe M.

Commenti (3)
  • Pier Luigi

    Caro Giuseppe, non sei il solo, anzi sei fortunato, io su un contratto 3 + 3 ci metterei la firma!!

    Scusami e permetti a chi si trova in condizioni peggiori delle tue di scherzarci sopra. Ecco il testo dell'emai che da qualche giorno ho inviato alla Faib (Confesercenti):


    Buongiorno, mi chiamo -----------------------------, insieme a mia moglie e tre nostri dipendenti gestiamo un distributore di carburanti e un piccolo bar.

    L'impianto in questione appartiene ad un soggetto privato (in gergo si chiama convenzionato) che ha stipulato con noi un contratto di associazione in partecipazione, con durata sei mesi (tacitamente rinnovabile). Tengo a specificare che questo contratto ci è stato propinato in quanto il proprietario era forte del fatto che noi avevamo bisogno di lavorare. Nel contratto sono espresse tutte le volontà dell'associante e l'associato è totalmente subordinato e privo di qualsiasi autonomia (esempio obbligo di orario di lavoro molto più ampio dei normali orari sindacali), in sostanza noi non siamo ne Gestori ne dipendenti. Oltre al distributore, gestiamo un piccolo bar sito all'interno del punto vendita, anch'esso affidato dal medesimo proprietario con contratto di affitto di azienda (durata un anno tacitamente rinnovabile).
    Sapendo che il proprietario intende vendere l'impianto abbiamo manifestato la nostra preoccupazione e rinnovato (in concerto con la compagnia petrolifera sponsorizzante) la nostra intenzione di avere la gestione diretta dell'impianto e la possibilità di acquisto della licenza del bar, ma il proprietario non ne vuole sapere.
    Adesso vengo al punto delle perplessità:
    quando abbiamo iniziato, nel 1996, abbiamo formalizzato i contratti di lavoro con i dipendenti in modo identico a quello che avevamo con il proprietario (contratti di associazione in partecipazione), ma dopo un breve periodo il commercialista ci disse che in caso di controlli da parte di ispettori inps o altri, i contratti di associazione in partecipazione sarebbero stati messi in discussione e probabilmente revocati. Preoccupati di questi controlli ed anche per questione morale, gli abbiamo convertiti in normali contratti di lavoro cnnl.
    Quando abbiamo manifestato questo problema al proprietario dell'impianto lui ha detto di fare dei contratti di sei mesi in sei mesi e nel caso in cui i dipendenti reclamassero di licenziarli. Il nostro commercialista ci ha detto di stare molto attenti e che i dipendenti (con contratto o di fatto) avrebbero potuto impugnare il licenziamento e fatto passare a noi dei guai.

    Come possiamo garantire un normale contratto ai dipendenti se il proprietario non intende garantire a noi ciò che si spetta?

    In attesa di riscontro le invio cordiali saluti.


    Nota bene, preferisco per il momento nascondere il mio nome e cognome perché temo ripercussioni ma se dovesse essere necessario non esiterò a denunciare (anche tramite i media) quanto sopra.

  • Giovanni  - cali

    sono un associato di un retista. mi a presentato il conto economico del 2014 e c'e la voce cali. io volevo sapere se i cali sono a carico di chi

  • Anonimo  - noi diversamente...Gestori

    buongiorno..se cosi' si può chiamare,perchè per noi diversamente Gestori le buone giornate non ci sono piu'dal 2007( almeno per noi) da quando alla nostra porta ha bussato prepotentemente AICO costringendoci a firmare contratti disumani,togliendoci la dignità e il rispetto di ciò che facevamo lasciandoci poi in mano ad un' altra compagnia che appropiatasi dello stesso contratto ci darà il colpo di grazia..Sicuramente non sono l'unico con tutti questi problemi che con il metodo di scarica barile ci hanno accollato ,la cosa che piu' mi fa arrabbiare è il disinteresse delle persone che in qualche maniera hanno le armi e la parola per poterci tutelare ma...non so il perchè non lo fanno o forse non sono interessati a farlo..Mi picerebbe sentire chi sopra di noi ha questo potere ma...non lo utilizza!!! DA aico a q8 na figata... ( dalla padella alla brace).Comunque se ci fosse qualcuno che vuole scambiare due chiacchiere ne sarei felice magari chissà ..dicono che l 'unione fa la forza (oramai non ci credo più).. ..333/2393500 Paolo

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie