GestoriCarburanti

Martedì, Aug 20th

Last update:08:32:00 AM GMT

Ignobile articolo del mensile auto

E-mail Stampa

Quello che vi riportiamo è l'articolo più ignobile, pieno di concetti superficiali e valutazioni sommarie che abbbiamo mai letto. Un articolo uscito nel mensile Auto con il quale si parla del caro benzina. La premessa è quella di boicottare, secondo una mail sempre smentita dall'autore, alcune compagnie petrolifere per far calare il prezzo dei carburanti. Daccordo di boicottare le compagnie che in questi anni grazie  all'uso di contratti "sperimentali" hanno rovinato molte Gestioni, ma il consiglio è quello di non comprare mai più questa vergognosa e inutile rivista.

Buona lettura, si fa per dire .....

Il prezzo dei carburanti è il più alto di sempre, i gestori minacciano serrate, i Governi calano le braghe, le compagnie lanciano concorsi. Ma se anche noi facessimo valere le nostre ragioni? Come? Scioperando!
CIRCOLA da qualche tempo sul web -rilanciato da Beppe Grillo - un invito a "boicottare" per una settimana le pompe di benzina di Shell ed Esso, compagnie considerate "multinazionali" per eccellenza. Dice, la provocante mail che molti di voi avranno ricevuto: "Non facciamo uno sciopero, continuiamo pure a comprare carburanti, ma boicottiamo Shell ed Esso rifornendoci da altre marche. Vedrete che quelle boicottate saranno costrette ad abbassare i prezzi per non perdere quote di mercato. E questo innescherà un processo concorrenziale che porterà anche le altre compagnie ad adeguarsi ai nuovi, più bassi livelli'. Ha funzionato"? Poco, per quanto riguarda l'adesione degli automobilisti, tanto a livello di preoccupazione dei petrolieri.

Non so se ve ne siete accorti, ma Esso ha lanciato proprio a cavallo delle feste natalizie, un supersconto di 10 centesimi al litro per 1 rifornimenti self effettuati in orari di chiusura, presso determinate stazioni. Risponde in difesa Agip, che - mentre abbandona il glorioso nome per sostituirlo col glaciale Eni - promuove fino al 9 gennaio un concorso dotato di ricchi premi, con lo scopo, non dichiarato (ma evidente perché i premi maggiori sono a sorteggio), di fidelizzare il cliente. E di prevenire azioni di disturbo da parte di guastatori. Tuttavia, l'accadimento sui carburanti più commentato dai giornali è stato un altro; l'ennesima serrata minacciata dai benzinai per l'ultima settimana dell'anno e l'ennesimo accoglimento delle loro richieste da parte del Governo. Sono vent'anni che i gestori avanzano richieste alle compagnie coinvolgendo anche chi non c'entra niente. E sono ventanni che ottengono quanto richiesto, sulle spalle di chi non c'entra niente.

Nel mirino di Enrico De Vita
Mensile Auto
Un menù mai così caro
In questo cartello ripreso lungo un'autostrada è testimoniato l'incredibile caro-benzina registrato nelle ultime settimane: un litro di "verde" ha oltrepassato la barriera di 1,5 euro. Limite mai toccato, neppure quando il prezzo al barile era di 150 dollari.

OK, la scusa è buona
Intendiamoci, il bonus fiscale ai gestori delle pompe era stato promesso dall'Esecutivo, ma per mancanza di fondi non appariva nell'ultimo decreto "miileproroghe", firmato a Natale. Il problema è che il bonus fiscale non è altro che una concessione privilegiata a pagare meno tasse, che alla fine ricade su tutti noi cittadini. il balletto fra gestori e compagnie, col Governo in veste di mediatore, si è sempre risolto nella concessione di maggiori margini, cioè in aumenti progressivi del prezzo della benzina a carico degli utenti. Mai in provvedimenti che di fatto abbiano reso più concorrenziale la rete nazionale. Questa volta si è scelta una strada un po' imbiancata: quella di far apparire immutato il prezzo alla pompa. In realtà, è solo un artificio, perché paghiamo in altri modi.
A far cambiare i prezzi, peraltro, ci ha pensato una vecchia abitudine della speculazione internazionale: quella di far crescere il Platfs ogni volta che la scusa è buona. Probabilmente anche il Natale era una di quelle, visto che aumentano i consumi. Così come lo sono le vacanze estive, l'avvicinarsi dell'inverno, la riduzione delle scorte militari Usa, le liti in seno all'Opec. Il Platt's è il listino ufficiale dei carburanti già raffinati, per consegne a distanza di tre mesi. Il prezzo del greggio non c'entra, o meglio non ce lo fanno entrare, così come non c'entra - almeno direttamente - il cambio euro/dollaro: conta solo il prezzo attuale dei due carburanti per consegne differite. Come dire che c'entrano tutte le manovre di chi ha comperato scorte di carburanti e scommette di rivenderle a prezzi più elevati quando il prezzo sale. E siccome il prezzo sale quando si lesina l'offerta, ecco che chi possiede navi cariche di petrolio, capitali da investire in greggio, depositi costieri e raffinerie ben dimensionate può gestire la faccenda. Che in termini più orecchiabili si chiama speculazione internazionale.

Mai cosi cara, la benzina
L'aspetto triste e incancrenito della faccenda è che i prezzi alle pompe in Europa si muovono sempre all'unisono quando si muove il Platfs. Anche se non c'è legame diretto fra i due valori: infatti, quello è un listino futuro, mentre oggi si vendono carburanti prodotti mesi fa e gran parte di essi deriva eia petrolio estratto da giacimenti di proprietà delle compagnie. Non dobbiamo poi dimenticare che in Italia circa l'8°/o della benzina venduta è ricavata da petrolio italiano, estratto in Basilicata, e che solo il 7% dei carburanti venduti da noi viene acquistato spot a Rotterdam, al prezzo Platfs. In due parole: la benzina non viene considerata un prodotto da vendere e sul quale far valere le economie di scala e le leggi della concorrenza, ma moneta di scambio, denaro contante, come l'oro che si vende alla quotazione ufficiale anche se è stato pagato la metà.
Le compagnie petrolifere si difendono affermando che non sono loro a gestire la speculazione. É vero, ma poi non fanno nulla per affrancarsi dal Platr/s, cioè dal prezzo futuro stabilito dagli speculatori. Ecco perché all'inizio del 2011 i prezzi di benzina e di gasolio crescono ancora, nonostante il prezzo del greggio sia sceso a 90 dollari al barile e l'euro sia salito a 1,32 dollari. Oggi, i prezzi alla pompa sono più alti che mai, addirittura più alti di 20 mesi fa quando il petrolio aveva toccato i 150 dollari al barile.
E fin qui possiamo discutere in eterno, individuare chi sono gli speculatori, additarli alla pubblica condanna, giudicarli eticamente riprovevoli, ma non risolveremo nulla perché il mercato ascolta solo il tintinnio della moneta.

La tassa che tutti pagano
La parte più pesante e indigesta del prezzo dei carburanti è costituita dalle accise, cioè dalle tasse specifiche sugli idrocarburi. In Italia, dai 50 al 60% del prezzo alla pompa. Non siamo i più esosi del mondo, ma occupiamo le prime posizioni: la benzina è tassata fino a sfiorare 0,8 euro al litro, il gasolio un po' meno (vedi tabella in alto). Ma il nostro Fisco ha l'insana abitudine di applicare anche univa del 20% sul prezzo di vendita, tasse comprese. Quindi, paradosso dei paradossi, il Fisco è felice ad ogni aumento del costo industriale. Nel 2008 lo Stato ha incassato più di 36 miliardi di euro dalle tasse sui carburanti, più di quanto incassano gli Emirati vendendo petrolio. Nella tabella "Accise e Iva" a pagina 59 abbiamo riassunto la situazione europea, separando l'imposizionefiscale di benzina e di gasolio dal peso dell'Iva.. Ma sulle tasse non possiamo discutere: se non altro tassare i carburanti è un modo democratico e "antievasione" per contribuire proporzionalmente ai bisogni dell'Erario. Dove invece possiamo e dobbiamo intervenire è sulla situazione nazionale, sulla rete dei distributori, sulla logistica che li rifornisce, sulle regole che Regioni e sindacati fanno, disfano, rifanno e poi boicottano. E sulla latitanza dei governi che non sono mai stati capaci di affrontare con forza e lungimiranza la situazione. Da ventanni abbiamo prezzi di vendita in Italia (tasse escluse) da 5 a 7 centesimi al litro superiori alla media europea. E se ci confrontiamo con i Paesi europei simili a noi, per quantità venduta e numero di raffinerie, la differenza è ancora maggiore e tocca uno "stacco'' di 9 centesimi. Cos'è che non va?

Dove si spuntano i prezzi migliori?
Se vi chiedessero: "In generale, dove si trovano i prezzi migliori, nei piccoli distributori o nelle grandi stazioni di servizio?' Risposta semplice: nei grandi distributori. Infatti, vendono quantità elevate di carburante e sono in grado di ricavare utili accettabili vendendo a prezzi inferiori. Il piccolo distributore, invece, deve campare con piccole quantità e deve giocoforza speculare al massimo su ogni litro di benzina. Quindi occorre ridurre il numero dei distributori. Anche perché abbiamo in Italia, nel 2010, oltre 24.000 distributori, più di qualunque altro Paese d'Europa.
Perché non si riesce a portare a 18.000 il numero delle stazioni di servizio, come era stato solennemente promesso da gestori e compagnie 15 anni fa? Subito detto: ogni volta che i gestori lamentano di non riuscire a campare con i margini nazionali (che sono comunque più elevati di quelli percepiti dai colleghi tedeschi e francesi), invece di affidarli alle leggi di mercato, invece di invitarli a chiudere riscuotendo il premio di fine gestione (pagato, negli anni, dagli automobilisti con un aggio su ogni litro) chiedono un margine maggiore, lo ottengono e così sopravvivono. Fino alla ennesima minaccia di serrata, giacché nessun ministro dell'Industria ha mai avuto il coraggio di trovare soluzioni più geniali e razionali. Magari più banali che un aumento del prezzo della benzina. Perfino le compagnie petrolifere nicchiano di fronte alla riduzione del numero degli impianti: dicono che l'automobilista è disposto a pagare di più pur di avere il distributore sottocasa.

Strana, una posizione così retro, vero? Somiglia a quella che sostenevano 15 anni fa quando ritardavano l'ingresso in Italia delle pompe self-service "tanto gli italiani sono pigri1.
E pensare che il numero degli impianti è in continuo aumento, grazie alle cosiddette pompe bianche, piccoli distributori anonimi che praticano prezzi più convenienti di 5-6 centesimi rispetto alle pompe blasonate, di ugual dimensione. Come fanno a vendere poco, a meno, e a sopravvivere? Semplice, hanno margini maggiori perché non investono in pubblicità, in impianti lussuosi e soprattutto in concorsi a premi. Quindi, ecco il secondo rimedio. I concorsi assorbono una quota rilevante (da 3 a 5 centesimi) che potrebbe essere devoluta a vantaggio di chi i concorsi non li vuole. E, infatti, le ultime campagne di Total, di Esso e di Agip prevedono sconti fino a 10 centesimi se ci si rifornisce a impianto chiuso. E si rinuncia, ovviamente, a pretendere i punti premio. Ma questo le campagne pubblicitarie non lo dicono.

Ecco chi rema contro
Perché non tenere aperti gli impianti automatici, senza personale, anche di notte? Perché i vari Governi hanno rinunciato a regolare la materia in modo uniforme e hanno preferito affidare alle singole Regioni questa semplice soluzione. Che decidono in funzione demagogica, territoriale, politico-elettorale, sindacal-po-polare. Due esempi per tutte: la Q8 ha tentato in diverse Regioni di praticare sconti supplementari negli orari di chiusura: i sindacati si sono opposti chiedendo comunque la presenza (inutile) di un operatore. La grande distribuzione potrebbe supplire alla funzione calmieratri-ce dei prezzi, se solo il numero degli impianti presso i supermercati potesse raggiungere il 10% del totale. Oggi siamo ancora al di sotto dell' 1%, in Francia sono al 51%. Ancora una volta le Regioni concedono licenze col contagocce agli ipermercati e così mortificano il libero mercato. La riprova? Guardate la tabella pubblicata a pagina 60 sugli orari di apertura degli impianti in Italia, a confronto con gli altriPaesi europei. Siamo gli ultimi e rimarremo in fondo alla classifica a lungo, perché nessuno degli attori - gestori, compagnie e politici - hanno interesse a cambiare le cose. Ma c'è di più. In autostrada, ove gli impianti sono aperti giorno e notte e dove il venduto giornaliero è elevatissimo, i carburanti hanno prezzi molto simili fra loro e più elevati (tranne poche eccezioni, per esempio alcuni distributori Erg) di quelli riscontrabili nelle grandi stazioni di servizio urbane, sia perché si tratta di impianti gestiti direttamente dalle Case petrolifere, sia perché su ogni litro venduto la concessionaria autostradale pretende una sua percentuale.

Buon viaggio col pensiero luminoso
Quanto poco trasparente e ingessato sia il mercato dei carburanti (e quanto distratta sia l'attenzione del mondo politico dal problema) si ricava da alcuni avvenimenti:
-  l'abolizione, nel 2002, della sanzione per omessa indicazione del prezzo alla pompa;
-  l'abolizione, nello stesso anno, dell'obbligo di indicazione del prezzo consigliato dalla compagnia. Il doppio prezzo sarebbe invece l'unico strumento in grado di differenziare la politica delle varie Case petrolifere, capace di far comprendere all'automobilista se a far salire il prezzo è il gestore o il petroliere;
-  lo spegnimento dei totem autostradali che permettevano di leggere il prezzo prima di entrare nella stazione. Ragione nobilissima: ostacolavano la sicurezza del guidatore (evidentemente "Buon viaggio con Telepass" appanna meno i riflessi ). L'attuale soluzione dei cartelloni posti all'inizio dell'autostrada è solo un bell'esempio di come si può fare pessima informazione.
Infine, osservate la tabella pubblicata qui a fianco. Mostra a cosa serve concedere alle stazioni di servizio di ampliare la lista dei prodotti in vendita, dal latte ai giornali. Le nostre pompe hanno un erogato medio di benzina che è la metà di quello di Germania, Gran Bretagna e Francia: ovvio che per vivere o vendono più carburanti o vendono altri beni: ovvero il cosiddetto "non oil". Ed è esattamente quanto si fa negli altri Paesi, ove politici, burocrazia, sindacati e amministratori pubblici non remano contro. E non fanno lo "sciopero della benzina".



Commenti (16)
  • Gestore esso

    se non è da denuncia questo.....ma possibile che in Italia ognuno possa scrivere ogni str..... che gli viene in mente senza che gli venga preso contro alcun provvedimento??? io sono per la libertà assoluta di stampa ma non per la libertà di scrivere cazzate!!!!!!!!!!!!!!!

  • Giampiero  - il concetto emerso

    è quello dell'ignoranza totale da parte degli autori di tali nefandezze. Altro mi pare non emerga, non fosse altro per non dare importanza a contenuti privi di qualsiasi valenza oggettiva.

  • agipmn  - devitamavvaff

    direi che dovremmo mandare tutti una bella mail ad auto

  • Giank

    Io gli ho scritto. Sul loro sito nella sezione contatti. Fatelo anche voi.

  • Andrey Peribosky  - Solita stampa in malafede

    Ma come fate a stupirvi ?

    Giornali e TG scrivono e parlano in continuazione di notizie approssimative in modo da indignare il lettore/ascoltatore e vendere di più.

    Tanto gli unici ad accorgersi delle menzogne in malafede sono i protagonisti delle notizie, in questo articolo noi, che non possiamo fare altro che farci venire il sangue amaro per questo deficente incompetente.

    E comunque, se poi è vero o è falso non gliene frega un c.zzo a nessuno.

    Tanto vale non leggerli neanche questi articoli.

  • Pino

    No so se la rivista in questione sia autorevole o meno, fattostà che alla "scusa" dell'ignoranza io non credo più. Credo invece che ci sia una logica precisa sulla direzione da prendere per gli organi di informazione sulla questione carburanti.
    E tutto porta palesemente nella stessa direzione: a morte il Gestore!

  • Stevanin Alberto  - Chi è il mensile L'Auto ?

    :grin E' ricorrente che in giro ci siano degli stolti e non è detto che un giornalista lo sia di meno di altri, anzi è pure in malafede perchè dubito non si sia informato prima, altrimenti sarebbe pure c******e, egli infatti strumentalizza alcuni argomenti, riportandone viceversa qualcuno correttamente.
    Poi si deve scrivere per carpire l'attenzione del lettore, costi quel che costi: per i quotidiani ci deve essere una strage al giorno per vendere.
    Se non c'è si paga qualcuno che ammazzi il prossimo, purchè vi sia la notizia e il mostro in prima pagina.
    Infine, chi è stò mensile L'Auto ?
    Un'altra rivista di un settore anche in crisi, pagato dalla pubblicità di qualche costruttore con prove auto molto, molto, ma molto benevole ?
    Quante copie venderà stà rivista ?
    Fosse Famiglia Cristiana potrei preoccuparmi perchè arriva dappertutto, e anche quando non lo vuoi, lo devi avere sottobraccio in piazza del paese sennò non sei dei loro...
    Comunista o bastian contrario.
    E chi sennefrega dell'uno e dell'altro.
    Buttate nella spazzatura differenziata stì giornali che sono faziosi:mi raccomando bidoni della carta, chè non facciano macerando, più danno ancora e l'ambiente....abbia aria migliore.

  • Massimo

    Il problema vero è che non ci sono solo i giornali specializzati in auto ( ricordo di aver letto articoli simili anche su quattroruote) ad alimentare questa campagna diffamatoria nei nostri confronti. Nella farsa andata in onda al question time, alla presenza di una cinquantina di parlamentari, ma in diretta televisiva, l'intervento dell'onorevole Carmaroli è stato incentrato in maniera più che bonaria sul fastidio che gli italiani hanno nel dover pagare cara la benzina, senza un minimo di accenno al fatto che gli stessi italiani hanno un enorme fastido a pagarci tutta quell'imposizione fiscale su un litro di benzina. Molto divrso dagli interventi leghisti in tempi di opposizione, quando l'oratore di turno non sapeva più quali stracci strapparsi pur di chiedere misure per calmierizzare l'imposizione fiscale sul carburante, come ad esempio la sterilizzazione dell'iva.
    Daltrocanto lo stesso ministro, perfetto attore della commedia mediatica, non ha voluto accennare al fatto che proprio nel 2008 il Governo Berlusconi con la legge 133/2008, articolo 9 comma 1, ha reso automatica la sterilizzazione dell'Iva se nell'arco di un trimestre il prezzo del petrolio aumenta di più di due punti percentuali rispetto al valore di riferimento fissato nel Dpef. Cosa avvenuta puntualmente.
    Ma forse la pensa come questo pseudo giornalista dal cognome comunemente ridicolo al presidente dell'up anche nell'acume dei concetti : "Ma sulle tasse non possiamo discutere: se non altro tassare i carburanti è un modo democratico e "antievasione" per contribuire proporzionalmente ai bisogni dell'Erario."
    Non si può che evidenziare una costante: hanno capito che ci possono dire di tutto, noi italiani saremo sempre li impassibili e passivi spettatori pronti a credere a tutto.

  • stefano Q8

    facciamoli lavorare sul piazzale una settimana!!! poi scriveranno in modo differente...

  • Moreno Parin  - Giornalisti

    Che il giornalista le spari grosse è per noi palese, che lo faccia in malafede magari anche, però mi domando perchè dovrebbero trattare bene i Gestori perchè è pur vero che noi sul prezzo contiamo meno di zero ma è anche vero che tutte e tre le federazioni nazionali si sono date un gran daffare per giustificare gli aumenti dei prezzi, e allora da esterno potrei anche pensare che anche i Gestori c'entrano qualcosa. A mio parere l'unica cosa che debbono dire i sindacati è che i prezzi li fanno i petrolieri, sia quelli nazinali che quelli internazionali, lora fanno i buchi, loro raffinano e loro fanno i prezzi, punto e basta e noi Gestori siamo vittime come e più degli automobilisti, almeno loro pagano solo di più i carburanti, a noi tocca pure guadagnare meno. Che sia arrangino i petrolieri a giustificarsi di fronte all'opinione pubblica. Non è compito nostro.

  • Ex Gestore

    Articolo praticamente perfetto ma troppo scomodo per i Gestori..e chiaro che se lo leggessero tutti il mestiere del Gestore finirebbe in 2 settimane..tutti dalle GDO e a fare self di notte..però e il mio sogno..distruggere i Gestori, inutile lavoro di chie estorce 4 eurocent al litro ai clienti dando in cambio..zero

  • Alberto Stevanin  - Senti EX Gestore

    :? All'ex Gestore.
    Non ho capito le tue ultime due righe dello scritto, lo potresti riscrivere meglio, specie a chi estorce i 4 eurocents ?
    Grazie
    Ps. Guarda che qui nessuno spara ad altri, il tuo nome sarebbe auspicabile e anche dignitoso, che dici ?

  • Giank

    Qui di inutile ci sono soltanto tu e le tue frustrazioni. Che sono quelle di chi per una incapacità innata, non è riuscito a rimanere in questo settore venendone inesorabilmente espulso. :grin

  • Stevanin Alberto  - Sparito, dissolto ?....

    :upset Beh ! Lo scritto dell'EX Gestore è sparito dal video !
    Vuoi vedere che si è dissolto ?
    Oppure, si è reso conto che stavano per arrivargli i missili.

  • Giank

    No, più semplicemente è stato giustamente cancellato dalla redazione e ovviamente bannato. Non abbiamo bisogno dell' "apporto" di certi idioti provocatori.

  • Franco

    Per fortuna che sul mercato stanno arrivando le auto ELETTRICHE !!!

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie