GestoriCarburanti

Domenica, Aug 25th

Last update:08:32:00 AM GMT

Che sia una nuova aurora?

E-mail Stampa

L’occasione di Iperself H24 sta quantomeno dimostrando che la specie “Gestori Agip/Eni” non è affatto rassegnata alla ineluttabile estinzione, che altri hanno deliberato per essa, bensì, forte della tempra, che gli è derivata dalle mille difficoltà che ha dovuto sempre affrontare, sta attraversando un processo evolutivo, degno di un migliore destino.
I segnali sono inequivocabili. 

Acquisita la consapevolezza che accettando l’Iperself H24, si compirebbe l’ultimo atto di malriposta fiducia del gregge nel suo pastore, che accompagna, con fare suadente, le sue pecore allo scannatoio, la categoria, questa volta abbastanza massicciamente, è capace di scandire un bel NO, NO!

Ma la cosa stupefacente è che questo NO non è generico, qualunquistico, oppure aprioristico e irriflessivo, tuttaltro; esso è la risultante di un ragionamento, a volte meticoloso, puntuale, fino a diventare finanche ragionieristico, comunque perfettamente congruente alla fattispecie esaminata.

Mi viene un momento di scoramento, se penso che ci sono state nel passato tante e tali occasioni, per fronteggiare pretese aziendali parimenti irricevibili; se analoga convinzione e determinazione; fosse stata esercitata, oggi non ci troveremmo al punto in cui siamo; pazienza, l’evoluzione del carattere ha, anch’essa bisogno dei suoi tempi.

Era inevitabile che giungesse il tempo di contrastare con convinzione alchimie aziendali, che al fine di porre rimedio a situazioni di mercato oggettivamente disastrose, non trovino di meglio che impoverire il già striminzito margine del gestore, proponendo meccanismi farraginosi e contorti, che decifrati e riportati a sintesi, non hanno potuto che trovare sonora bocciatura dalla parte più qualificata e onesta delle rappresentanze sindacali dei gestori, rimanendo a fare da stampella ad un simile obbrobrio un sedicente sindacalista di Confcommercio, che nelle more dell’esercizio della politica, assieme ad un manipolo di suoi sodali (interessati) tutto possono dire di avere a cuore, tranne che gli interessi e la salute economica dei gestori.

E dire che la categoria, da mane a sera a raccogliere segnali che vengono dal mondo reale, ne avrebbe di suggerimenti da dare agli strateghi del marketing che albergano nel palazzaccio di Via Laurentina, per cercare di contenere la perdita di erogato degli impianti Agip/Eni.

Uno per tutti senza entrare nei tecnicismi del mercato dei carburanti: ELIMINARE o RIDURRE drasticamente lo SPREAD tra Rete ed Extrarete, a vantaggio dei prezzi rete, ovviamente.

Ora, la lotta per la sopravvivenza che stiamo conducendo, presenta ad oggi degli esiti assolutamente incerti, ma questa nuova determinazione di molta parte dei gestori nel contrastare proposte aziendali irricevibili lascia sperare che la Compagnia dovrà iniziare ad elaborare i propri programmi futuri, non contro i gestori, ma insieme ad essi, modificando semmai i propri equilibri interni (anche economici).

Mi fermo qua (ma potrei andare ben oltre) nella visione degli albori di un nuovo soggetto GESTORE, che sta dimostrando di poter valicare l’erto muro del suo medioevo per guardare l’aurora di un nuovo giorno.

Lettera di un Gestore sul portale Eni

Commenti (4)
  • Un Gestore Agip

    Grande hai colpito nel segno adesso speriamo che i nostri colleghi tengano duro e che qualche associazione di actegoria si faccia un esame di coscenza che forse questa vokta ha toccato il fondo. Mercoledì si riunisce il comitato figsc speriamo che isuoi membri votino no allo scellerato accordo fatto da Squeri perchè è inutile tutelare chi non vuole essere tutelato ed è giusto che chi vuole suicidarsi con l'h24 lo faccia subito e non fra un anno quando la sig.ra Eni si rimangerà quell'accordo

  • Gestore eni  - era ora

    era ora !
    adesso la palla passa ad ENI,dove dovrà riflettere come mai questa volta i Gestori in massa hanno detto NO.

  • Alex

    Credo che mai come adesso vi sia la necessità di una vera coesione della categoria . Siamo arrivati al punto di non ritorno : Suicidio (H24) o una lenta terapia chemioterapica ( con possibili stadi di guarigione ) ....

  • fabio

    Gestore Esso:dalle mie parti non mi sembra che non abbiano aderito in massa all iperself h24.anzi ormai ce l hanno praticamente tutti!!!!Brescia

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie