GestoriCarburanti

Domenica, Aug 25th

Last update:08:32:00 AM GMT

Shell/Aico denunciati alla magistratura

E-mail Stampa

Buongiorno. MI chiamo Michele Basoni e da oltre 40 anni, insieme alla mia famiglia, sono Gestore di un impianto Shell. Ricordo con piacere i tempi passati da Total a Monteshell, ai primi tempi di Shell, per chi possa avere avuto esperienze simili. Ero un Gestore rispettato all'interno dell'azienda ed egual rispetto ho sempre portato a chi mi ha dato la possibilità di vivere dignitosamente.

Ma questo fino a ieri. Anzi l'altro ieri.

Da circa il 2004 cambiamenti di uomini e di politiche aziendali interne a Shell hanno fatto si che la vita mia e della mia famiglia diventasse un calvario. Un calvario fatto di minacce ed intimidazioni che sono sfociate in una mia malattia e nella rovina delle mie sostanze.

Il fatto di non aver voluto accettare la proposta contrattuale denominata “AICO” ha segnato la mia condanna a morte da parte di Shell.

Il calvario che abbiamo subito sono state le visite dei vari assistenti rete e capi area che costantemente venivano sul punto vendita da noi gestito proponendoci verbalmente detto contratto “AICO”, ma senza lasciarcene in visione alcuno da fare analizzare. Dopo un po' di tempo le visite da amichevoli si sono trasformate in perentorii “o firmi o te ne vai.....”, “se non firmi adesso alla scadenza del contratto non avrai il rinnovo....”, “devi firmare, non sei a casa tua........”, senza prendere in considerazione che io chiedevo soltanto il rispetto degli accordi interprofessionali che indicano il contratto di comodato come l'unico mezzo contrattuale a garanzia della mia figura di Gestore.

La tattica di Shell per cercare di piegarci è allora stata quella di fatturarci i carburanti a prezzi addirittura superiori a quelli di vendita dei colleghi di egual bandiera, e di mandarci disdetta del contratto di comodato alla naturale scadenza.

Dal 2004 a oggi sono passato da una media di 2,5 / 3 milioni di litri venduti a circa 800 di fine 2011. Da qualche mese mi hanno anche tolto l'uso del Club Smart dopo che avevo fidelizzato tutti i miei clienti e oggi vendo circa 1500 litri al giorno......

Ebbene stavo per mollare tutto. Se nonché, tramite un pool di professionisti, sono stato consigliato di non riconsegnare le chiavi della stazione di servizio alla scadenza contrattuale e di continuare la mia attività fino alla chiamata in giudizio da parte di Shell per occupazione indebita. Cosi ho fatto.

Nel frattempo, a seguito di accertamenti documentali, detto pool è riuscito a portare sul tavolo della Magistratura la faccenda “AICO UNO” e da cio' la ravvisabilità del reato di estorsione sotto diverse forme.

Oggi Shell è stata denunciata da parte nostra a detta Magistratura “a salvaguardia dei nostri interessi, e degli interessi di ogni Gestore sottoposto a simile malaffare”.

Per questo chiedo cortesemente a chiunque sia stato sottoposto a simili vessazioni di contattarci al fine di avere testimonianze dirette da portare sul tavolo inquirente e di confrontarci su eventuali linee comuni da intraprendere.

La nostra reperibilità ed i nostri interessi hanno come domicilio l'ufficio di nostro figlio Dott. Luciano Basoni ai seguenti numeri e recapiti:

tel.         0041 77 9011421

cell.        327 3170632

luciano.basoni@hotmail.com

In fede,

Michele e Giuseppina Basoni

Commenti (35)
  • Max

    un plauso a questo coraggioso Gestore per la forza che ha avuto nel dire NO a quello che non e' un contratto ma solo una dichiarazione di guerra...non so con che faccia shell sia ancora in giro a proporre Aico dopo tutte le cause che sono state messe in piedi...
    e' assurdo...spero che la Magistratura intervenga emettendo una sentenza esemplare e condannando shell a pagare un mega multone...e' assurdo comunque arrivare a questi livelli....quando c'era bisogno di Gestori ecco che ti accoglievano come se fossi dio in terra...e ti ripetevano fino allo sfinimento quanto e' fondamentale il tuo ruolo sul piazzale...oggi solo calci nel sedere?eh no...troppo facile cosi'..comunque vada e' sempre meglio andar per vie legali..magari non si porta a casa nulla ma e' sempre meglio che andarsene via senza averci almeno provato a difendere il proprio posto di lavoro..

  • anonimo

    invece a me per un contratto di fitto non rinnovato solo per dimenticanza,ben 12 anni fà,alzano la voce per un rinnovo contrattuale!!ed è tutto mio.....decreto suolo....ma come ci si libera da questi zingari?????

  • Gigi

    8)

    Ogni volta che leggo questi articoli mi vengono i brividi.

    Tutta la mia ammirazione a questi Gestori che lottano per avere giustizia.

    Questi banditi (le compagnie petrolifere) sono appoggiati dal "nostro" Governo.

    A voi gli altri commenti.

  • Andrea

    Lottano per avere giustizia ma (senza rendersene conto immagino) sopratutto per ingrassare questi famosi professionisti visto che la battaglia intrapesa è legalmente persa in partenza e qualcuno dovrà pagare le spese legali sue e della controparte, i danni accessori dovuti all'occupazione indebita, le spese processuali ecc.

    Non a caso il pool di professionisti sta cercando di ottenere, in maniera parallela, un riconoscimento di attività di estorsione cosi da poter avere qualcosa in mano per dimostrare il fumus persecutionis verso il proprio cliente cercando di montare in sede giuridica un atteggiamento de facto che non puo che aver coinvolto anche il proprio cliente.

    Moralmente ed umanamente non si puo che essere d'accordo e solidali in questa iniziativa ma il diritto giuridico ahimé non ha di questi sentimenti e si limita a visionare un atteggiamento lecito o meno secondo l'attuale legislazione ed in un contratto tra imprenditori (tale è il contratto di gestione) è facoltà delle parti recidere dal contratto alla scadenza, previa formale disdetta nei tempi stabiliti, QUALSIASI sia la motivazione ed anche in assenza di motivazione, inficiando ogni giudizio di estorsione in quanto non si puo' estorcere cio che è già nel nostro diritto richiedere.

    Quindi, anche se dispiace immensamente, giuridicamente la compagnia che non intende rinnovare il contratto di gestione (cosi come il Gestore che non volesse rinnovare) ha tutto il diritto legale di interrompere il rapporto e nel caso l'impianto non venga restituito adire le vie legali che faranno lievitare e parecchio i costi per la parte soccombente in tribunale.

    In ogni caso il più sentito in bocca al lupo per l'azione intrapresa.

  • iris

    Dal punto di vista penale non so dare giudizi,m dal punto di vista civile le compagnie non sono in una botte di ferro con questi contratti atipici di comodato,anzi,viene fuori un rapporto di lavoro subordinato,visto che la merce si paga come dicono loro,si vende come dicono loro,si va in ferie quando dicono loro,come vedete non vi e' alcuna autonomia del Gestore nell'esercizio delle sue funzioni.Quando tutti i Gestori o una parte di essi cominceranno le cause sotto vari aspetti,voglio proprio vedere che faranno le compagnie.Saranno soccombenti,di sicuro.Il diritto e' diritto e vale per tutti,la forza economica delle compagnie non e' superiore alla forza dei Gestori.Ci sara' pure un giudice a Berlino.

  • XXX  - per andrea

    CARO ANDREA ,DEVI SAPERE CHE CHI LOTTA PUO' PERDERE,
    CHI NON LOTTA A GIA' PERSO. QUESTI SIGNORI FANNO NO BENE DI PIU' CERCANO DI NON FARSI SCHIACCIARE ,SPERO SOLO CHE ABBIANO PRESO LE GIUSTE PRECAUZIONI TIPO FONDO PATRIMONIALE ,E QUANT'ALTRO SERVA SE DOVESSE ANDAR STORTO QUALCOSA A NON FARSI TOGLIERE NULLA DA QUEI VERMI DELLE COMPAGNIE PETROLIFERE MULTINAZIONALI,ATTENZIONE MI RICORDO UN ALTRO CASO STRANO DI UN Gestore SHELL MI SEMBRA SI CHIAMAVA BRAMBILLA, A FATTO UNA FINE STRANA,E MI RICORDO CHE ANCHE LUI AVEVA UN CONTENZIOSO CON SHELL.,
    STATE ALLERTA COLLEGHI E BATTETEVI PER I VOSTRI SACROSANTI DIRITTI AL LAVORO,LOTTATE FIN CHE POTETE ,PUO' DARSI CHE UN GIUDICE UMANO LO TROVIATE ,INBOCCA AL LUPO DI CUORE .

  • Gestore

    Secondo me certe sentenze non sono così scontate come dici, anzi dal punto di vista civilistico, per quanto ne so, le compagnie petrolifere ne perdono molte di cause con i Gestori.
    L'unico problema sono i tempi della giustizia italiana, ci vogliono decenni per arrivare ad una sentenza ed infatti le compagnie petrolifere si basano proprio su questa realtà.

  • max ip

    ma lo sciopero spostato a settembre non se ne parla più ????

  • anonimo

    scusa ma perchè devi mettere casino????he he i sindacati non vogliono.....

  • anonimo  - petrolio 74 ,70

    e adesso che è sceso cosi, domani il servito costerà di meno???di solito se si alza al contrario si fà subito.....

  • gianluca

    e no amico andrea
    la shell sotto forma di aico non solo è da poratre in tribunale
    ma invito la guardia di finanza a guardare dentro quella scatola
    chiamata aico srl
    dove non si capisce bene dove hanno sede e dove pagare accise tasse
    iva e altro ancora
    Gestori per avere informazioni chiamano in polonia o turchia ogni volta si cambia sede
    se vogliono vedere fatture e altro
    pagate al 50% detta da loro devono andare a milano roma o chissa dove
    tutto sembrerebbe occultato
    insomma una visitina delle agenzie delle entrate merita

  • Max

    x Andrea: ti riporto una frase di Paolo Borsellino..

    Chi ha paura muore ogni giorno, chi non ha paura muore una volta sola.

    e' vero che certi Avvocati non si muovono se prima non gli stacchi l'assegno e probabilmente anche in questo caso e' cosi' e sono sicuro che il Signor Basoni ne e' consapevole...ma se tutti si ragionasse cosi' non si farebbe altro che spalare la strada alle compagnie petrolifere...strada che e' gia' sufficentemente spalata,visto che qui non si fa altro che calpestare quelli che sono i nostri sacrosanti diritti...oggi c'e' shell..e domani anche tutte le altre?
    e noi tutti qui rassegnati?tutti qui a farci calpestare?no spiacente ma io non la vedo cosi'..finche' c'e' uno spiraglio bisogna lottare..

  • pappi

    secondo voi come dobbiamo comportarci se un Gestore per sua sfortuna non ce la fa piu' e decide di disdire.
    se ha da avere sodli riguardo ai cali anno precedente,
    se deve avere i soldi del bonus fine gestione,
    e altri rimborsi vari,puo' non consegnare le chiavi fino a che non è in pari con il propietario ( nel mio caso retista) e smettere di vendere? e di consueguenza non pagare l'affitto?
    giurudicamente va incontro a azioni legali?
    ciao pappi.

  • Andrea

    Purtroppo si, la giurisprudenza si è pronunciata molte volte sulla questione, se avanzi soldi non puoi rivalerti direttamente trattenendo l'affitto o quant'altro ma devi necessariamente adire le vie legali nel cui iter inserirai eventuali danni economici, interessi moratori e quant'altro ti deriva dal ritardo del pagamento di quanto da te dovuto.

    Per quanto riguarda invece le molte risposte al mio commento riguardo Basoni, lottare è giusto e necessario ma spesso si è fregati da chi, dietro compenso, ci assiste nelle varie fasi giuridiche cercando di prolungarle il piu possibile anche quando l'esito è facilmente deducibile.

    Qui non parliamo della Shell e di cio che gli organi inquirenti potrebbero trovare nei loro uffici ma di un Gestore che scaduto il contratto non rende l'impianto e vuole citare la compagnia per estorsione sulla base di una minaccia (se non firmi non ti rinnovo la gestione).

    Sulla base giuridica non è minaccia ma solo una trattativa per il rinnovo contrattuale visto che non devo giustificare il motivo per il quale ho deciso di non rinnovarti la gestione mentre il non rendere l'impianto lo espone alla richiesta di danno economico aggiuntivo al resto.

    Non stiamo parlando di cali di carburante non pagati ecc ma di un rapporto imprenditoriale, l'alternativa è farsi riconoscere lo status di dipendente vista anche una recente sentenza della cassazione in materia di associazione in partecipazione ma se il pool di professionisti che seguono il caso di Basoni ha preferito cercare appoggio esterno per argomentare l'estorsione invece di puntare sullo status di dipendente vuol dire che non era una strada praticabile o che non sanno fare il loro lavoro.

    Uno che difende il posto di lavoro difende un reddito e dei soldi non c'entra la paura di morire ma semplicemente la consapevolezza che alcuni azioni se non avranno successo faranno perdere molti soldi oltre il resto e vista la richiesta che ha fattosul sito è molto probabile che finirà per perdere capra e cavoli, quando andrà a fare la spesa al supermercato non penso che sarà sufficiente dire alla cassiera che lui ha avuto coraggio.

    Per finire visto che qualcuno ha usato una citazione di Borsellino io ne uso una di Falcone:

    L'importante non è stabilire se uno ha paura o meno, è saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio, è incoscienza.

    Fonte Wikiquote

  • peppe  - per esperienza personale....

    se disdici un comodato anticipatamente, ti toccherà aspettare almeno sei mesi per vederti riconosciuti tutti gli accrediti e altrettanti per la liquidazione del CIPREG. Non cambia nulla in caso di subentro o voltura. Ho cessato un comodato a marzo e solo a fine luglio sono riuscito ad ottenere la liquidazione del CIPREG (dopo tre raccomandate A.R. e aver interessato il sindacato, la Compagnia assicuratrice e aver inviato decine di e-mail) , ma la compagnia petrolifera mi ha "tagliato" alcune voci (campagne promozionali, cali, note credito varie) e non so se e quando riuscirò a rientrarne in possesso. E io ho solo cambiato ragione sociale, immagino cosa possa accadere a chi cessa definitivamente l'attività......BRRRR!!!!

  • Anonimo

    chi é il tuo spacciatore?
    prezzo .

    WTI Petrolio greggio

    $94.99 ▼1.16 1.21%
    11:24 AM EDT - 2012.08.27


    Brent Petrolio greggio
    $111.89 ▼1.70 1.50%

  • Tony Montana

    Ho contattato il dott. Basoni, una persona cordiale veramente e disponibile, preparo la documentazione che mi ha richiesto e gliela faccio recapitare .......

  • Tony Montana

    Sono stato mezz' ora al telefono ed era veramente a conoscenza delle nostre problematiche e mi ha detto che le compagnie stanno infrangendo un sacco di leggi aprifittandosene della confusione politica !

  • Anonimo  - Grazie Aico

    Sono un automobilista e devo dirVi a tutti che grazie a Shell posso ancora acquistare il diesel oggi 27-08-2012 al prezzo 1.580 ad Anagni in provincia di Frosinone, chiesto al Gestore come fà la risposta è che la gestione è AICO, come la mettiamo? a noi autoobilisti interessa risparmiare!!!!!!!!

  • diego IP

    vedere che cè gente come te che sbuca qui mi fa venire la pena..ridursi cosi e spacciarsi per un automobilista! caro spacciatore di ca..ate cerca un po di serenita nella tua vita,magari fatti un giro in tibet al posto di venire qui a farti fig di m..... :sigh

  • Anonimo

    mentre trovi un distributore shell, il ragazzo che lavora al tuo vecchio distributore ti sta trombando la moglie!!!!!!

  • australopiteco

    caro Automobilista, ma lo sai che ti crediamo proprio tutti!!! Voi assistente rete Shell siete proprio dei gonzi... ma qual'è il povero Automobilista che si va a leggere i post di questo sito in questo bel lunedì sera??? Siete semplicemente patetici e pure fessacchiotti...

  • ANTONINO

    Ho avuto il privilegio di conoscere personalmente la famiglia Basoni.
    Una FAMIGLIA che come la stragrandissima maggioranza di chi fa il loro lavoro ha come scopo di LAVORARE in modo onesto per condurre una vita dignitosa e mi ripeto ONESTA.
    Una FAMIGLIA che nonostante tutto ( non sono riusciti ad ottenere aiuto da chi sicuramente li doveva tutelare,ED IO PURTROPPO NON SONO RIUSCITO A FARE GRANCHE PER LORO) NON SI SONO ARRESI E NON SI VOGLIONO ARRENDERE!!!
    Continuo a leggere ogni giorno dei problemi che assillano tutta questa categoria di lavoratori, francamente non so chi possa dare delle risposte,perchè oggi nessuno è in grado di DARLE, per un milione di motivi,bisognerebbe con un atto di coraggio e onestà mettere da parte l'egoismo che HA sempre regnato fra la grande maggioranza dei Gestori (lo leggo nei vostri interventi di colleghi DISONESTI e non nei confronti dei clienti,ma dei propri colleghi!!) e fare fronte comune, E TRATTARE I PROBLEMI DEI Gestori DI TUTTE LE COMPAGNIE PETROLIFERE ALLA STESSA IDENTICA MANIERA E DANDO ESATTAMENTE LA STESSA PRIORITA.
    La storia ci STA INSEGNANDO CHE QUESTA NON E IL MODO DI CONDURRE LA BATTAGLIA, e da molto che non si riesce a portare a casa nulla......purtroppo
    COMUNQUE CARI Gestori VOI POTETE DECIDERE CHI PUO ESSERE LA VOSTRA "VOCE" NEL RIVENDICARE I VOSTRI DIRITTI.
    SFIDUCIATE UFFICIALMENTE CHI SECONDO VOI NON FA I VOSTRI INTERESSI,LO POTETE FARE.
    SCRIVETE IN TANTI USATE ANCHE QUESTO STRUMENTO, DI QUALSIASI FEDE SINDACALE SIETE CHIEDETE UNA RIUNIONE AI VOSTRI PRESIDENTI METTETELI CON LE SPALLE AL MURO E CHE PRENDANO ATTO CHE ORMAI LA MISURA E COLMA E LA PAZIENZA NON ESISTE PIU.
    SMETTETELA DI DELEGARE QUALCUN'ALTRO PER FARE I VOSTRI INTERESSI,SE DI QUESTO QUALCUN'ALTRO NON VI FIDATE ASSOLUTAMENTE!!!! E COLPA VOSTRA SE CONTINUATE A LASCIARE LE COSE COME STANNO E NEL FRATTEMPO CONTINUATE A FARE IL GIOCO DELLE STESSE COMPAGNIE.
    NON FATEVI ABBINDOLARE DA CHI PARLA IN MODO FORBITO E MAGARI VI FA CREDERE CHE NE SA PIU NON SOLO DI VOI MA DI TUTTI!!
    DATO CHE ORMAI NON AVETE PIU NULLA DA PERDERE METTETE DA PARTE LA PIGRIZIA E QUALCUNO DI VOI SI METTA IN GIOCO ANCHE PER GLI ALTRI!!!!
    INCREDIBILMENTE NON MI VIENE IN MENTE NULLA DI REALIZZATO NEI CONFRONTI DI Gestori SHELL-AICO CON I CONTRATTI IN ASSOCIAZIONE IN COMPARTECIPAZIONE? PER TOTAL-ERG,PER API-IP SENZA PARLARE PER Gestori Q8,E VOGLIAMO PARLARE PROBLEMATICHE TAMOIL??
    ESISTONO SOLO E SEMPRE I PROBLEMI ENI.

  • Anonimo

    Vedo che è ben informato sotto il profilo giuridico ma poco sotto il profilo giurisprudenziale visto che Shell ed anche Eni hanno già perso delle cause legate alle associazioni in partecipazione che gli sono costati sonori indennizzi.
    Le cause costano, ma ricordatevi che paga chi perde. ;)

  • mike

    Perchè un Gestore che da anni paga l'iscrizione al sindacato per difendersi dalle continue angherie delle compagnie petrolifere deve pagare un pool di professionisti?
    ALLORA A CHE SERVE IL SINDACATO?
    Se serve a tutelare gli interessi della categoria bene,viceversa che vadano a svolgere altri lavori.

  • anonimo

    Intanto shell continua a proporre il contratto aico... lo hanno proposto anche a me qualche mese fa... fortuna che non ho passato la buffonata della selezione con tanto di interrogatorio, problemino scritto, psicologo e clausola di segretezza! :eek

  • OSEI

    TE SI UN GRAN SFIGA'........................SE SI UN AUTOMOBILISTA MA SE SEI UN TM VERGOGNATI......................PASSA SUGLI IMPIANTI INVECE DI GRATTARTI LE @@ SU INTERNET.............................!!!!!!!!! :upset

  • precario

    Ma qui ce' nessuno che ha gia' firmato AICO ? io si ma e' ora di tirare fuori le @@ e di denunciare a chi di dovere questo scempio..............!!!!!!! Non dobbiamo avere paura peggio di cosi' .........................uniamoci tutti forza amici................................chiediamo aiuto a qualche trasmissione televisiva .....................facciamoci sentire!!!!!!!!!! :upset

  • Marisa


    Poichè la ministro Fornero aveva promesso di cancellare il contratto di associazione in partecipazione, ma di fatto con la legge 92/2012 non lo ha fatto per quanto riguarda l' associazione in partecipazione fra società, perchè tutti insieme non le mandate una mail per spiegarle la situazione? l'indirizzo mail è:

    segreteriaministrofornero@lavoro.gov.it
    ( con avviso di lettura)
    p.s. tanto, sarete costretti tutti a diventare associati in partecipazione di AICO UNO, prima o poi.

  • Marisa

    scusate, nel p.s. mi sono dimenticata di aggiungere " PURTROPPO"

  • Marisa

    andate sul sito : PMI.it e cercate: riforma del lavoro, l'associazione in partecipazione.
    La riforma del lavoro Fornero 92/2012 , ha apportato importanti modifiche per quanto riguarda i contratti di associazione in partecipazione; purtroppo mi sembra che non comprenda i contratti di associazione in partecipazione , fra società.
    Andrea, poichè mi sembri preparato, sapresti interpretare la sopracitata legge? ( al punto: 26/28/29/30) e se riguarda anche le società ?, perchè mi sembra che siano escluse da tale riforma e non riesco ad avere delle risposte neanche dai sindacati. grazie.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie