GestoriCarburanti

Sabato, Sep 21st

Last update:08:32:00 AM GMT

I margini dei petrolieri vengano resi pubblici

E-mail Stampa

Il record nella quotazione del petrolio risale al luglio 2008 quando il barile toccò i 145 dollari. All'epoca ci fu l'impennata del prezzo della benzina, che comunque non superò la soglia di 1,4 euro al litro. Subito dopo il petrolio iniziò una rapida discesa, per poi risailire, fino a toccare nei giorni scorsi la quota di 115 dollari. Ci sono 30 dollari in meno rispetto all'estate di quattro anni fa ma labenzina oggi è a due euro. Pur considerando l'incidenza del valore dell'euro, si arriva alla conclusione che non è l'andamento del petrolio a determinare le variazioni del prezzo nei distributori. Fine di un dogma.

Ecco che allora entrano in campo le quotazioni internazionali del prodotto finito, il Platt's, che in modo incomprensibile, pur in presenza di un calo dei consumi dei prodotti petroliferi, sono costantemente aumentate.

Tali valori sono quelli del mercato all'ingrosso nel Mediterraneo ai quali fanno riferimento le compagnie che apprendono qual'è la quotazione giornaliera di benzina e gasolio, aggiungono il loro margine lordo e comunicano il prezzo di vendita ai gestori. Le quotazioni del Platt's sono diffuse a pagamento da un'Agenzia che elabora i dati forniti dai vari operatori presenti sul mercato. Insomma un meccanismo di formazione del prezzo poco trasparente e per questo, come è successo per i tassi interbancari, sarebbe opportuno che qualcuno a livello europeo facesse un po' di luce. A chiederlo è Antonio Lirosi, responsabile Consumatori e Commercio del PD.

A questo punto bisognerebbe chiedere al ministero dello Sviluppo di ampliare le rilevazioni dell'Osservatorio prezzi, includendo le quotazioni all'ingrosso e anche il cosiddetto margine lordo di benzinae diesel, per fornire all'opinione pubblicagli elementi di conoscenza che contano. Lo stesso ministero ha diffuso in questi giorni la bella notizia che lo "Stacco Italia", ovvero il divariocon lame-dia del prezzo industriale europeo in genere di 3-5 centesimi, si è azzerato. È frutto degli sconti del week-end o in Germania e Francia i carburanti sono aumentati? Nonvorremmoche fosse solo un artificio, in conseguenza del Crescitalia che ha stabilito che la media da comunicare a Bruxelles è calcolata rilevando soltanto i prezzi in modalità self (utilizzata soltanto per il 30% dei rifornimento contro il 90% dei principali paesi Uè).

E' come se per calcolare l'inflazione dei prodotti alimentari, l'Istat rilevasse soltanto i prezzi nei discount. Infine il peso della componente fiscale divenuta in questi mesi sempre più pesante. Il Pd chiede da tempo al governo di reintrodurre il meccanismo dell'accisa mobile, già varato dal centrosinistra nel 2008, cioè di trasferire i maggiori incassi che lo Stato incamera ad ogni incremento petrolifero agli automobilisti abbassando di qualche centesimo le accise. Questo sì, darebbe un sollievo, anche al tasso di inflazione.

Commenti (12)
  • Max

    oltre ai margini dei petrolieri dovrebbero rendere pubblici quelli dei distributori di carburante..almeno la gente capirebbe come stanno le cose e la finirebbe di chiamarci ladro ogni volta che il prezzo sale...

  • marco

    io quanto guadagno tanto o poco che sia non lo dico a nessuno pensa per tè non per gli altri

  • gino

    ma vattene a fanc**o

  • Gigi x Max

    8)

    Anche se rendono pubblici i margini per i Gestori non cambia niente.

    Adesso, anche molti politici, credono che percepiamo almeno il 10 % su quello che vendiamo e i clienti ci trattano da ladri.

    Se rendessero pubblici i margini dei Gestori nessuno ci crederebbe e comunque:
    1) a loro non gliene fregherebbe un c***o
    2) ci direbbero che non capiamo un c***o

    Abbiamo una sola opportunità:
    un sindacato capace di coalizzarci, sciopero vero e TUTTI a Roma a fare tremare le palle ai ladri (QUELLI VERI!)

  • Stefano Finotto

    Già...ma quando il GISC delle provincie di VENEZIA e TREVISO è venuto a ROMA , davanti alla sede dei come li chiami tu "LADRI" dell'Eni in via Laurentina ad aprile, con 70 persone che si sono pagate il viaggio trovando ad attenderle 5 camionette dei carabinieri antisommossa, 3 della polizia , vigili urbani e pure la Digos ( non sto scherzando ) per protestare contro i il mancato rispetto degli accordi del 2010 , tu ed il tuo sindacato dove eravate ? Eppure abbiamo invitato tutti ufficialmente .
    Ti ricordo che negli stessi giorni c'era la protesta dei centurioni romani davanti al colosseo ; 4 gatti che protestavano ,ma non a parole. Voi invece ...
    Organizzate VOI una manifestazione a Roma per ottenere una nuova contrattualistica degna di questo nome e vedrai che i Gestori iscritti al GISC VENETO verranno tutti . Che sia una contrattualistica vera , perchè quella che Faib Fegica e Figisc si appresta ad andare a discutere ci porta dalla padella alla brace !
    A voi la palla adesso. Noi intanto andiamo avanti da soli con le cause contro le compagnie . Siamo stanchi di aspettare e subire .

  • Max  - re:

    ho parlato di margine ...e non di quanto vende un impianto..
    il margine e' ormai noto ma evidentemente l'automobilista non l'ha ancora capita che il nostro guadagno non e' certo direttamente proporzionale all'aumento del costo dei carburanti...
    se poi tu Marco vendi 2 milioni,3 0 4 a me non puo' certo interessare ...quello interessa solo all'agenzia delle entrate ..

    marco ha scritto:
    io quanto guadagno tanto o poco che sia non lo dico a nessuno pensa per tè non per gli altri
  • DonatoII

    :( :( :( Questa discussione e' la prova affinche' questa categoria sparisca.................................POVERI NOI :sigh :sigh :sigh :sigh :sigh :sigh

  • Gestore ip

    Io quando i clienti si lamentano per i prezzi alti dico a tutti che il nostro
    margine e' di appena sopra i 3 cent. e loro fanno fatica a credermi!!!
    spiego anche che l'aumento dei prezzi ci penallizza perche' se prima
    con 20 euro vendevamo 13 litri, adesso ne vendiamo 10 di litri e quindi
    meno guadagno per noi, mentre tutto il resto aumenta: luce ,inps
    inail e tasse varie e' tutto piu' caro e si fa' fatica ad andare avanti!!!! :cry :cry :cry :cry

  • Giancarlo TV  - X ? ? ? ? ?

    Sai quando colui che a maggiormente rappresentato la situazione, viene " Gentilmente " invitato ad andarsene, e le cose vengono fatte tanto per fare, senza porgersi un obbiettivo e perseguirlo fattivamente, evidentemente i risultati se le richieste con modalità per ottenerle sempre simili, otterai sempre la stessa cosa, a proposito 08-08-2012 e 28-08-2012 avevo fatto degli inviti, poi siete voi che vi lamentate del prossimo.

    Saluti

  • Flavio

    Giancarlo, me li sono persi, a cosa si riferivano ?

  • alfonso

    Guarda che non ci dobbiamo vergognare di quanto quadagnamo , la vergognana è proprio quanto guadagnamo. O tu sei un privilegiato ???

  • Giancarlo TV  - re:
    Flavio ha scritto:
    Giancarlo, me li sono persi, a cosa si riferivano ?

    Scusa Flavio ma sono leggermente occupato ti rispondo solo ora,
    ho messo in campo una nuova protesta di fronte al municipio di San Vendemiano (TV ) con crocefisso e cofano funebre dal 08-08-2012 e sit- in giornalistico ho continuato a presidiare giorno e fino a tarda sera, poi il 28-08-2012 con l'allargamento della scenograia di un cannone e ghigliottina con intervento di una associazione locale e dei giornalisti, mi anno bloccato per occupazione suolo publico, seguirà.

    Saluti
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie