GestoriCarburanti

Venerdì, Nov 15th

Last update:08:32:00 AM GMT

DL Fare, UP su aumento Accise

E-mail Stampa

In merito all'aumento di accisa sui carburanti previsto dal cosiddetto dl Fare, l'Unione Petrolifera non può non esprimere perplessità per una misura che penalizza beni che per la loro caratteristica pervasività condizionano le attività economiche di ogni tipo.

Ad essere colpiti dal carattere recessivo di tale aumento, infatti, oltre allo stesso settore petrolifero già in crisi per il calo dei consumi, saranno tutte le categorie di consumatori, nonchè lo stesso Stato che potrebbe registrare una ulteriore diminuzione del gettito fiscale derivante dal calo della domanda carburanti.

Proprio per questa evidenza, considerando anche l'ulteriore effetto negativo del previsto aumento di un punto percentuale dell'Iva (per un totale di circa 2 centesimi euro/litro), il Presidente dell'Unione Petrolifera, Alessandro Gilotti, ribadendo il messaggio contenuto nel suo discorso all'assemblea annuale dell'associazione dello scorso 20 giugno, auspica che "il Parlamento, nella fase di conversione del DL Fare appena iniziata, possa trovare soluzioni alternative a quelle assunte, scongiurando cosi l'effetto di una misura che colpisce l'economia del Paese in un momento di particolare criticità.

E questo - ha aggiunto Gilotti -senza recare quei vantaggi significativi sull'occupazione e sulla crescita richiesti da tutte le parti sociali".

Commenti (3)
  • gest.eni

    Questo governo di larghe intese e di poche vedute,ha partorito il solito topolino dopo avere ascoltato due commissioni di saggi.Chissa quanto li hanno pagati.
    Sempre addosso ai soliti noti.
    EPPURE I SOLDI CI SONO.

    Quando Befera di Equitalia dice che a fronte di un'evasione accertata di 546 miliardi di euro ne hanno recuperato solo 16,ai cittadini onesti gli sale il sangue alla testa.
    Questi soldi non sono di lavoratori e di piccole e medie imprese ma dei soliti noti che si possono permettere di avere i conti nei vari paradisi fiscali che consentono loro di evadere a piacimento.
    I signori di Equitalia sono aggressivi e cattivi con i deboli e debolissimi e ossequiosi contro i forti.
    E li pagano pure profumatamente.
    Non si butta all'aria questo sistema governata sempre da un ristretto gruppo di personaggi che non vogliono alcuna riforma,l'Italia non si salverà e porterà alla fame i lavoratori onesti.

  • ANONIMO

    oltre che i vari amministratori delegati ad esempio SCARONI GUADAGNA UN NETTO DI 6 MILIONI DI EURO ANNUI CON UNA CONDANNA PER TANGENTI MENTRE UN Gestore NE GUADAGNA 3,5 CENT LORDI CON UNA FEDINA PENALE PULITISSIMA.... COMPLIMENTI!!!

  • gest.eni

    Gestori cornuti e mazziati!!!!!

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie