GestoriCarburanti

Martedì, Jan 22nd

Last update:09:26:38 AM GMT

UP, Spinaci sugli effetti del vulnus dell'illegalita'

E-mail Stampa

Staffetta Quotidiana - 'Impedisce la chiusura degli impianti marginali e l'ammodernamento della rete'
'C'è un problema strutturale che impedisce la ristrutturazione della rete e io credo che sia l'illegalità, che è diventato un vulnus che ostacola la chiusura degli impianti marginali e l'ammodernamento dei punti vendita'.

Il presidente dell'Unione Petrolifera torna sul tema dell'illegalità anche quest'anno in occasione della presentazione del preconsuntivo, che si è svolta ieri a Roma, per contrastare il generale calo di attenzione sul problema, ancora più attuale che mai.

'Personalmente sono convinto che ci sia una parte della rete gestita solo a fini malavitosi, cioè per riciclare denaro della criminalità organizzata”, ha detto Spinaci. Con un danno 'autodegenerativo' che colpisce tutti: l'erario, che vede diminuire il gettito delle imposte sui carburanti, il consumatore, che non può usufruire di una rete moderna ed efficiente e l'operatore onesto, che viene messo all'angolo da una concorrenza sleale.

Secondo i dati diffusi ieri, nel 2018 il numero di punti vendita che compongono la rete carburanti dovrebbe attestarsi a 20.800 impianti, 200 in meno rispetto ai 21.000 del 2017, con i marchi delle maggiori aziende petrolifere e quelli della GDO a copertura del 75% del totale, pari a 15.637 punti vendita.

Per il presidente dell'UP, questa vasta rete italiana di distribuzione dei carburanti è 'inefficiente', nonostante pratichi gli stessi prezzi di reti europee più efficienti, come ad esempio quella tedesca. Ma quel che è peggio 'sta invecchiando male” perché dovrebbe investire in nuove infrastrutture e tecnologie, ma non è possibile visto che c'è una parte della rete che tira tutto in basso.

Le norme sulla fatturazione elettronica sono un primo passo ma non bastano. Serve 'la tracciatura completa di tutta la filiera, che renderebbe i controlli più efficienti, consentendo di reprimere le condotte illegali in tempi brevi', ha aggiunto il presidente dell'UP.

L'Unione petrolifera ha recentemente costituito un gruppo strategico chiamato 'Carburanti ed Energie Alternative per la Mobilità', proprio per sviluppare il tema dell'evoluzione delle infrastrutture di produzione, stoccaggio e distribuzione del settore petrolifero, verso infrastrutture al servizio di tutte le forme di energia e tutte le modalità di trasporto lungo l'intera filiera. Un comitato che tra i suoi compiti ha anche quello di traghettare la rete verso altre nuove forme di mobilità, favorendo le soluzioni migliori per portarla fuori dalla palude dell'illegalità.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana 

Commenti (2)
  • pippo

    Egregi dott Spinaci non puo dire " io credo" ,Forse non ha visto la trasmissione Report ,dove era documentata tutta la filiera dell illegalità con tanto di nomi e cognomi
    L unione petrolifera dovrebbe sapere ,chi ,cosa e come ,facendo i nomi di chi organizza il tutto e non presumere
    Avete fatto di tutto per liberarvi dei Gestori,forse l unico baluardo contro certe illegalità , dando in mano pezzi di rete a società che di sociale hanno solo il nome ,
    Mi dovrebbe spiegare come potrà la fattura elettronica eliminare il contrabbando Grazie

  • mario da parma

    prima di tutto cominci a fare chiudere quelli dell'UP
    che risultano incompatibili e a non vendere alle pompe bianche a
    a platz meno 30-40

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie