GestoriCarburanti

Venerdì, Nov 15th

Last update:08:32:00 AM GMT

IP: vogliamo guardare al punto vendita con un occhio nuovo

E-mail Stampa

ip in movimento Staffetta Quotidiana - L'intervento del presidente Ugo Brachetti Peretti al primo Business partner dato IP
Pubblichiamo una nostra trascrizione del discorso che Ugo Brachetti Peretti, presidente e azionista di riferimento del gruppo Api, ha tenuto in apertura del primo Business partner day IP, che si è svolto a Roma venerdì scorso, 11 gennaio, presso l'Auditorium di via della Conciliazione.

Oggi siamo insieme per testimoniare la nascita di qualcosa di completamente nuovo, qualcosa che la generazione prima di noi ha accarezzato più volte e che oggi insieme siamo chiamati a far vivere con il nostro lavoro: il più grande gruppo privato sulle strade italiane, la più grande rete di distribuzione in Italia e in Europa.

Quando alla guida di Api c'era mio padre, alla guida della Erg c'era Riccardo Garrone e la Saras era guidata da Gian Marco Moratti si valutò con molta attenzione di unire le forze nel downstream italiano. L'idea fu approfondita, fu studiata, ma non si realizzò. Forse i tempi non erano maturi. Ora lo sono: un anno fa, il 15 gennaio del 2018, qui a Roma si siglava tra Api, Erg e Total il closing dell'operazione per l'acquisizione di Total Erg. Con grande orgoglio un pezzo importante di un settore strategico della nostra economia tornava sotto il controllo italiano. Lasciatemi dire, un fatto più unico che raro di questi tempi.

Iniziava un progetto su un unico marchio commerciale, ramificato in tutto il territorio, integrato su tutta la filiera del valore e della logistica, lungo le dorsali strategiche del Paese. Trecentosessantacinque giorni non sono passati invano. L'integrazione tra due realtà quasi gemelle, per ambizione e struttura, è andata avanti a pieno regime e di questo sono grato all'amministratore delegato, Daniele Bandiera, e a tutta la squadra che ha lavorato con lui. Oggi siamo pronti a presentarci a voi, partner commerciali e industriali, come una realtà integrata, nazionale, con ambizione e voglia di fare. Anzi, consentitemelo, con voglia di fare meglio di tutti gli altri in questo settore. Perché le sfide sono tante ma tante sono anche le opportunità di un mercato che cambia attorno a un cliente che è sempre più esigente.

Per farlo ci servono le migliori persone e per questo stiamo formando e rafforzando la nostra squadra. Ci servono i migliori prodotti, i servizi oil e non oil. Per questo, con il vostro aiuto, vogliamo mettere in campo la migliore proposta commerciale possibile. E ci servono le migliori idee. Dobbiamo guardare alle grandi trasformazioni antropologiche e tecnologiche, che interessano il nostro settore come tutti gli altri, per cogliere in anticipo le opportunità. Senza mai avere paura di uscire dalla nostra zona di confort. Dobbiamo essere il gruppo più innovativo del nostro settore, sappiamo che il mondo retail ha visto cambiare le regole del gioco più volte in questi anni.

Vogliamo guardare al punto vendita con un occhio nuovo, tenendo a mente un aspetto chiave: che il pieno di carburante rappresenta un passaggio fondamentale nella vita di ogni singolo consumatore, ma che da passaggio vitale dobbiamo caricarlo di altri significati e di altre offerte personalizzate. Il digitale per noi è un grande alleato sotto molto aspetti. Innanzitutto, perché consente di costruire un punto vendita che comunica prezzi, corrispettivi e volumi in tempo reale, con la centrale operativa e le Autorità.

Non dobbiamo temere le innovazioni anche se all'inizio costano fatica. Digitale significa avere strumenti per fidelizzare, misurare, monitorare il cliente in modo più sofisticato e personalizzato. Quando si ha circa un milione di clienti che passano ogni giorno per i nostri punti vendita, significa avere potenzialmente una quantità enorme di dati e informazioni da registrare per migliorare l'offerta. Oggi insieme a voi è il momento di fare tutto questo, con gli strumenti che stiamo mettendo a disposizione. Con i nostri partner di lunga data vogliamo rinsaldare il nostro legame, attraverso il nostro marchio, in un progetto di futuro condiviso. Per loro, per i partner più recenti, così come per quelli che mi auguro lo diventeranno nei prossimi anni, vogliamo dirlo con grande forza: questo è il momento di puntare su di noi, perché siamo diventati grandi, davvero grandi. Perché siamo italiani e perché più di tutti abbiamo creduto in questo settore e nelle potenzialità del nostro Paese e oggi più che mai sentiamo l'orgoglio e la responsabilità di metterlo in movimento. Perché dobbiamo vivere da protagonisti insieme a voi il futuro di questo Paese.

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana

Commenti (13)
  • massimo IP  - blablablablabla

    ditela tutta: per realizzare tutto questo avete bisogno di "schiavi" da pagare con un pugno di riso. non ve ne frega assolutamente nulla dei Gestori che stanno affogando dai debiti per ingrassare le vostre laute budella. ci avete ridotto a delle amebe condannati ad un futuro di disoccupazione... fatela finita con questi discorsi inutili e, a questo punto, offensivi verso i Gestori. a voi interessa solo ed esclusivamente il profitto a costo di passare sopra i cadaveri di chi veramente manda avanti la baracca. mi fate schifo!

  • FLAVIO

    Bello vedere che la figura del Gestore è al centro di tutto..... ahhahahahhah
    Per fortuna sono a fine carriera.......

  • Peretti, quello vero  - Salviamo i Gestori dall'estinzione

    L'occhio nuovo con cui guardano probabilmente è una protesi, perché la maggior parte dei punti vendita cade a pezzi, ha prezzi fuori dalla normale etica del commercio e le gestioni sono abbandonate a se stesse a far fronte, spesso, a, problemi che dovrebbe risolvere la proprietà che invece guarda avanti ma nn vede la buccia di banana davanti a sé e regolarmente ci finisce sopra con ovvio scivolone....se questo è il futuro....

  • Kazunori

    Aspetta aspetta ...adesso parte il rebranding dell'intera rete poi vedrai che meraviglia ;)

  • Marco  - ex Totalerg

    Tanti bei discorsi e tanto entusiasmo....ma forse non avete idea della condizione reale della vostra rete. Gli impianti vengono abbandonati e CHIUSI ovunque, le Gestioni fallite. Ma non è possibile che con tutto il vostro sfarzo non sia possibile mantenere uno stipendio dignitoso per vivere a chi espone la sua faccia per vendere il vostro prodotto??? La vera faccia dell'IP ,quella che vede la gente sulle strade, è il Benzinaio scontento che sa di chiudere presto perchè si è impoverito. Dimenticavo.....andremmo a vendere la benzina a domicilio, siamo gli Uber dei Benzinai......

  • Marco  - Zorro - ex TotalErg

    Un tempo dove il Gestore era un punto di riferimento quando si andava a fare rifornimento ora è diventato una persona superflua sul punto vendita con area self-servito con differenziali di 40 cent. E rimane sull'impianto per 3 cent al litro non ha più senso.

  • Cristiano  - È finito un mondo

    “Il digitale per noi è un grande alleato sotto molto aspetti. Innanzitutto, perché consente di costruire un punto vendita che comunica prezzi, corrispettivi e volumi in tempo reale, con la centrale operativa e le Autorità” :? :?

    Io sapevo che i punti vendita, una volta, badavano a incrementare il venduto e che a questo servivano le gestioni in carne ed ossa. E che il tutto tornava comodo anche alle compagnie, specie l’Api che sul Gestore puntava moltissimo.

    Evidentemente non interessa più la figura del Gestore. In tutto il discorso non viene nominato una sola volta. Ok, andate avanti voi a trasmettere dati in automatico, che resta da dire?

  • Federico

    Forse l'unico atto di coraggio sarebbe
    Restituire tutti ma dico tutti gli
    Impianti con Gestore presenti sulla
    Penisola ci arrangiamo noi ma si
    Arrangino pure loro!!!

  • Max


    l'occhio sara' nuovo ma le tasche sono vecchie e sono sempre quelle dei Gestori con cui fate cassa..sono 15 giorni che non si vedono i conguagli delle carte petrolifere..

  • Kazunori

    Hanno detto che ci stanno lavorando ... arriveranno i bonifici con i relativi interessi maturati :grin :grin

  • Angelo

    Scusate l'intrusione da ex Gestore ora pensionato ma il vero occhio nuovo ce l'ho io che mi sono operato di cataratta e miopia ,per il resto sono tutte cavolate !!!!!!!Dopo aver ricevuto ben due disdette di contratto come ricatto per non aver firmato nuovi accordi ,dal giorno che la disdetta l'ho spedita io (primo maggio 2018 giorno della mia pensione)l'impianto è chiuso nonostante rispetti tutte le norme esistenti !!!!!!!!!!

  • Genny  - Scioperiamo???

    Ci siamo tutti o qualcuno si tira indietro???

  • Asdrubale  - ...occhio nuovo...

    Occhio nuovo... si, di vetro.
    :grin

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie