GestoriCarburanti

Martedì, Mar 19th

Last update:08:32:00 AM GMT

E i big dei carburanti sono in fuga

E-mail Stampa

Chissà che il 2017 non sia l'anno del sorpasso. Con la vendita delle 1.176 stazioni di servizio a marchio Esso alla società inglese Intervias, cresce il numero degli operatori indipendenti. Mentre prosegue la "grande fuga" delle compagnie petrolifere che per decenni hanno fatto il mercato in Italia.

Prima di Esso, collocata sul mercato dal colosso americano ExxonMobil, l'anno scorso era stata la volta di Shell, con il passaggio di 830 impianti ai kuwaitiani di Q8. Mentre è ormai giunto alle battute finale il processo di vendita di Total-Erg, la joint venture nata nel 2010 tra il gruppo francese e la famiglia Garrone: in questo caso, siamo di fronte al boccone più grosso, con oltre 2.700 stazioni di servizio.

Se Total-Erg dovesse andare a un fondo di investimento (e non alla famiglia Brachetti Peretti che gestisce il marchio Ip), le compagnie indipendenti prenderebbero il sopravvento: degli attuali 21 mila punti vendita sulla rete italiana ( in calo del 6% rispetto al 2007 ), te grandi compagnie ne controllano "solo" 11 mila. Un passaggio di consegne inevitabile visto quello che sta accadendo sul mercato dei prodotti petroliferi: dal 2005 al 2016, le vendite di benzina in Italia sono calate del 64,8% e quelle di gasolio del 27,3%. Il boom delle vendite di Gpl, pur cresciute dell'80%, non basta di certo a compensare il calo complessivo dei prodotti petroliferi, visto che si tratta ancora di un mercato di nicchia. Per quanto il mercato del gas per i trasporti ( navi comprese) dovrebbe conoscere nei prossimi anni un nuovo rilancio.

Gli esperti prevedono che la tendenza che vede i gruppi petroliferi lasciare agli "indipendenti" non si invertirà. Il caso di Esso è emblematico: la rete italiana è finita in mano a due fratelli di passaporto britannico, immigrati indiani di seconda generazione: nel 2001 sono partiti dal nulla, con un distributore a Manchester. Nel 2016 sono diventati miliardari, grazie alle 370 stazioni di servizio, tra Inghilterra, Francia, Belgio e Olanda, dove alle pompe aggiungono aree di ristoro - in alleanza con catene come Starbucks e Burger King - e supermercati.

Il calo della domanda, aggiunto al peso sempre maggiore in Italia della fiscalità (negli ultimi 8 anni salito del 25% sulla benzina tra Iva e accise e del 35% per il gasolio), spingono le big oil a processi di aggregazione o addirittura a uscire dal mercato. Per concentrarsi sul loro core business, la ricerca ed estrazione di gas e petrolio. O addirittura, come i Garrone, a riconvertirsi alle energie rinnovabili. Del resto, una riorganizzazione del settore era diventata inevitabile: in Italia abbiamo il doppio dei distributori della Francia e il triplo della Gran Bretagna. Non stupisce che i sindacati, dopo la cessione di Esso abbinao chiesto un incontro urgente al Mise, mettendo al primo punto la tutela dei posti di lavoro di tutto il settore.

Fonte: La Repubblica

Commenti (7)
  • Anonimo

    SE IL SINDACATO A CHIESTO UN INCONTRO AL MISE ALLORA SIAMO SALVI
    IN UN PAESE DOVE LA CORRUZIONE è AL MASSIMO LIVELLO ,DOVE LE MAFIE SONO ARRIVATE IN TRENTINO ,DOVE LA TASSAZIONE è AL 70% DOVE INVECE DI CHIUDERE P V SE NE APRONO DI NUOVI ,DOVE SI CONTRABBANDANO 4 MILIARDI DI LITRI DI CARBURANTE ,UN GOVERNO CHE PENSA SOLO COME FARE UNA LEGGE ELETTORALE AD PERSONA,FREGANDOSENE DEL POPOLO E DELLE IMPRESE ,DOBBIAMO DARE TORTO A CHI ABBANDONA QUESTO PAESE ?

  • PIPPO

    ANONIMO = PIPPO

  • Anonimo

    Meglio non commentare

  • Alex

    Le compagnie fuggono dalla nostra nazione perché per troppi anni hanno applicato forme di contratti di caporalato. Con l'aria che tira dove i Gestori sono tutti indebitati, se dovesse intervenire qualche organo della comunità Europea dove obbliga le compagnie a risarcire i Gestori che nonostante una partita iva non hanno potuto operare come imprenditori, per le compagnie sarebbe un duro colpo, o meglio se dovessero permettere una class action .
    E meglio abbandonare perché quando il gioco si fa duro, ....

  • PIPPO

    Ma secondo te la esso esce di scena perche teme un ricorso alla corte europea di ,per ..... o perche il gioco si fa duro !! E questi sono i Gestori dei quali si dovrebbe aver paura ?

  • Antonio

    Così dobbiamo essere inca,,ati.
    Al mise bisogna andarci noi. Noi, gli unici co...ni che devono pubblicare i prezzi (decisi e imposti dalle compagnie) e ci prendiamo pure le multe.
    Ma con i margini che ci da il retista, cent ma dove vogliamo andare?? Cosa andiamo a fare al mise le s...e! Qui dobbiamo scendere in piazza non vedo altre soluzioni.

  • Antonio

    Vai Alex sono con te, andiamo alla corte europea, non diamoci per vinti. Devono pagare i danni, materiali e morali.

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie