Il pasticcio sulla fattura elettronica

Stampa

e-fattura spilliStaffetta Quotidiana - Ieri l'Agenzia delle Entrate ha convocato la filiera petrolifera per il 25 giugno. Ma intanto la maionese è impazzita
Ieri pomeriggio l'Agenzia delle Entrate ha diramato un invito alle associazioni della distribuzione carburanti per un incontro il 25 giugno. Ma a circa due settimane dall'entrata in vigore dell'obbligo di fatturazione elettronica per le vendite di carburanti alle partite Iva, è scoppiato un putiferio che ha visto coinvolte associazioni, politici e amministrazione finanziaria. E ancora oggi non si sa se ci sarà un rinvio, se ci sarà per qualche mese un “doppio canale” o se saranno solo “congelate” le sanzioni per il primo periodo dell'obbligo.

Dopo l'annuncio dello sciopero da parte dei gestori carburanti, è intervenuto il ministro dello Sviluppo economico Luigi Di Maio annunciando un intervento per il rinvio. Rinvio che era già previsto da alcuni emendamenti bocciati e riproposti in questi giorni in Parlamento.

Nel frattempo Assopetroli è uscita ieri con un duro comunicato in cui denunciava i ritardi dell'Agenzia delle Entrate. L'Agenzia, presieduta dal "renziano" Ernesto Maria Ruffini, ha risposto in serata con una nota piuttosto irrituale in cui ricordava tutto quello che ha fatto in questi mesi, in termini di confronto con le associazioni e di produzione di circolari e norme.

Questa mattina la Fegica, pur apprezzando la disponibilità di Di Maio, rincara la dose denunciando che l'Agenzia non ha ancora messo a disposizione “gli strumenti tecnologici (app e software per pc) indispensabili all'assolvimento degli obblighi previsti dalla normativa”, e che i ritardi e “l'inerzia dell'iniziativa legislativa” stanno alimentando “il grandissimo business che è nato e sta proliferando sulle spalle dei gestori che si vedono costretti a correre precipitosamente ai ripari ed acquistare sul mercato costosissimi prodotti” per l'assolvimento dell'obbligo.

Infine, Unione Petrolifera, attraverso twitter, sancisce la spaccatura del fronte petrolifero: “grazie al lavoro dell'Agenzia delle Entrate e all'impegno del settore – si legge in un tweet – le aziende petrolifere nostre associate impegnate nel contrasto all'illegalità sono pronte dal 1° luglio 2018 per la fatturazione elettronica di tutte le loro vendite di carburanti”.

La situazione è la peggiore che si potesse immaginare, tra ritardi e incertezze. Certo, come denunciavamo in tempi non sospetti, le norme per il contrasto all'illegalità hanno fatto venire in primo piano l'arretratezza di un settore, quello della distribuzione carburanti, che per buona parte ha sofferto negli ultimi anni di una clamorosa mancanza di investimenti, tanto da trovarsi, in parte, impreparata rispetto ai nuovi obblighi.

Altrettanto certo è che le norme, per stessa ammissione dell'amministrazione finanziaria, non brillano per chiarezza.

Come certo è che, in vista dell'entrata in vigore dell'obbligo, tanti gestori, oltre alle società petrolifere, si sono attrezzati, sostenendo anche delle spese. Hanno fatto male a essere previdenti? E siamo sicuri che un eventuale doppio canale (coesistenza carta carburante e fattura elettronica) non creerà più problemi di quanti ne risolva?

E pensare che le norme per il contrasto all'illegalità inserite nella legge di Bilancio erano nate da uno sforzo unitario di tutte le associazioni. Cosa è successo nel frattempo?

Per gentile concessione di Staffetta Quotidiana 


Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie