GestoriCarburanti

Mercoledì, Nov 13th

Last update:08:32:00 AM GMT

Vertenza benzinai: i petrolieri si arroccano e il governo impotente si arrende sciopero confermato il 12 e 13 dicembre

E-mail Stampa

Nemmeno il Governo dei tecnici trova la forza e gli strumenti adatti per costringere le compagnie petrolifere a rispettare le leggi vigenti e che esso stesso ha introdotto.

Le evidenti violazioni, da ultimo dello stesso decreto “cresci Italia”, che hanno portato alla proclamazione dello sciopero nazionale dei Gestori, vengono persino rivendicate dai petrolieri, senza che il Ministero dello sviluppo economico sia stato capace di opporre qualsiasi freno a comportamenti che costituiscono una vera e propria aggressione nei confronti di circa 24.000 piccole imprese di gestione e di oltre 120.000 lavoratori occupati nel settore.

Si tratta di una situazione assurda e intollerabile -commentano, con una nota congiunta, le Organizzazioni di categoria dei Gestori, Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio, al termine dell’incontro infruttuoso tenuto questa mattina presso il Mise- che certifica l’impotenza delle Istituzioni di fronte a comportamenti gravissimi di lobby potenti che scaricano ingiustamente su lavoratori, cittadini e l’intera collettività costi incalcolabili.

In un contesto sociale tanto deteriorato, ai gestori non viene data altra scelta che confermare tutte le forme di protesta già annunciate, a cominciare dallo sciopero nazionale che avrà le seguenti modalità:

•     su viabilità ordinaria, dalle ore 19.00 dell’11, alle ore 7.00 del 14 dicembre;

•     su rete autostradale, dalle ore 22.00 dell’11, alle ore 22.00 del 13 dicembre.

Rifornimenti a rischio, poi, anche per la settimana prima di Natale, a causa del preannunciato rifiuto di molte compagnie petrolifere di rifornire gli impianti, in vista del cosiddetto “NO RID DAY”, vale a dire del rifiuto dei gestori di pagare una fornitura di carburante tra i giorni 17 e 22 dicembre prossimi, per protestare contro il rifiuto delle compagnie stesse a rinnovare i contratti collettivi scaduti da anni.

Inoltre, tra Natale e Capodanno, per gli automobilisti non sarà possibile pagare il pieno attraverso le carte di credito ed il pago bancomat, per protesta contro il rifiuto delle Banche ad applicare la norma di legge che prevede la gratuità dell’utilizzo della moneta elettronica, sia per i Gestori che per i consumatori, per il pagamento dei rifornimenti fino a 100 euro.

Infine, Faib Confesercenti, Fegica Cisl e Figisc/Anisa Confcommercio confermano la manifestazione nazionale dei Gestori per il prossimo 12 dicembre, primo giorno di sciopero, a Piazza Montecitorio, di fronte alla Camera dei Deputati, per sollecitare le Istituzioni e il Parlamento a difendere il rispetto delle leggi che esse stesse promulgano.

Commenti (29)
  • Anonimo

    TUTTI A MONTECITORIOOOOOOOOOOO

  • MIRKO VICENZA

    ORA O MAI PIU CHIUDIAMO TUTTI INSIEME PER NON ESSERE POI COSTRETTI A CHIUDERE

  • anonimo

    e con privati e pompe bianche ..........come la mettiamo se rimangono aperti?

  • Massimo  - Ma a te che ti frega

    privati e pompe bianche stanno bene...NOI NO E CHIUDIAMO

  • oro

    privati e pompe bianche non ci devono interessare

  • GIGI748

    i privati e le pompe bianche sono ancora la minoranza sul territorio nazionale! non chiudono? facciamoli chiudere noi!!! c***o SVEGLIA!!!!!!!!!

  • oleoblitz  - e chi se ne frega

    privati, pompe bianche, supermercati, impianti ghost, e chi più ne ha ne metta, vallallà che se le compagnie petrol di qualunque colore vogliono difendere i loro impianti e ora ke si diano una svegliata non aver paura di niente colleghi tanto la rovina ai rovinati ke ce può fà...avanti cosi' risvegliamoci da questo lungo sonno, padroni del nostro destino... :) :) :)

  • Anonimo

    se le compagnie si rifiutano di rifornirci, peggio per loro, vuol dire che lo sciopero dura qlc gg in più...tanto peggio di così

  • Gestore ENI

    Buongiorno a tutti e speriamo ben SVEGLIATI.

  • Anonimo

    si scipero sciopero pero ieri sera a como alla riunione in confcommercio su 90 eravamo a malapena in 30 vedremo in quanti chiuderanno siamo disuniti purtroppo e menefreghisti

  • Moreno Parin  - Riunione

    Riunione in quale provincia?

  • Lino Q8

    Oltre,quindi,al danno anche la beffa:
    Il danno : delle Compagnie che ci hanno,continuano e se ........... continueranno a farci;
    la beffa :dello Stato che dovrebbe fare da garante e costringere "al rispetto delle leggi "ma non se ne fregano un amato c....o.
    SIAMO SOLI MA UNITI SIAMO TANTI ,più di altre categorie che hanno salvato il proprio posto di lavoro.
    SCIOPERO AD OLTRANZA SENZA SE..... E SENZA MA... Facciamoli andare a piedi, anche alle Compagnie compresi i MANAGER del ca.........oooooooooooo!PARALIZZIAMO l'ITALIA E POI VEDREMO..........
    In bocca al lupo!!!

  • mario da parma

    la gis veneto non siopera ,qiundi ha ragione l'Agip

  • Moreno Parin  - per mario da parma

    E perchè dovremmo scioperare contro gli accordi volutamente sottoscritti dalle tre Federazioni Nazionali, sono loro che vi hanno portato in questa situazione e adesso vi sbattono in piazza per nascondere le loro mancanze.

  • Anonimo

    DOMANI per bloccare le pompe bianche basterebbe andare in 3 Gestori e a passo di lumaca prepararsi al rifornimento fare 10 cent pagare con bancomat e continuare cosi per tutto il giorno cosi si blocca tutto !!!!!!!

  • nino sardegna

    per moreno parin da nino sardegna .caro moreno io non ti conosco ma credo che tu sia un vecchio collega,uno che sicuramente negli anni ne ha visto di scioperi e altro.la nostra categoria è finita nel momento in cui il prezzo non è uguale per tutti,ma quello che andremo a pagare noi il prezzo, sarà molto più alto !! ed è per questo che bisogna unirci in questo momento ,tralasciando se pur a denti stretti quello che i sindacati non hanno fatto in questi anni. potremmo parlare per giorni ,mesi, anni ,ma lo sciopero è la nostra arma oggi tutti ne parlano fino a ieri nessuno!!!!!.

  • massimo  - X nino sardegna

    MORENO PARIN è IL PRESIDENTE DI GISC VENETO

  • un collega stufo

    Caro moreno , leggo spesso e volentieri i tuoi interventi e molte volte li condivido.
    ho già espresso decine e decine di volte il mio pensiero in merito alla triplice , alla situazione attuale e a come io ritenga obsoleta e poco efficace questa forma di protesta, ma ora questo c'è e questo io farò !
    capisco i tuoi disappunti ma ora si dovrebbe accantonare le divergenze e comunque dare segno di unità !!!
    dai moreno ... ORA FAI CHIUDERE I TUOI AFFILIATI !!!

  • gest.eni  - per Moreno Parin

    Non facciamo il processo alle decisioni prese in passato,
    Certo,sono stati fatti degli errori da parte di tutti,nessuno escluso.
    Adesso questa è la madre di tutte le battaglie perche siamo TUTTI sull'orlo del fallimento.
    Ripeto,TUTTI.
    Adessso c'è da fare solo una cosa:BISOGNA METTERE AL CENTRO DI TUTTO SOLO E ESCLUSIVAMENTE L'INTERESSE DEL Gestore!
    Vista la drammaticità del momento,finalmente è stata trovata l'unione sindacale.Partecipate anche Voi senza se e senza ma.
    TUTTI A A ROMA!
    Non possiamo permetterci il lusso di essere 4 gatti.Le petrolifere sono già pronte per strumentalizzare un eventuale flop.
    TUTTI A ROMA!!!!!!
    UNITI possiamo sprigionare una forza inarrestabile.I colleghi sempre ipercritici sono sempre alla ricerca di un alibi per non scioperare e raccattare le bricione lasciate dai colleghi che lotteranno.


  • enos  - gia dato

    Io in compagnia di pochi altri Gestori lo sciopero lo stiamo facendo da aprile, quando ci siamo rifiutati di accettare l'iperself h 24, e quindi non abbiamo partecipato all'abbuffata dello scontone, non voglio colpevolizzare nessuno, ognuno di coloro che hanno firmato ha un buon motivo per aver accettato l'h24, ma l'avvento dell'h 24 di fatto cancella il ruolo del Gestore che di fatto non serve più, oltretutto per ben tre mesi i Gestori eni firmatari dello scontone hanno di fatto insegnato agli utenti a rifornirsi da soli al self service pre pay e di fatto ci siamo tagliati le p...le da soli.
    Il fatto più grave è che hanno accettato l'24 i dirigenti delle associazioni di categoria compresi i presidenti delle stesse, gli stessi che ora ci chiedono di fare sciopero e sono sempre quelli che hanno firmato accordi con tutte le compagnie (a parte esso che non fa pagare gli sconti) che prevedono la partecipazione del Gestore agli sconti praticati dalle compagnie, ed ora ci chiedono di fare sciopero "contro la partecipazione allo sconto".
    Per quanto riguarda la nuova contrattualistica mi è passata tra le mani una bozza di contratto di commissione, che mi dicono essere la proposta delle associazioni, nell'articolato di tale contratto a carico della compagnia c'e un articolo con tre lettere a,b,c, a carico del Gestore non basta l'alfabeto....
    Io assieme ad altri colleghi un po di casino a montecitorio lo abbiamo fatto, ora tocca ad altri.
    Tirem inans

  • Anonimo  - incredibile

    sono un collega della provincia di lecce, è spaventoso il lassismo che regna nei colleghi. tutti con le file ai distributori dopo l' annuncio dello sciopero. domani e dopodomani tutti a guardare il cielo xchè si venderà pochissimo o niente. ogni giorno a sentirci al telefono x lamentarci. ma allo sciopero chi aderisce? nessuno. qui ci vuole uno psicologo...

  • mario da parma

    caro moreno ,voi dovreste sioperare per lo stesso motivo per cui voi ci chiedavate di venire a ROma per diffendere degli interessi settoriali dell'eni

  • gest.eni  - per enos

    Io so che la bozza del contratto di commissione è quella proposta dalle petrolifere che le associazioni di categoria hanno rispedito al mittente.
    Se fosse stata interessante per noi Gestori l'avremmo presa in considerazione e avremmo aperto una trattativa.Non ti pare.
    Invece siamo qui a scioperare.
    Speriamo che tu non sia quello che divulga notizie non vere solo con l'intento di mistificare la realtà e dividere i Gestori.O sei un assistente rete.
    Comunque è un atteggiamento per crearsi un alibi e non scioperare.

    Cari colleghi,se tutti ci comportiamo in questo modo le petrolifere ci schiacceranno come dei vermi.

    UNITI SIAMO UNA POTENZA E SI VINCE.

  • Moreno Parin  - per tutti

    Comincio con il sorrisaccio che mi sono fatto nel leggere il gest.eni che definisce l'amico Enos un possibile assistente rete, scusami ma tu di sindacato non devi essertene mai interessato altrimenti una così grossa non l'avresti mai sparata.

    Agli altri chiedo se conoscono il significato dei termini condivisione, dialogo e simili, perché è troppo comodo dire fai chiudere i tuoi Gestori pur non condividendo le modalità di sciopero, oltre a parecchio altro, troppo comodo non essere venuti a Roma e poi chiederlo a noi, quanto agli errori del passato, molto recente però,troppo recente direi, si possono anche perdonare ma non si può certamente perdonare chi continua a sbagliare, le porte all'h24 sono state spalancate dai sindacati nazionali, pure quelle della compartecipazione degli sconti Q8, poi quelle sulla gratuità delle carte di credito e bancomat, la legge è molto chiara e questo permette alle banche di rispettarla, bastava aver scritto: "nessun onere o costo diretto o indiretto sotto qualsiasi forma può essere richiesto ai Gestori per l'utilizzo delle carte di credito e/o bancomat e/o carte di debito e/o carte di pagamento petrolifere" semplice e banale, non hanno fatto nessun errore, la cosa è stata fatta di proposito e i sindacati, meglio il sindacato figisc , poi gli altri due se ne sono appropriati ha accettato una definizione che cambiava solo il nome del balzello, e voi tutti contenti a crederci.
    E noi dovremmo sostenere questi dirigenti sindacali, ma vaaaa!

    E dello sciopero non gliene frega niente a nessuno, interessa solo ai media perchè fa notizia e ai clienti che impazziscono per due giorni senza benzina, nemmeno facessero 500 chilometri al giorno.

  • ivan

    Ciao Moreno...io sono in sciopero da ieri mattina alle 9...la provincia di treviso ha un altro impianto CHIUSO...se non te lo avessero già detto.

  • Moreno Parin  - per Ivan

    no, non me lo avevano detto ma sapevo già che sarebbe successo anche a te, mancava solo la data, purtroppo è arrivata.

    Ti auguro di trovare di meglio che questo mondo di matti della distribuzione dei carburanti, mondo senza futuro.

  • Ivan

    Sicuramente troverò di meglio...ma ho deciso di combattere...vedremo...

  • gest.eni  - per ivan

    Ivan,
    complimenti.
    Solo combattendo si vince.Spero che molti altri colleghi di Treviso ti seguano,che capiscano che questo non è il momento di polemizzare sugli errori del passato.
    Il momento è drammatico per tutti e non ci possiamo permettere di trovarci a Roma in 4 gatti.
    Le petrolifere ne uscirebbero rinforzate.

    SCIOPERO E TUTTI A ROMA.

  • X Gestore eni

    Guarda che sono in sciopero per sempre!!ho consegnato l'impianto...chiuso forever...

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie