GestoriCarburanti

Martedì, Oct 22nd

Last update:08:32:00 AM GMT

Carobenzina: ennesimo aumento trainato da Eni mentre il governo rimane a guardare

E-mail Stampa

LA COMPAGNIA DI STATO PRIMA ALZA I PREZZI ALLE STELLE E POI FA PUBBLICITA’ MILIONARIE PER RECLAMIZZARE GLI SCONTI.

I GESTORI “SCRIVONO” AGLI AUTOMOBILISTI E LI INVITANO A NON LASCIARSI INGANNARE.

Un aumento dei prezzi dei carburanti ogni tre giorni, in media, dall’inizio dell’anno ha portato la benzina alle soglie dei 2 euro al litro ed ora eni, la compagnia di Stato, investe decine e decine di milioni di euro per pubblicizzare gli “sconti”. 

Che altro deve accadere perché i Ministri dell’Economia e dello Sviluppo Economico intervengano?

L’”inganno” perpetrato ai danni dei cittadini e dell’intero Paese -si legge in una nota diffusa dalla Fegica Cisl- è sotto gli occhi di tutti.

Un comportamento tanto più deplorevole mentre i prezzi internazionali e sul “libero mercato” (cosiddetto “extrarete”) sono in discesa e perché realizzato attraverso la “promessa” di uno “sconto” che eni intende accollare alla collettività due volte: la prima portando preventivamente i prezzi alle stelle; la seconda inasprendo il già difficile contesto occupazionale e sociale del Paese, espellendo gestioni e decine di migliaia di addetti impiegati presso gli impianti, sostituiti dalle macchinette del self service aperte 24 ore al giorno.

Una situazione gravissima, peraltro già denunciata formalmente anche al Ministro del Lavoro, Fornero, e alle rappresentanze sindacali di CGIL, CISL e UIL

Si tratta con ogni evidenza -prosegue la nota- di una “risposta trasversale” di eni contro la liberalizzazione del settore voluta dal Parlamento con la legge appena approvata che individua, oltreché nella costituzione del mercato all’ingrosso, proprio nei gestori gli attore che, liberi dai vincoli che attualmente ne limitano l’azione, possono accrescere il grado di competitività nel settore, limitare lo strapotere delle compagnie petrolifere ed ottenere un efficace effetto calmierante dei prezzi dei carburanti.

Per questo -conclude la nota- oltre 2000 gestori eni che, malgrado le fortissime pressioni ricevute dalla compagnia, hanno deciso di non aderire all’iniziativa cosiddetta “iperself h24”, proprio in questi giorni esporranno sui loro impianti e consegneranno agli automobilisti italiani una lettera/volantino (in allegato), il cui testo è stato elaborato dal Coordinamento Nazionale Unitario di Faib Confesercenti e Fegica Cisl, con l’invito a non lasciarsi ingannare.

Scarica il volantino informativo su iperself h24

Commenti (14)
  • mario api ip

    grazie a voi Gestori agip sono nati gli sconti, ora vi fanno male ?
    sapete come mi sentivo io quando i miei cleinte mi dicevano , vado all'agip risparmio.. :upset .. bene
    mettetevi d'impegno e influenzate anche quelli delle atre compagnie.. chissa si finisce sta guerra dei poveri , buon lavoro :x

  • maurizio

    bravo Mario hai proprio ragione prima fanno gli sconti e poi si lamentano.

  • Gigi

    8)

    Il volantino lo dovevamo fare noi contro i Gestori Agip che (non dimentichiamoci) con il loro iperself hanno cercato di fottere tutti.

    .............come dice il detto? Chi semina raccoglie??

  • Roberto Gestore IP

    Parole Sante !!! i Gestori Agip ci hanno Sempre Guardato Dall'Alto Verso il Basso , TUTTO QUELLO CHE DICEVANO I DIRIGENTI ERANO COMANDAMENTI , NESSUNO CHE FACEVA OVER PRICE , TUTTI ADERIVANO ALLE CAMPAGNE PROMOZIONALI ( PUNTI , PANETTONI , , OVETTI ECT ECT ....... e Adesso ??? SPUTATE NEL PIATTO DOVE VI SIETE ABBUFFATI FINO A IERI ???

  • stefano Gestore agip

    calmati!!! ci sono quelli che non hanno mai fatto iperself , mentre l'over l'ho fatto eccome; comunque a rosicarti non migliora la tua posizione, anche per te il futuro non è rosa te lo dice un Gestore che ha fatto 20 anni con l' IP e 35 di gestione come famiglia.

  • ipstation

    Come ho già scritto in un altro post ai clienti non frega nulla dei nostri problemi,se falliamo con debiti,se ci suicidiamo,a loro interessa solo risparmiare 1 euro sul pieno mentre vanno in vacanza(beati loro),a vedere la partita ecc.
    Provate a leggere i commenti della gente comune sui siti automobilistici (4ruote giusto x dirne uno)quando c'è qualche notizia che ci riguarda,ultima in ordine cronologico la protesta dei Gestori autostradali :
    siamo noi la causa di tutti i mali anche di fronte a tutte le tabelle che dicono che è colpa delle accise,tasse,petrolieri,la colpa è nostra di fronte ai loro occhi bendati !!!

  • marco Gestore AGIP

    io ho mandato una segnalazione alle iene vediamo se mi prendono in considerazione :)

  • PEPPE  - guerra tra poveri

    il vero problema è che, con la riduzione dei consumi e l'aumento dei prezzi, siamo diventati troppi. Fino a qualche anno fa un impianto riusciva a stare in piedi con un milione di litri o poco più, oggi impianti da tre milioni sono a rischio se fanno credito o hanno dipendenti. La verità è che siamo diventati tutti più poveri, e i ricchi non spendono certo i soldi nei negozietti o dal benzinaio. Vedete le cifre dei produttori dei beni di lusso, e vi renderete conto di quanto ciò sia vero. Credo che dovremo tutti rassegnarci ad un'esistenza più modesta, per cui si salvi chi può.......

  • Gestore ip

    Ragazzi io ho già chiuso non mi faccio più mangiare i miei soldi da loro tanto ci guadagnano solo loro

  • Anonimo  - Gestore IP 2

    ti seguo ho gia' mandato la disdetta che mandino gli indiani ad aprire i loro impianti.....

  • mario api ip

    credo che a breve tempo saremo tutti costretti ad abbamnonare l'impiantoi, maghari non ci dicono nemmeno grazie .. sto cercando di resistere, la paura e il dopo chiusura che faremo ?

  • un collega stufo

    io resisto solo finchè non trovo un altro lavoro ..
    il problema è solo quello ormai ...
    trovarmi un alternativa ...
    e questo non è certo il periodo delle offerte ...

  • Anonimo  - per chi ha la forza di resistere

    Sono daccordo che per chiudere si ha bisogno di un'altra alternativa pero' stare aperti per indebitarsi mi sembra piu' assurdo, se prima un impianto con 1.000.000 di litri ( almeno nel mio caso e con 53% self e 47% servito) si manteneva discretamente bene adesso con i cali di vendite e con la conseguenza anche che oggi giorno piu' automobilisti si sanno fare carburante da soli (vedi donne, anziani ecc....) sara' sempre piu' dura mantenersi.
    Quindi credo che passando a 700.000 litri e di sicuro con un 60% self e un 40% servito non si coprano quasi neanche le spese.
    P.S. e sono di quelli che il self per me e' sacro e cioe' se scendi te la fai e seno' puoi anche andare via non come altri che si calano i pantaloni e servono nei self.

  • mario api ip

    ai perfettamente ragione , dove sono io non esiste self che funziona col fai date , tutti che gli fanno benzina , putroppo chi a dei dipendendi gli obbliga a fargi benzina tanto so pagati , io non ho isola self e di lamentele ne sento parecchie e conseguenti cali di vendite , tiriamo la cinghia...

Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie