GestoriCarburanti

Martedì, Feb 18th

Last update:08:32:00 AM GMT

Mud, c'è la proroga

E-mail Stampa
Sarà il 30 giugno 2010 il termine ultimo per la presentazione del Mud, il modello unico di dichiarazione ambientale che tutti i produttori di rifiuti (imprese, artigiani, commercianti) devono annualmente presentare alle camere di commercio. Il consiglio dei ministri ha dato il via libera a un decreto legge con la proroga di due mesi del termine originariamente fissato per il 30 aprile.
Dopo il fallimento del tentativo di inserire la proroga nel DL incentivi (culminato nella dichiarazione di inammissibilità che ha colpito l'emendamento parlamentare a firma Abrignani-Fallica), viene scritta la parola fine su una situazione di estrema incertezza per le imprese nell'anno che segna il passaggio dal sistema cartaceo di rilevazione dei rifiuti al nuovo sistema elettronico Sistri. Un caos normativo incrementato dal pasticcio compiuto dal governo che sulla Gazzetta Ufficiale n. 98 del 28 aprile 2010 ha pubblicato il nuovo modello Mud (così come modificato dal dpcm del 27 aprile 2010), ma in una versione sbagliata (con molti errori materiali e l'omissione di numerose schede) a causa, pare, di un errore tecnico. Di qui la necessità di ripubblicare una nuova versione, corretta, del dpcm che probabilmente andrà in Gazzetta lunedì, assieme al testo del decreto legge di proroga approvato da palazzo Chigi. Il termine del 30 aprile è dunque destinato a scadere prima dell'entrata in vigore della proroga, ma nessuna conseguenza negativa potrà ricadere sulle imprese fino a quando non sarà pubblicato in G. ZI un modello valido.
In attesa che il dpcm del 27 aprile entri in vigore (15 giorni dopo la sua pubblicazione in G. ZI, quindi dal 13 maggio) nella versione riveduta e corretta, si potranno utilizzare la modulistica e le istruzioni contenute nel vecchio modello allegato al dpcm 2 dicembre 2008 pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 278 del 17 dicembre 2008. La sanatoria delle dichiarazioni presentate secondo il vecchio modello è infatti espressamente stabilita dal decreto legge voluto da Stefania Prestigiacomo. Il ministro dell'ambiente non nasconde la soddisfazione per l'approvazione del di. "Oggi l'Italia può dire di aver attivato per i rifiuti speciali e pericolosi un sistema all'avanguardia in Europa ottenendo il massimo in termini di controllo ambientale, efficienza e risparmio per le aziende".
Confìndustria ha preso atto con soddisfazione della proroga del Mud. Secondo viale dell'Astronomia lo slittamento del termine al 30 giugno pone rimedio a una "situazione paradossale" ed è "indispensabile per garantire l'operatività delle imprese". Oltre a Confìndustria tirano un sospiro di sollievo anche Confcommercio, Confartiaianato, Cna, Casartigiani e Confesercenti che, in una nota congiunta, segnalano come il governo abbia "accolto il pressante appello lanciato in questi giorni dalle associazioni imprenditoriali, giungendo, anche se all'ultimo minuto, a una soluzione indispensabile per garantire l'operatività delle imprese".
Commenti (0)
Commenta
I tuoi dettagli:
Commento:
[b] [i] [u] [s] [url] [quote] [code] [img]   
:):grin;)8):p:roll:eek:upset:zzz:sigh:?:cry
:(:x
SECURITY
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell\immagine.
Commentando dichiari di aver preso visione e di accettare i termini e condizioni di utilizzo di questo sito.
Per mantenere un livello civile della conversazione, verranno eliminati tutti i commenti che contengono: turpiloquio, offese, violazioni della privacy, off topic, istigazioni alla violenza o al razzismo, minacce ecc. Gli utenti che violeranno ripetutamente la nostra policy verranno bloccati/bannati. La Redazione.

Articoli correlati:
Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie