Da un'Authority all'altra senza guardare il curriculum

Stampa
C'è attesa per la riunione del consiglio dei ministri di domani dalla quale potrebbe uscire la nomina del nuovo presidente della Consob. All'ordine del giorno della riunione ufficialmente c'è soltanto il federalismo, ma questo è normale: le nomine non vengono mai annunciate nero su bianco. Candidato con le maggiori chance di salire al  vertice dell'Authority che vigila sulle società quotate (CONSOB) resta Antonio Catricalà, presidente dell'Antitrust in scadenza dal suo attuale incarico dal febbraio 2011. L'accordo politico sul suo nome è stato raggiunto nei giorni scorsi e, salvo stravolgimenti dell'ultimo minuto, dovrebbe spuntarla. Anche per questo motivo molti ritengono, che la nomina possa essere fatta già domani, anche se il premier Silvio Berlusconi non sarà presente perchè impegnato all'estero. A tal Propsito vogliamo riportare un articolo apparso oggi su Libero Mercato, a firma di DAVIDE GIACALONE, a nostro avviso molto bello, su come avvengano le nomine e sul livello di meritocrazia nel deciderle.

È in corso un importante giro di nomine, che rimette in moto la giostra del potere. I più si soffermano a studiare la mappa degli spostamenti, seguendo la ragnatela delle amicizie, delle gratitudini, dei crediti accesi e dei debiti saldati, cercando di prevedere l'andamento del borsino dei potenti, anche per correre a raccomandarsi.
Nel calderone finisce di tutto, non distinguendosi le autorità di garanzia (dalla Consob all'Agcom all'Antitrust) dalle aziende di Stato (dalle Ferrovie alla galassia Rai) passando per le casseforti finanziarie e consulenziali (Cassa Depositi e Prestiti, lnvitalia). Né, di distinguere, sembrano capaci i candidati e gli aspiranti, che passano da una funzione all'altra, con evidente consapevolezza delle proprie capacità. In questo festival del "dove vado e cosa mi dai", si segnala la vera anomalia del mercato italiano.

L'ETÀ COME MERITO
Al tema ci s'accosta con lo stesso spirito con cui si partecipa ad un pettegolezzo: sai, il Tizio ha litigato con Caio, perché non ha fatto il piacere a Sempronio, ma ora viene risarcito dal Tale, perché fece comodo ai suoi amici della M'inciucio Spa. Oppure si usano unità di misura inappropriate, come quelle dell'età: Lamberto Cardia, ho letto, non solo è in Consob dal 1997, non solo ha 76 anni, ma s'appresta a prendere la presidenza delle Ferrovie. La meritocrazia è così distante dai costumi nazionali che ci s'attacca a tutto, anche all'anagrafe, pur di non misurare le persone in base alle capacità.
Ma lasciamo perdere la meritocrazia, tanto sono parole al vento, vengo al dato più macroscopico, quello talmente evidente che nessuno ci fa caso: è mai possibile che nessuno di questi signori voglia diventare ricco? I soldi, se lecitamente guadagnati, sono un tributo alle capacità, perché gente di così alto valore professionale preferisce restare a reddito fisso e garantito? Non solo lo preferisce, ma si batte per non perdere la "sistemazione". La risposta è: perché il nostro è un sistema malato, in cui il mercato è occupato dallo Stato e il personale che lo amministra vale poco.
In un sistema sano il percorso dovrebbe essere quasi opposto: ci si distingue per bravura e, in ragione di ciò, si viene scelti per una determinata funzione pubblica; la si assume come un onore e la si onora con spirito di servizio, essendo pagati meno di quel che si vale nel mercato, ma arricchendosi di conoscenze e mestiere; quindi si conclude l'esperienza e si torna allapro-pria professione, monetizzando le tante cose imparate e diventando, se possibile, ricchi. Così succede nei sistemi sanLDanoino.Danoimisen-to ancora rimproverare (scusate il riferimento personale) di avere collaborato all'elaborazione di leggi e, poi (dopo otto mesi), di essermi "venduto" a quelli che le dovevano applicare.
si dovrebbe fare, non rimanendo tuttala vita a carico dello Stato. Coltiviamo, invece, l'impermeabilità fra Stato e mercato, così accrescendo due mali: queEo di una classe di mandarini, che si scambiano il posto ma non cambiano la funzione, e quello di un'imprenditoria che non sente le regole come proprie e non le vive come valori ma come impedimenti. Per giunta con ragioni da ambo le parti, perché nell'eterna conservazione dell'esistente occorrono, nelle autorità pubbliche, più capacità d'aggirarsi nella selva delle regole che non visione strategica e volontà di disboscare. Del resto, quelle regole sono così cervellotiche e intimamente immorali che c'è un solo modo per sopravvivere loro: farle fesse.
Così proseguendo precipitiamo il Paese nella regressione corporativa e medioevale, consegnandone il governo ai magistrati amministrativi e delegando ai briganti l'innovazione. Statene certi, la fiera delle nomine si chiuderà, si conteranno i vincenti e i perdenti, ma i loro nomi saranno sempre gli stessi. La mattina dopo, quando le caselle saranno riempite, ciascuno prenderà le misure per continuare il proprio Monopoli, ma alla fine controllori e controllati sapranno parlare la stessa lingua, quella dell'accomodare. Non ci perde nessuno, quindi? Eccome: è la disfatta del merito, l'umiliazione della qualità, la frustrazione delle speranze, l'eterna emarginazione dei giovani. Poi, se volete, cambiate qualche articolo della Costituzione (che andrebbe cambiata su larga scala), così ci campiamo di seminari, nei prossimi anni.

Articoli più recenti:
Articoli meno recenti:

Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare i servizi offerti e ottimizzare l'esperienza dell'utente. Inoltre utilizziamo i cookie per personalizzare i contenuti e gli annunci, per fornire funzionalità di social media e analizzare il nostro traffico.Condividiamo informazioni sull'utilizzo del nostro sito con i nostri social media, i partner di pubblicità e analisi che possono combinare tali informazioni con altre informazioni che hai fornito loro o che hanno raccolto dal vostro uso dei loro servizi. Proseguendo la navigazione accetti di ricevere i cookie. Per saperne di piu' leggi la nostra privacy policy.

Accetto i cookies di questo sito.

Informativa e acquisizione del consenso per l’uso dei cookie